PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

( PELLE EROBREREN )
Voto del pubblico
Valutazione
4.5 di 5 su 2 voti
Regista: Bille August
Genere: Drammatico
Anno: 1988
Paese: Danimarca
Durata: 144 min
Distribuzione: TITANUS DISTRIBUZIONE - VIDEOGRAM, NUMBER ONE VIDEO
PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO è un film di genere drammatico del 1988, diretto da Bille August, con Pelle Hvenegaard e Max von Sydow. Durata 144 minuti. Distribuito da TITANUS DISTRIBUZIONE - VIDEOGRAM, NUMBER ONE VIDEO.
Genere: Drammatico
Anno: 1988
Paese: Danimarca
Durata: 144 min
Formato: PANORAMICA
Distribuzione: TITANUS DISTRIBUZIONE - VIDEOGRAM, NUMBER ONE VIDEO
Sceneggiatura: Bille August
Fotografia: Jörgen Persson
Produzione: PER HOLST FILM PRODUCTION, COPENHAGUE

TRAMA PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

Nell'800 molti lasciavano le povere lande della Svezia per andare a lavorare nella prospera Danimarca. Qui vi sbarcano l'undicenne Pelle Karlsson con Lasse suo padre, un vedovo già assai anziano, che ama molto il ragazzo e, come questi, ha una grande voglia di lavorare per un avvenire un po' più soddisfacente. Ingaggiati presso una grande fattoria, i due stranieri sono destinati alle stalle: la fatica loro e degli altri braccianti è tanta ed umiliazioni ed angherie sono frequenti. Pelle, intelligente e sensibile, è muto testimone e tutto nota: il padrone donnaiolo, con una moglie troppo ignorata e tradita; la giovanissima nipote di costoro che, venuta a passare con i due un periodo di vacanza, viene sedotta dal padrone, il quale pagherà con l'evirazione per mano della moglie la sua foia; una delle fantesche che, innamoratasi del figlio di un benestante dei dintorni, partorirà un bambino che annegherà mentre il giovane padre del neonato morirà in una notte di mare grosso, allorchè si lancerà al salvataggio dei passeggeri di un battello in difficoltà. Passano le stagioni e Pelle va a scuola, beffeggiato dai compagni e a loro inviso, non solo per la sua intelligenza e tenacia nell'apprendere, ma perché è e resta lo "svedese". Lui ha un amico in un povero coetaneo un po' matto, che è il figlio illegittimo del padrone, ed un amico ancora più importante lo trova in Erik, un bracciante che, non sopportando le vessazioni e lo sfruttamento, vuole emigrare in America. Durante un duro scontro tra costui e il fattore, che lo considera solo un agitatore e uno scansafatiche, Erik reagisce e ferisce l'altro; poi, gravemente colpito alla testa dalla grossa pietra che fa da contrappeso al secchio del pozzo, resterà menomato a vegetare nella fattoria. Lasse sarebbe proclive a sposare la moglie di un nostromo, che da un anno sembra scomparso in mare ma, quando tutto sembra fattibile, costui si fa vivo all'improvviso e il progetto fallisce. Preso da sconforto Lasse si dà sempre di più al bere: ogni entusiasmo del vecchio è ormai sopito, anche se la padrona, la signora Kongstrup, promuove Pelle come aiutante stalliere. Ma questi, ora più maturo, vuole decidere diversamente: il nuovo posto non lo interessa, poiché pensa che al di là dell'Atlantico deve esserci una vita migliore, sognata dall'amico Erik. Così, lasciato il padre Lasse, che gli consegna la vecchia Bibbia, Pelle se ne parte coraggiosamente per la grande avventura della vita.

CRITICA DI PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

"E' il film danese che ha vinto la scorsa primavera a Cannes la Palma d'oro. Io gliene preferivo degli altri, a cominciare da Bird, soprattutto per certi toni televisivi smotivati dal fatto che è la riduzione del primo di quattro volumi di un romanzo di egual titolo scritto da M.A. Nexo all'inizio del secolo e che ne presuppone con molta probabilità altre tre: destinate quasi di certo alla TV. Da qui la lunghezza di questa prima parte (due ore e mezzo) e, in tutta l'azione, il rifiuto deciso della sintesi. (...) Se il film avvince fino in fondo, però, il merito ce l'ha, oltre al carisma straordinario di Max von Sidow nella parte del padre, la sensibilità del piccolo interprete al suo fianco. Che anche lui, come il personaggio, si chiama Pelle. Per l'entusiasmo della sua mamma nei confronti del romanzo." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 14 Ottobre 1988)"Nel maggio scorso a Cannes la giuria internazionale, presieduta da Ettore Scola, spiazzò la maggior parte dei critici e del pubblico del 41° festival assegnando la Palma d'oro a 'Pelle Erobreren'. Suppongo di essere stato a Cannes uno dei non molti che lo videro sino in fondo senza annoiarsi, uno dei pochi che non lo sbrigarono come un dignitoso ma greve e prolisso sceneggiato televisivo. Io stesso, però, pronosticai un premio per Max von Sydow come migliore attore, premio che invece fu dato al nero Forest Whitaker, il Charlie Parker di 'Bird' che, secondo me, meritava la Palma d'oro. Fui sorpreso anch'io, dunque. (...) Ho visto 'Pelle alla conquista del mondo' nel maggio scorso, e non l'ho dimenticato. Non dimenticherete facilmente la storia di Lasse Karlson di Tulilandia e del suo indomito figlio Pelle, che vuole diventare un uomo libero." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 25 Settembre 1988)"Bisogna intendersi. Ineccepibile e possente saga popolare sulla povertà che precedette l'avvento del sol dell'avvenire, e professionalmente d'ottima riuscita per la prova degli attori e per il toccante senso della natura dei nordici - tenere a mente la fotografia di Jorgne Persson - il film alterna momenti assai suggestivi con altri d'un naturalismo molto uggioso. Siamo nell'alta accademia, sovvenzionata come diremmo dai sindacati, che è forse il massimo della retorica ma la struttura classica dei film, con i suoi squarci avventurosi e romanzeschi e alcuni chiaroscuri che danno una luce patetica alla galleria dei ritratti, conferiscono all'opera, e al suo nodo poetico, che è il rapporto fra padre e figlio, un risalto umanistico sufficiente a riscattare i luoghi comuni d'uno spettacolo, epicamente naturalista, chiamato a tranquillizzare la platea televisiva. Recentemente sono arrivati sui nostri schermi 'Il pranzo di Babette' e 'La mia vita a quattro zampe'. Questo 'Pelle alla conquista del mondo' ('Pelle Erobreren') ne resta al disotto, nonostante lo scrupolo con cui reinventa la civiltà rurale dell'epoca, ma è un altro segno della ripresa del cinema danese. Chi crede nel cinema europeo non può che rallegrarsene." (Giovanni Grazzini, 'Il Corriere della Sera', 29 Settembre 1988)

CURIOSITÀ SU PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

- PALMA D'ORO AL FESTIVAL DI CANNES 1988, OSCAR 1988 PER IL MIGLIOR FILM STRANIERO

SOGGETTO DI PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

DAL ROMANZO "PELLE EROBREREN" DI MARTIN ANDERSEN NEXO

INTERPRETI E PERSONAGGI DI PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

Attore Ruolo
Pelle Hvenegaard
Pelle Karlsson
Max von Sydow
Lasse Karlsson
Erik Paaske
Il Fattore
Björn Granath
Erik
Astrid Villaume
Signora Kongstrup

PREMI E RICONOSCIMENTI PER PELLE ALLA CONQUISTA DEL MONDO

Oscar - 1989

  • Premio miglior film in lingua straniera
  • Candidatura migliore attore protagonista a Max von Sydow

Golden Globe - 1989

  • Premio miglior film straniero

Festival di Cannes - 1988

  • Premio Palma d'Oro
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming