PIANESE NUNZIO - 14 ANNI A MAGGIO

share

PIANESE NUNZIO - 14 ANNI A MAGGIO è un film di genere drammatico del 1996, diretto da Antonio Capuano, con Fabrizio Bentivoglio e Rosaria De Cicco. Durata 115 minuti. Distribuito da MEDUSA FILM - MONDADORI VIDEO.

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

5 di 5 su 3 voti

TRAMA PIANESE NUNZIO - 14 ANNI A MAGGIO:

Don Lorenzo Borrelli è il nuovo parroco della chiesa di Santa Maria delle Monteverginelle nel quartiere Sanità a Napoli. Un quartiere in degrado: disoccupazione, camorra. Don Lorenzo ha avviato un rapporto di comprensione con la popolazione e di netta opposizione alla camorra che domina la zona: tiene incontri di catechesi con i giovani in modo libero e aperto ed ospita in canonica alcuni giovani bisognosi di aiuto. Tra questi Nunzio Pianese un ragazzo tredicenne (un po' introverso, appassionato di canzoni) il cui padre, che vive per conto suo, è poco equilibrato e dedito al vino, mentre la madre lo ha affidato alla propria sorella Rosaria. Il ragazzo frequenta la terza classe della Scuola Media ed è spesso ospite di don Lorenzo che un giorno gli propone di trasferirsi stabilmente in canonica. Tra don Lorenzo e Nunzio si instaura un rapporto "particolare": a questa sua condotta nel privato fanno contrasto le sue prediche e conferenze alla gente del quartiere che lo sente inveire contro la camorra. Il suo atteggiamento infastidisce e preoccupa la camorra che controlla il quartiere, "vede e sa tutto": resasi conto del comportamento di questo prete con Nunzio, capisce che c'è un modo di liberarsi di un pericoloso avversario. La famiglia disgregata, la zia Rosaria che lo ha ospitato, la scuola, il servizio di assistenza sociale, gli amici di Nunzio ed infine la polizia sono i "passaggi" di una strategia fatta di inviti a riflettere, di minacce, di ricatti che gradatamente inducono i parenti, insegnanti e assistenti sociali a fare pressione sul ragazzo perché capisca e valuti la sua situazione reale e decida di denunciare il prete. Nunzio, inizialmente restio, si rende gradatamente conto che la sua situazione è di pubblico dominio, che tutti prendono le distanze da lui, che corre seri pericoli: alcuni espliciti "avvertimenti" della camorra fanno crollare le sue residue resistenze. Don Lorenzo, cosciente anche lui che la sua relazione è nota, fa appello all'"amicizia" ma continua. Nella settimana prima di Pasqua Nunzio cede fisicamente e moralmente. Mentre don Lorenzo guida nelle via del quartiere una sua "singolare" versione della Via Crucis sostituendo ai veri protagonisti della Passione di Cristo se stesso, i boss e la gente del quartiere, Nunzio rilascia la sua sofferta deposizione. Don Lorenzo, terminato il rito, dichiara di assumere le sue responsabilità dinanzi alla legge.

CRITICA DI PIANESE NUNZIO - 14 ANNI A MAGGIO:

Film civilissimo, "Pianese Nunzio 14 anni a maggio", ha il pregio e insieme il difetto di voler far convivere temi delicati come la camorra e il voto di castità, finendo per svolgerne bene uno solo. Se da un lato è narrato con sobrio stile e lucida penetrazione psicologica il percorso emozionale di don Lorenzo, la sua condizione di orfano votato al sacerdozio più per necessità che per scelta, la profondità, l'infantile purezza delle sue convinzioni e la sua rabbia nei confronti di un mondo ingiusto, è proprio la descrizione di quel mondo (la camorra, i "tipi" del rione) a slittare nel convenzionale e in qualche retorica.Anche se c'è da dire che la narrazione sfrutta accortamente sia il realismo di suoni e voci (un napoletanto tanto stretto da rendere quasi indispensabili i sottotitoli in inglese), sia l'artificio straniante e "autenticante" dei personaggi che, nel bel mezzo dell'azione, guardano in macchina e declinano le proprie generalità e il proprio ruolo. Fabrizio Bentivoglio è di commovente bravura. Il giovanissimo Emanuele Gargiulo una rivelazione. E non c'è un caratterista fuori posto. (Il Secolo XIX, Fausto Serra, 5/9/96)

CURIOSITÀ SU PIANESE NUNZIO - 14 ANNI A MAGGIO:

REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1996.PRESENTATO NELLA SEZIONE UFFICIALE ALLA 53.MA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA.TARGA D'ARGENTOPREMIO SAINT VINCENT 1996 A ANTONIO CAPUANO


  • MUSICHE: Umberto Guarino, Almamegretta
  • PRODUZIONE: AMA FILM S.R.L. - ISTITUTO LUCE S.P.A. - G.M.F. S.R.L. IN COLLABORAZIONE CON MEDIASET (1995-1996)

Lascia un Commento
Lascia un Commento