L'albergo della felicità

share

L'albergo della felicità è un film di genere commedia del 1935, diretto da Giuseppe Vittorio Sampieri, con Turi Pandolfini e Isa Pola. Durata 73 minuti. Distribuito da ARTISTI ASSOCIATI.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3 di 5 su 1 voti


TRAMA L'ALBERGO DELLA FELICITÀ:

Tre Castagni, paesello alle pendici dell'Etna, è in subbuglio: una società alberghiera ha deciso di costruirrvi un albergo di lusso. Il più ostile alla iniziativa è Ignazio Pivitera, alla cui casa il futuro albergo toglierebbe tutta la vista. Il giovane avvocato Policastro suggerisce a Pivitera di far intervenire una locale Congregazione Religiosa, già proprietaria del terreno sul quale gode tuttora, a suo dire, di alcuni privilegi. I documenti relativi che esistono solo nella fantasia del Policastro, si dovrebbero trovare presso la curia di Siracusa. E qui si recano l'avvocato, Pivitera e sua nipote, a cui l'avvocato fa la corte. Il viaggio, alla ricerca degli introvabili documenti, si prolunga fino a Venezia, e si conclude con la completa conversione di Ignazio Pivitera alla nuova iniziativa, della quale anzi finisce per diventare uno dei principali finanziatori e con il fidanzamento della nipote di lui con l'intraprendente avvocato.

CRITICA DI L'ALBERGO DELLA FELICITÀ:

."(...) il film sembra una passeggiata. Una passeggiata un po' uguale forse, con tappe un po' troppo note per apparire entusiasmanti, ma comunque una passeggiata piena di luce e d'aria. Il racconto s'impiglia un po' e sottostà al carattere turistico del film e così pure i personaggi: essi appaiono qualche volta un pretesto alla lunga gita (...) ma tutti affiatati, senza strafare. La fotografia di Arata, come al solito, è eccellente". (S. De Feo, "Il messaggero", 27 gennaio 1935)

CURIOSITÀ SU L'ALBERGO DELLA FELICITÀ:

-AIUTO REGISTA: G. FATIGATI.-DIRETTORE DI PRODUZIONE: L. MEZZADRI.-FONICO: ELSO FINARDI.

IL CAST DI L'ALBERGO DELLA FELICITÀ:



Lascia un Commento
Lascia un Commento