Le aquile non cacciano mosche

Le aquile non cacciano mosche

( Águilas no cazan moscas )
Voto del pubblico
Genere: Commedia
Anno: 1995
Paese: Colombia, Cuba, Italia
Durata: 106 min
Distribuzione: NEMO DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA
Le aquile non cacciano mosche è un film di genere commedia del 1995, diretto da Sergio Cabrera, con Frank Ramírez e Humberto Dorado. Durata 106 minuti. Distribuito da NEMO DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA.
Genere: Commedia
Anno: 1995
Paese: Colombia, Cuba, Italia
Durata: 106 min
Formato: PANORAMICA
Distribuzione: NEMO DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA
Produzione: FOTOGRAMMA LTDA, SANDRO SILVESTRI PER EMME PRODUZIONE, INSTITUTO CUBANO DEL ARTE E INDUSTRIAS CINEMATOGRÁFICOS (ICAIC)

TRAMA LE AQUILE NON CACCIANO MOSCHE

Espulso dall'Accademia Militare colombiana per aver colpito un collega che faceva insinuazioni sull'onestà della madre, Vladimir Oquendo torna al paese per appurare la verità sul duello che coinvolse il padre macellaio col professore Albarracín, stimato insegnante. Ricorda il giorno fatidico in cui il professore annunciò con emozione di doversi battere con il macellaio Oquendo ed i bambini decisero di assoldare un matto, Bobo Masato, per sparare al macellaio qualora questi avesse avuto la meglio. Anche se era stato rinchiuso in casa dalla madre Miriam, Vladimir riuscì ad avvisare l'agente Alegría del duello e del complotto, ma venne ripreso e nuovamente rinchiuso. Dopo aver chiesto invano in municipio gli atti del processo, il sindaco gli ricorda l'amicizia tra i duellanti, entrambi militanti di sinistra e debellatori del fantasma-drago (il parroco padre Troncoso travestito), che terrorizzava i contadini per indurli a svendere i terreni. L'affittuaria Encarnación, segretamente innamorata del macellaio, che l'aveva respinta, afferma che egli saldò i conti, ordinò la bara e la relativa fotografia, si fece confessare e dare l'estrema unzione in anticipo da Padre Troncoso, in cambio di copiose elemosine. All'atto del duello il docente venne insignito di una pergamena dalle sinistre, mentre la locale Confraternita iscrisse nelle sue file il macellaio. Rubiela, "pasionaria" ex amica di Oquendo, ricorda invece il precedente fallito attentato al treno del dittatore: impegnati in una personale tenzone amorosa, lei e Oquendo scordarono di far esplodere la bomba che Albarracin, infuriato, fece brillare in ritardo. Ciò avrebbe causato il duello; ma lei dovette partire e non seppe altro. Miriam ricorda invece le maldicenze perchè lei vendeva erbe e faceva impacchi al professore. Il duello vide i due, in mancanza di una pistola, battersi col machete e poi a mani nude, ignorando di essere oggetto di scommesse e trame politico-religiose. Il loro rappacificarsi spiazzò tutti: oggi sono buoni amici. Malgrado questi tentativi Vladimir non ottiene la verità sul duello neanche dai protagonisti del medesimo.

CRITICA DI LE AQUILE NON CACCIANO MOSCHE

"Nella sua ruffiana piacevolezza la commedia grottesca non manca di simpatia, ma non è difficile accorgersi che, nella sua contaminazione tra Pirandello e Marquez, è un prodotto poco genuino, all'insegna di un macchiettismo latinoamericano per l'esportazione". (Morando Morandini, 'Il Giorno', 8 maggio 1995)"Dunque, la qualità del film è malgrado, sia detto onestamente e con tutta la simpatia che esso merita, la sua necessità ci sfugga è si riassume in questo andamento caustico e pungente ma cordiale. Anche nel trarre la sua conclusione bonaria e facilmente condivisibile: la sola ragione per cui vale la pena vivere è la stessa. Basta di farci fregare dagli imperativi ideologici, portatori di violenza, intolleranza, sterili versamenti di sangue (...)". (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 12 maggio 1995)"Magari bisogna essere sudamericani per afferrare certi passaggi comici legati alla mimica dei personaggi o certe digressioni grottesche, mentre il versante più metaforico della storia (la verità destinata comunque a restare inafferrabile) stenta un po' a precisarsi nella povertà della messa in scena. Ma è probabile che chi apprezzà 'La strategia della lumaca' si riconoscerà in questa farsa con morale che il quarantaquattrenne Cabrera maneggia senza troppe cadute di tono, specialmente nelle parentesi dedicate al bambino. Che è Angelo Javier Lozano, due occhi all'ingiù che suscitano tenerezza e simpatia anche quando il film fa cilecca". (Michele Anselmi, 'l'Unità', 8 maggio 1995)

INTERPRETI E PERSONAGGI DI LE AQUILE NON CACCIANO MOSCHE

Attore Ruolo
Frank Ramírez
Professor Albarracín
Humberto Dorado
Macellaio Oquendo
Florina Lemaitre
Miriam, la moglie di Oquendo
Ángelo Javier Lozano
Vladimir Oquendo
Fausto Cabrera
Padre Troncoso
Vicky Hernández
Encarnación
Fernando Luis Munera
Gustavo Calle
Manuel Pachón
Alcalde
María Fernanda Martínez
Rubiela
Elio Mesa
Il fotografo
Edgardo Román
Il sergente
Antonio Aparicio
Agente Alegría
Julián Román
Franklin Parra
Miguel Ignacio Vanegas
Bobo
Marta Osorio
Suor Margarita
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming