La tecnica e il rito

La tecnica e il rito

Voto del pubblico
Genere: Favola
Anno: 1971
Paese: Italia
Durata: 90 min
Distribuzione: LATERE (1974)
La tecnica e il rito è un film di genere favola del 1971, diretto da Miklos Jancsó, con József Madaras e Adalberto Maria Merli. Durata 90 minuti. Distribuito da LATERE (1974).
Genere: Favola
Anno: 1971
Paese: Italia
Durata: 90 min
Formato: EASTMANCOLOR
Distribuzione: LATERE (1974)
Fotografia: János Kende
Produzione: RAI

TRAMA LA TECNICA E IL RITO

Di ritorno presso la tribù degli Unni dopo avere studiato presso la capitale dell'impero, Attila viene fermato da un tribuno romano che, ligio agli ordini, lo fa colpire da una freccia poiché ha osato impadronirsi della spada di Marte e tentato di passare il confine senza autorizzazione. Il futuro "flagello di Dio", riavutosi miracolosamente dalla ferita subita, fa uccidere il tribuno di confine e la sua famiglia; quindi raggiunge il gruppetto di amici che lo attendono. Dopo avere annunziato al fratello Bleda che la spada del comando è valida soltanto se stretta da un pugno forte, sano e virile, Attila espone il suo piano ai fedeli; chiede illimitata fiducia; quindi, per mezzo del fido Massimo, elimina coloro che dissentono dai suoi metodi pur concordando sulle finalità. Mentre cerca di consolidare la fede dei suoi pochi seguaci, invita un tribuno suo amico e fa uccidere tutti i mercenari che porta con sè. Fa eliminare anche il discepolo che, con troppo zelo, ha indotto il tribuno romano al suicidio, dichiarando che dei talenti militari si ha sempre bisogno, da qualsiasi parte provengano. Ritenendosi pronto allo scopo, Attila si incontra con il fratello Bleda. Accetta da lui una sua donna in moglie. Massimo, al corrente della situazione, mette in guardia i fedeli dal credersi una cosa sola con il capo che è con loro, ma al di sopra di loro; comprende che nella tradizione ha un limite e dichiara che con i compagni da ora in poi sarà cieco, sordo e muto. Ma le mosse di Bleda, re degli Unni e presunto successore di Valentiniano III, sembra che abbiano ragione di Attila. Si celebra il funerale suo e di sua moglie; quindi tutti i fedelissimi di Attila si abbandonano ai gorghi del mare. Ma Attila, rialzandosi dal letto funebre, afferra la spada di Marte. Dopo avere contemplato i cadaveri di coloro che non hanno avuto fede in lui, dichiara: "I giorni dei miracoli sono arrivati; la terra trema e le stelle cadono; sarò io a dominare; e anche i popoli indomiti verranno a salutare i miei piedi".

CRITICA DI LA TECNICA E IL RITO

"Il film non convince e 'finisce per somigliare a una specie di bigino astrale' rimanendo spesso prigioniero della complessità dell'argomento che affronta". (Paolo Mereghetti, "Dizionario dei film", 1999)

SOGGETTO DI LA TECNICA E IL RITO

un soggetto di Giovanna Gagliardo

INTERPRETI E PERSONAGGI DI LA TECNICA E IL RITO

Attore Ruolo
József Madaras
Attila
Adalberto Maria Merli
Massimo
Brizio Montinaro
Guerriero
Marco Guglielmi
Vecchio soldato
Piero Faggioni
Centurione
Sergio Enria
Bleda
Luigi Montini
Filosofo unno
Anna Zinnemann
Moglie di Bleda
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming