L'EREDITIERA

Titolo originale: THE HEIRESS

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

5 di 5 su 2 voti

Il dott. Austin Sloper, valente medico e ricchissimo, è dominato dal ricordo della moglie, che ha perduto, donna bella e affascinante. Quello che rende più amaro il rimpianto è il vedere quanto poco sua figlia Caterina assomigli alla defunta madre. Caterina è una gentile creatura, nè bella, nè brutta, eccessivamente timida. Ad un ballo conosce Morris Towsend, bel giovane, che le fa una corte assidua: essa se ne innamora ed è felice quando Morris le chiede di sposarlo. Ma il dott. Sloper, il quale sa che Morris, giovane scioperato, mira soltanto alla dote della figlia, nega il suo consenso e convince la figlia a seguirlo in Europa. Al suo ritorno, Caterina trova Morris ancora impaziente di sposarla. Quando il padre le dice brutalmente che lei è senza attrattive e che Morris vuole soltanto la sua dote, Caterina, profondamente delusa, decide di fuggire con l'amato, rinunciando alle ricchezze paterne. Ma Morris, messo al corrente, non si fa più vedere. Caterina, profondamente delusa, non perdonerà più a Morris, ma non perdona neppure suo padre. Quando in punto di morte la fa chiamare, lei si rifiuta di vederlo. Quando Morris sa che lei è libera e ricca, domanda di sposarla. Lei finge di acconsentire ma poi gli chiude la porta in faccia.

CRITICA DI L'EREDITIERA:

"Dal punto di vista artistico e tecnico il film ha notevoli pregi. Regìa intelligente e fine, interpretazione efficace, perfetta ricostruzione, ottima fotografia." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 28, 1950).

SOGGETTO:

ROMANZO DI HENRY JAMES "WASHINGTON SQUARE" E DALLA COMMEDIA DI RUTH E AUGUSTUS GEOTZ


fonte "RdC - Cinematografo.it"
Lascia un Commento
Lascia un Commento