LA FORESTA DI SMERALDO

LA FORESTA DI SMERALDO

( EMERALD FOREST )
Voto del pubblico
Valutazione
4.2 di 5 su 21 voti
Regista: John Boorman
Genere: Avventura
Anno: 1985
Paese: USA
Durata: 110 min
Distribuzione: MEDUSA DISTRIBUZIONE - DOMOVIDEO, RICORDI VIDEO, BMG VIDEO
LA FORESTA DI SMERALDO è un film di genere avventura del 1985, diretto da John Boorman, con Powers Boothe e Meg Foster. Durata 110 minuti. Distribuito da MEDUSA DISTRIBUZIONE - DOMOVIDEO, RICORDI VIDEO, BMG VIDEO.
Genere: Avventura
Anno: 1985
Paese: USA
Durata: 110 min
Formato: SCOPE A COLORI
Distribuzione: MEDUSA DISTRIBUZIONE - DOMOVIDEO, RICORDI VIDEO, BMG VIDEO
Sceneggiatura: Rospo Pallenberg
Fotografia: Philippe Rousselot
Montaggio: Ian Crafford
Produzione: CRYSTAL FILMS

TRAMA LA FORESTA DI SMERALDO

Mentre l'ingegnere americano Bill Markham visita con la famiglia il cantiere aperto nel cuore della foresta amazzonica in cui si sta costruendo una gigantesca diga, una tribù indigena (sono quelli del "popolo invisibile") gli rapisce il figlioletto Tommy. Passano invano dieci anni (le ricerche non sono mai cessate) e finalmente Bill, addentratosi nella foresta, ritrova miracolosamente il ragazzo, ormai diciottenne (e che gli salva la vita, poiché Bill è stato aggredito e gravemente ferito dagli indios di un'altra tribu'). Tommy ha sempre vissuto con i suoi rapitori, che lo hanno affettuosamente adottato e che lo amano molto. Ma colui che gli indios chiamano "Tomme" non torna a casa sua: ormai è un guerriero, parla la lingua del "popolo invisibile" e con questo vive benissimo, tanto più che si sposa con una graziosa fanciulla. Da sempre, tuttavia, la tribù è perseguitata da quella del "popolo feroce". Mentre Bill, curato a dovere, se ne torna al suo cantiere, i rivali degli "invisibili" attaccano il villaggio, momentaneamente sguarnito degli uomini, portandosi via le donne, destinate ad un bordello, gestito da uomini bianchi al di là della foresta, e ciò in cambio di armi automatiche e munizioni. Tommy allora si reca dal padre, chiedendo il suo aiuto. Con due o tre uomini chiamati al seguito, Bill si precipita insieme al figlio nel luogo malfmato, fa una sparatoria e riesce a far scappare la moglie di Tommy e le sue compagne. Gli "invisibili" sono ormai assai ridotti di numero, il loro capo (che è il padre adottivo di Tommy) è caduto durante gli scontri ed ora il giovanotto è il capo riconosciuto di una comunità di autoctoni - una delle tante - che dighe ed autostrade sterminano e respingono sempre più a monte nelle immense foreste dell'Amazzonia. Lasciato per sempre il figlio, Bill Markham decide di far saltare la diga ormai ultimata, causa ed origine di tanti lutti ed infelicità. Ma la "grande pioggia" invocata dagli indigeni con riti propiziatori, spazzerà via con la enorme barriera di cemento anche la violenza e la intrusione della "civiltà" dei bianchi.

CRITICA DI LA FORESTA DI SMERALDO

"Boorman ha dedicato tre anni alla preparazione e alla produzione di questo film, girato con una troupe anglo-brasiliana e un direttore della fotografia francese, Philippe Rousselot ('Diva'). Il film possiede una suggestiva tessitura audiovisiva e una ingenuità che può offrire il fianco a parecchie riserve, a un'accusa di schematismo e persino, come è capitato a Cannes, all'irrisione. A noi sembra, invece, una qualità positiva, funzionale allo spirito del racconto e alle intenzioni dei suoi autori (mi riferisco anche a Rospo Pallenberg, fedele collaboratore di Boorman), duramente critiche verso la civiltà occidentale, rappresentata nei suoi connotati di dominio, violenza, sfruttamento, corruzione, civiltà che è contrapposta a una visione del mondo dove la natura e qualcosa da trasformare non in schiava ma in nutrice, con la quale convivere in rispettosa simbiosi. A questo tema centrale, già presente in altri film di Boorman (specialmente in 'Excalibur'), altri motivi s'aggregano: la ricerca, lo scontro e il confronto tra individuo civilizzato e ambiente selvaggio, il rapporto padre-figlio, la foresta come luogo dell'utopia stretto d'assedio. Qualche concessione agli stereotipi dello spettacolo esotico made in Usa è riscattata dalla ricchezza delle invenzioni, dall'alto virtuosismo di linguaggio, dalla capacità di dilatare o comprimere la dimensione temporale della narrazione." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 6 Dicembre 1985)"Benché Boorman sia inglese, il film ha infatti lussi e ridicolaggini hollywoodiani soffre di nepotismo perché il regista ha chiamato a interpretarlo suo figlio, l'insulso biondino Charley Boorman (gli preferiamo Powers Boothe nella parte del padre), e troppo spesso coglie il pretesto per esibire signorine svestite. Ma non per ciò 'La foresta di smeraldo' è tutto da respingere. Mentre ai cinéphiles ricorda Sentieri selvaggi di Ford (col finale rovesciato), nel filone freccia contro bulldozer ha una sua efficace tenuta narrativa prende lo spunto da fatti veri (il rapimento del figlio di un ingegnere peruviano nel 1972), e quasi ci persuade, se dobbiamo vivere pericolosamente a imbarcarci per l'Amazzonia. Chissà non ci trovassimo davvero in un mondo più recondito e intenso di quello decrepito che, per voler tutto spiegare con la ragione, ci si disfa fra le dita." (Giovanni Grazzini, 'Il Corriere della Sera', 6 Dicembre 1985)"La fantasia dilata ma, volendo, accorcia anche le distanze: ecco dunque ancora atmosfere iniziatiche, il significato dell'Universo; parossismo, il visionario, il naturale e il soprannaturale, l'allucinazione e la fredda ragione; mentre la cifra narrativa del marasma riesce a cogliere e a svelare segreti inviolabili; spingendo a riflessioni metafisiche e sociologiche. Senza intaccare, però, il senso dell'avventura che comunque è predominante sostenuto dalla sceneggiatura di Rospo Pallenberg (ex critico, nato ed educato in Italia) attente alle annotazioni di carattere folclorico in altalena con le esigenze dello spettacolo, e dalla musica di Junior Homrich, compositore pop-rockjazz. Il protagonista, ovviamente, è Tommy, cioè Charley Boorman, figlio del regista un belloccio che - tutto sommato - se la cava in un ruolo non sempre facile. Il padre è Powers Boothe. Con loro alcuni veterani della ribalta teatrale." ('Il Tempo', 31 Ottobre 1985)

INTERPRETI E PERSONAGGI DI LA FORESTA DI SMERALDO

Attore Ruolo
Powers Boothe
Bill Markham
Meg Foster
Jean Markham
Yara Vaneav
Heather Piccola
William Rodriguez
Tommy Piccolo
Estee Chandler
Heather Markham
Eduardo Conde
Werner
Tetchie Agbayani
Caya
Charley Boorman
Tommy
Rui Polonah
Wanadi
Dira Paes
Kachiri
Ariel Coelho
Padre Leduc
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming