Racconto di primavera

Racconto di primavera

( Conte de printemps )
Voto del pubblico
Valutazione
4 di 5 su 4 voti
Regista: Eric Rohmer
Anno: 1989
Paese: Francia
Durata: 112 min
Distribuzione: ACADEMY (1990) - RCS FILMS & TV
Racconto di primavera è un film di genere commedia, sentimentale del 1989, diretto da Eric Rohmer, con Anne Teyssedre e Hugues Quester. Durata 112 minuti. Distribuito da ACADEMY (1990) - RCS FILMS & TV.
Genere: Commedia, Sentimentale
Anno: 1989
Paese: Francia
Durata: 112 min
Formato: PANORAMICA, 35 MM
Distribuzione: ACADEMY (1990) - RCS FILMS & TV
Sceneggiatura: Eric Rohmer
Fotografia: Luc Pagès
Produzione: MARGARET MENEGOZ PER LES FILMS DU LOSANGE - SOFICA INVESTIMAGE

TRAMA RACCONTO DI PRIMAVERA

Jeanne, una giovane insegnante di filosofia, fidanzata con il matematico Mathieu, attualmente lontano per motivi di studio, dopo aver conosciuto ad una festa Natacha, una diciottenne pianista, simpatizza subito con questa e accetta l'invito di trasferirsi per alcuni giorni nel suo appartamento, dal momento che il suo lo ha prestato a sua cugina, mentre quello di Mathieu è troppo disordinato per lei. Le due ragazze diventano amiche e si confidano i propri problemi: Jeanne è preoccupata del suo rapporto con Mathieu; Natacha, che si sente trascurata da William, un giornalista, detesta sia sua madre, divorziata, sia Eve, la saccente amante di suo padre Igor, perché è convinta che abbia rubato una collana, il gioiello di famiglia a lei destinato. Quando suo padre Igor incontra casualmente Jeanne, si sente attratto da quella donna riposante e Natacha pensa che le piacerebbe che la fidanzata di suo padre fosse una brillante e giovanile insegnante di filosofia...

CRITICA DI RACCONTO DI PRIMAVERA

"Ma bisogna vedere la grazia con cui l'autore articola il discorso, tagliato in dialoghi il più delle volte a due personaggi, e quali palpiti sa dare alle sue ragazze in fiore. C'è nelle immagini, nonostante l'impermeabilità di Rohmer a tutto quanto esula dell'orizzonte sentimentale dei personaggi, il senso del vissuto con le sue pungenti amarezze, le sue contraddizioni, le accensioni e i dolori. L'abbiamo già detto da Berlino: un film così è una splendida occasione per riscoprire la commedia della vita e la vita come commedia. E abbiamo già detto, e lo diremo ancora, che Eric Rohmer è l'Amadeus del cinema." ('Il Corriere della Sera', 6 Maggio 1990) "E' il delizioso film che chiuse in bellezza, fuori concorso, l'ultimo festival di Berlino. Dopo i sei film dei 'Racconti morali' e i cinque di 'Commedie e proverbi', Maurice Scherer, in arte Rohmer, settantenne felice, ha aperto un nuovo ciclo che s'intitola 'Racconti delle quattro stagioni'. S'incomincia, come l'uso vuole, con la primavera. Rohmer ha cambiato ciclo, ma non la classica trasparenza dello stile, l'interesse per i personaggi giovani, la leggerezza elegante del tocco, la cristallina e armoniosa purezza, insomma il suo cinema fondato sulla comunicazione verbale e l'analisi psicologica. (---) Hugo von Hoffmanstahl diceva: 'La profondità va nascosta. Dove? In superficie'. Il suo film s'appoggia qua e là, con competenza, a frammenti di un arioso Beethoven e di Schumann." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 5 Maggio 1990)"Dopo i sei film che hanno dato vita ai 'Racconti morali' e ai sette andati sotto il titolo 'Commedie e proverbi', Rohmer inaugura con questo 'Racconto di primavera' un nuovo ciclo dedicato alle stagioni. E della primavera quest'ultima fatica del professore di Lettere ha la freschezza e il profumo, il tiepido calore e la fragranza, di per sé sufficienti a confortare un animo dotato di un minimo di sensibilità. Se poi in fondo a quest'animo c'è qualcosa di più, il gioco si fa maggiormente invitante e piacevole. A renderlo tale contribuiscono fra l'altro, ancora una volta, gli attori ai quali ricorre abitualmente Rohmer. Non attori noti - che probabilmente mal si adatterebbero ai personaggi loro assegnati, tutti invariabilmente marcati da quell'anonimato che è la caratteristica della gente comune, - ma attori che suppliscono alla popolarità con la genuinità. E sempre gradevoli sorprese. Come Anne Teyssedre nel ruolo di Jeanne." (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 23 Maggio 1990)

CURIOSITÀ SU RACCONTO DI PRIMAVERA

- PRESENTATO FUORI CONCORSO AL FESTIVAL DI BERLINO 1990.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI RACCONTO DI PRIMAVERA

Attore Ruolo
Anne Teyssedre
Jeanne
Hugues Quester
Igor
Florence Darel
Natacha
Eloïse Bennett
Eve
Sophie Robin
Gaelle
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming