L'UOMO DI FERRO

L'UOMO DI FERRO

( CZLOWIEK Z ZELAZA )
Voto del pubblico
Valutazione
5 di 5 su 1 voti
Regista: Andrzej Wajda
Genere: Drammatico
Anno: 1981
Paese: Polonia
Durata: 156 min
L'UOMO DI FERRO è un film di genere drammatico del 1981, diretto da Andrzej Wajda, con Jerzy Radziwilowicz e Krystyna Janda. Durata 156 minuti. Distribuito da DI FILM - DB VIDEO, GENERAL VIDEO, SAN PAOLO AUDIOVISIVI.
Genere: Drammatico
Anno: 1981
Paese: Polonia
Durata: 156 min
Formato: NORMALE A COLORI, 35MM
Distribuzione: DI FILM - DB VIDEO, GENERAL VIDEO, SAN PAOLO AUDIOVISIVI
Fotografia: Edward Klosinski
Montaggio: Halina Prugar
Produzione: ENSEMBLE X

TRAMA L'UOMO DI FERRO:

"L'uomo di ferro" (1981) è la continuazione di "L'uomo di marmo" del 1976. Cinque anni sono trascorsi fra i due film. La struttura documentaria delle due opere è identica; ma la situazione politica della Polonia è ben diversa. Nel 1980 uno Sciopero nei Cantieri Lenin di Danzica ha dato origine al sindacato Solidarnosc, indipendente dal potere politico. In "L'uomo di marmo" una giovane cineasta, piena di entusiasmo, da una statua di marmo è risalita allo stakanovista degli anni 50: Mateusz Birkut che da eroe è diventato un traditore, perchè ha rifiutato di testimoniare il falso in un processo prefabbricato. Riabilitato nel 1956, Birkut era stato ucciso durante la repressione dei moti operai di Danzica nel 1970. Questo lo sappiamo da "L'uomo di ferro", poiché Wajda inizia il suo racconto proprio alla vigilia del 1970, quando la regista Agnieszka va alla ricerca di Birkut e incontra il figlio di quest'ultimo, Maciek, col quale si sposa. Maciek aveva partecipato ai moti studenteschi del 1968, e disapprovato dal padre, operaio ai cantieri navali di Danzica, aveva rotto ogni rapporto con lui. Traumatizzato dalla morte del padre, Maciek era stato ricoverato in un ospedale psichiatrico, dopo aver interrotto gli studi, quindi era stato assunto come operaio ai cantieri navali. Lì favorisce l'avvicinamento degli operai agli studenti. E' uno degli organizzatori dello sciopero del 1980 e diventa un fondatore di Solidarnosc. La cronaca di questi fatti la conosciamo tramite un giornalista della radio, Winkiel, che ha il compito di riferire tutto ciò che fa Maciek ai suoi superiori, i quali poi informeranno la polizia. Ma Winkiel, a contatto con gli operai, ha una crisi di coscienza, rinuncia al suo compito e aderisce a Solidarnosc. L'ambiente in cui vive e agisce Maciek è ben ricostruito tramite i personaggi minori: Badeski, responsabile politico; il capitano Wirski; Dzidek, tecnico televisivo; la signora Hulewicz, che racconta la morte di Birkut, ecc. Sono piccoli episodi sparsi, a volte banali, come avviene nella vita reale, che messi insieme ricostruiscono un ambiente, una situazione sociale; spiegano determinate parole e significativi silenzi.

CURIOSITÀ SU L'UOMO DI FERRO:

- PRESENTATO AL 5° FESTIVAL DEL CINEMA EUROPEO DI LECCE (2004)- PRIMA: CANNES, 2 MAGGIO 1981; IN POLONIA: VARSAVIA, 27 LUGLIO 1981.- PREMI: 'PALMA D'ORO' AL XXXIV FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI CANNES, 1981 E PREMIO DELLA GIURIA ECUMENICA ALLO STESSO FESTIVAL, 1981; PREMIO DELLA CRITICA CINEMATOGRAFICA INGLESE AL FESTIVAL CINEMATOGRAFICO DI LONDRA, 1981; NOMINATION ALL'OSCAR COME MIGLIORE FILM STRANIERO, 1982.

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming