South central - zona a rischio

South central - zona a rischio

( South Central )
Voto del pubblico
Genere: Drammatico
Anno: 1993
Paese: USA
Durata: 100 min
Distribuzione: WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO
South central - zona a rischio è un film di genere drammatico del 1993, diretto da Stephen M. Anderson, con Mark E. Anderson e Donald Bakeer. Durata 100 minuti. Distribuito da WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO.

TRAMA SOUTH CENTRAL - ZONA A RISCHIO

Bobby (Glenn Plummer), un giovane gangster appena uscito da un soggiorno di un anno dietro le sbarre, apprende di avere un figlioletto di nome Jimmie. Benchè profondamente toccato da questa sua paternità, Bobby non dimentica la propria lealtà nei confronti dell'ambizioso Ray Ray (Bryon Keith Minns), il suo migliore amico, e della banda che hanno formato insieme, i Deuces. Ray Ray convince Bobby a commettere un omicidio per il quale Bobby viene rispedito in prigione, stavolta per 10 lunghi anni. Durante il secondo periodo di detenzione, Bobby subisce una profonda trasformazione grazie alla guida di un detenuto più anziano di lui di nome Ali (Carl Lumbly). Quando Bobby viene scarcerato scopre che nel frattempo Jimmie è diventato un ragazzo di strada e ha vissuto compiendo piccoli crimini per conto di Ray Ray, che è ormai divenuto il suo idolo.

CRITICA DI SOUTH CENTRAL - ZONA A RISCHIO

"'South Central' nonostante gli ottimi propositi civili risulta, tuttavia, una ripetizione di ripetizioni. Nella vicenda d'un padre che ha ucciso uno spacciatore e che vorrebbe salvare il figlio dalle minacce della criminalità, si percepiscono tentativi di sfuggire al cliché. Ma le incursioni nel neorealismo americano (dialoghi rappati dalle imprecazioni), nel melodramma (il bimbo, ferito durante un furterello, finisce in ospedale), nel film carcerario (il papà, chiuso in galera, se la deve vedere con gli immancabili brutti ceffi ariani e si converte all'Islam grazie alla propaganda del solito Alì) non bastano a risollevare le sorti d'un prodotto concepito nell'omologazione e, forse, nella sommarietà ideologica." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 28 dicembre 1993)"Sentimenti nobili, trovati da Anderson in un libro molto realistico sui ghetti neri di Los Angeles, sugli stessi ambienti; qui, però, pur badando molto alle cornici, alle guerriglie urbane e alle fosche condizioni di quelle bande composte spesso da minori mossi dalla fame o dal desiderio di liberarsi da un'infinità di costrizioni, ha preferito dar rilievo soprattutto al rapporto padre-figlio e alla conversione al bene ottenuta a prezzo di molte lotte, solo un po' felice quando segue abbastanza da vicino l'itinerario psicologico del protagonista, la sua acquisizione in carcere di sani principi. il Suo desiderio tutto paterno di trasmetterli al figlio. Il resto è retorica e maniera, tutto gridato e, a tratti, con scivolate nel melodramma. Gli interpreti, comunque, possono convincere: Glenn Plummer è un giovane papà con modi spesso accorati, il mentore che lo converte è, plausibile e serio, il giamaicano Carl Lumbly, il figlio è l'esordiente dodicenne Christian Coleman: sempre con una faccetta giusta." ('Il Tempo',18 dicembre 1993)"Come tanti altri film sociali americani sui ghetti e le bande, anche 'South Central' (opera prima del regista Steve Anderson), che copre gli anni '80, è un atto d'accusa, non a caso prodotto dal regista liberal dei Vietnam movie Oliver Stone e basato su un libro di denuncia, 'Crips', scritto nell'87 da Donald Bakeer. (...) Sostiene la morale: 'il nero o è in prigione o è ricercato, la nostra rabbia ci tiene divisi nel cerchio dell'odio'. Potrà il cinema migliorare le cose? Certo ha una funzione civile, anche se rischia la maniera, utilizza ottimi tecnici e attori incisivi, tenendo tutto al diapason, senza mezzitoni. Bravo il ragazzino deb che fa Jimmie Rock: col suo sguardo il film si chiude su una specie di speranza che domani possa davvero essere un altro giorno." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 13 dicembre 1993)

CURIOSITÀ SU SOUTH CENTRAL - ZONA A RISCHIO

- REVISIONE MINISTERO NOVEMBRE 1993.

SOGGETTO DI SOUTH CENTRAL - ZONA A RISCHIO

romanzo "Crips" di Donald Baker

INTERPRETI E PERSONAGGI DI SOUTH CENTRAL - ZONA A RISCHIO

Attore Ruolo
Mark E. Anderson
Sakett
Donald Bakeer
Dott. King
Kevin Best
Genie Lamp
Lexie Bigham
Bear
Leonard Boyles
Termite
Richard G. Camphuis
Primo agente
Ron Chovance
Ag. add. sorveglianza
Christian Coleman
Jimmie
Reginald T. Dorsey
Bastille
Tim Dezarn
Buddha
Starletta DuPois
Infermiera Shelly
Vincent Craig Dupree
Loco
Ianier Edwards
Muslim
Linda Fontanette
Sig.ra del quartiere
Clynell Jackson III
Interno
Bonnie Oda Homsey
Patty Chin
Allan/Alvin Hatcher
Jimmie da piccolo
Julius Leflore
1 guardia carceraria
Sal Landi
Detective
Darren Leong
Kim
Allen Michael Lerner
Naso Rotto
Diana Manzo
Agente infiltrato
Rana Mack
Ragazza del club
Carl Lumbly
Ali
Michael McNab
Secondo agente
Byron Keith Minns
Ray Ray
Ivory Ocean
Willie Manchester
George Mulholland
2 guardia carceraria
Glenn Plummer
Bobby
Vickilyn Reynolds
Moglie di Willie
Larita Shelby
Carole
Baldwin C. Sykes
Ken Dog
Big Daddy Wayne
Scagnozzo
Terrence Williams
Boody
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming