The bank - Il nemico pubblico N.1

Titolo originale: THE BANK

share

The bank - Il nemico pubblico N.1 è un film di genere drammatico del 2001, diretto da Robert Connolly, con David Wenham e Anthony LaPaglia. Uscita al cinema il 15 febbraio 2002. Durata 103 minuti. Distribuito da FANDANGO.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3 di 5 su 11 voti


TRAMA THE BANK - IL NEMICO PUBBLICO N.1:

Vero e proprio genio della matematica, Jim Doyle è attualmente impegnato nello studio della teoria dei "frattali", alla ricerca di una formula in grado di prevedere i rovinosi crolli del mercato azionario. Ma il software che sta ideando Jim, e soprattutto le sue potenzialità, accendono la fantasia dell'avido Simon O'Reilly, amministratore delegato della Centabank attualmente in difficoltà a causa dell'allegra gestione che ha portato l'istituto di credito sull'orlo della bancarotta. Per questo riesce a convincere Jim a lavorare per la Centabank. Con una disponibilità infinita di denaro, il matematico (intanto sempre più attratto da Michelle, un'impiegata della banca) perfeziona la sua teoria. Ma l'avidità di O'Reilly sta per scatenare un gioco senza esclusione di colpi.

CRITICA DI THE BANK - IL NEMICO PUBBLICO N.1:

"Un thriller sul fenomeno più contemporaneo: l'enorme incontrollato potere non soltanto dell'economia e della attività finanziarie ma anche delle banche (...) Denuncia interessante e appassionata, chiarisce pure in alcuni meccanismi del mercato finanziario che è utile conoscere per cercare di evitare disastri". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 15 febbraio 2002) "Thriller bancario dell'avidità, con i buoni che vincono e il cattivo che perde. (...) Il gusto visivo di Robert Connelly, giovane produttore esordiente nella regia (con il sostegno del nostro Procacci), è migliore della storia che racconta, programmatica e di scoperto moralismo. Le stanze dei bottoni, dell'alta finanza hanno una luce obliqua e sospetta. Le grisaglie del comando sono lucenti di nero. Così, diventa tetro proprio ciò che dovrebbe essere luminoso, l'agiatezza, il successo". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 14 febbraio 2002) "Benché l'idea di ricchezza e rovina manovrate attraverso mezzi immateriali come i numeri sia affascinante, a Connolly deve essere sembrata troppo astratta; così, lo sceneggiatore-regista ha introdotto una 'second story' patetica, dove una coppia di coniugi, rovinati dalla Centabank, vuole vendicare la perdita del figlioletto vittima degli effetti collaterali. Man mano che la storia procede, il tasso di moralismo supera le dosi omeopatiche e la buona idea iniziale scivola nell'ovvietà". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 24 febbraio 2002)

CURIOSITÀ SU THE BANK - IL NEMICO PUBBLICO N.1:

COSTUMI: ANNIE MARSHALL.

IL CAST DI THE BANK - IL NEMICO PUBBLICO N.1:



Lascia un Commento
Lascia un Commento