INCONTRI A PARIGI

INCONTRI A PARIGI

( LES RENDEZ-VOUS DE PARIS )
Voto del pubblico
Regista: Eric Rohmer
Genere: Commedia
Anno: 1995
Paese: Francia
Durata: 91 min
Distribuzione: COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA - MONDADORI VIDEO
INCONTRI A PARIGI è un film di genere commedia del 1995, diretto da Eric Rohmer, con Clara Bellar e Antoine Basler. Durata 91 minuti. Distribuito da COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA - MONDADORI VIDEO.
Genere: Commedia
Anno: 1995
Paese: Francia
Durata: 91 min
Formato: NORMALE, 35 MM
Distribuzione: COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA - MONDADORI VIDEO
Sceneggiatura: Eric Rohmer
Fotografia: Diane Baratier
Montaggio: Mary Stephen
Produzione: FRANCOISE ETCHEGARAY PER LA COMPAGNIE ERIC ROHMER, LE STUDIO CANAL+, LES FILMS DU LOSANGE

TRAMA INCONTRI A PARIGI

- Primo episodio: "Il rendez-vous delle 7" - Esther è fidanzata con Horace, un dongiovanni che la ragazza crede di aver cambiato, ma l'amico Felix insinua che invece si incontri con una ragazza al "Dame tartine". Esther non sa se credere a questa maldicenza, ma quando viene abbordata da un gigolò al mercato, gli dà scherzosamente appuntamento in quel locale, alla stessa ora in cui Horace dovrebbe incontrarvi l'altra. Tornata a casa, Esther scopre di non avere più il portafogli e crede che le sia stato rubato dal suo seduttore. Ma ecco bussare alla sua porta Aricie, una ragazza che ha trovato il portafogli in terra. Le due iniziano a chiacchierare e Aricie confida ad Esther che ha anche lei un appuntamento al "Dame tartine", alla stessa ora, con un ragazzo conosciuto lo stesso giorno. Le due ragazze decidono di andare insieme e Esther si trova davanti proprio Horace.- Secondo episodio: "Le panchine di Parigi" - Lui, un professore, è innamorato di Lei, una giovane insegnante di matematica, ma lei vive con un uomo che è spesso assente ma che Lei non trova il coraggio di lasciare, mentre Lui non è ancora pronto a vivere una relazione seria e duratura. Lei esita perché si sente molto legata al suo convivente ma cerca spesso il professore per parlargli e sfogarsi delle sue frustrazioni. Come due turisti si danno appuntamento nei parchi, si siedono sulle panchine e parlano. Un giorno Lei propone a Lui di trascorre due giorni e due notti in un hotel a Montmartre. Qui però ha la sorpresa di vedervi entrare il suo convivente con un'altra. A Lei non resta che andarsene via da sola, senza l'uomo che credeva di dover tradire, non ha senso incontrare l'altro...- Terzo Episodio: "Madre con bambino, 1907" - Un pittore riceve la visita di una ragazza svedese indirizzata nel suo studio da un'amica per mostrarle Parigi. I due non legano e il pittore, invece di visitare con lei il museo Picasso, ve la conduce e la lascia lì da sola perché quei quadri così impegnativi lo distrarrebbero dalla sua ispirazione. Dopo aver dato alla svedesina un appuntamento per quella sera stessa alla "Coupole", il pittore decide di uscire e tornare nel suo studio. Poi, sulla scalinata, rimane colpito da una giovane donna e la segue nello stesso museo, dove cerca di attirare la sua attenzione con i suoi commenti al quadro "Madre con bambino, 1907". La ragazza lo ascolta interessata, anche perché suo marito è l'editore del catalogo su Picasso e lei è venuta per confrontare i colori degli originali con quelli del libro. Però, dopo aver accettato di seguirlo e di vedere i suoi quadri, la ragazza gli confessa che non potrebbe mai vivere con un pittore di così scarso talento e lo lascia solo. A lui non resta che recarsi all'appuntamento con la svedese, ma anche lei, non è mai arrivata alla "Coupole". Guardalo subito su Prime Video

CRITICA DI INCONTRI A PARIGI

"Fedele al principio di occuparsi solo di sentimenti (rarissimi nei suoi film sono gli accenni alla cronaca, alla politica e alla storia), nella figura dell'artista che dipinge senza disegnare le folle e i cieli dei suggestivi quadri veri di Pierre de Chevilly, l'autore accerta che il rapporto con l'arte è il modo salvifico di non perdere la giornata quando l'amore ti sfugge dalle mani. Qui il dialogo è più che mai intessuto di finezze, come l'ispirato commento del protagonista davanti al quadro 'Madre e figlio' (i cui colori originalissimi evocano per la svedese la bistecca e il prosciutto) o quel suo folgorante aforisma: 'Picasso non è mai Picasso ed è per questo che è sempre Picasso'. Una volta tanto i Cahiers du Cinéma hanno trattato 'Incontri a Parigi' mettendo il piccolo capolavoro sul piedistallo che merita; e il critico Thierry Jousse l'ha definito 'un film che rende più intelligente lo spettatore senza il minimo sforzo apparente'." (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 12 Ottobre 1995)"Il terzo episodio, se vogliamo, è più compatto, con il carattere del pittore e quelli delle due donne disegnati con attenzioni psicologiche più fini e una costruzione narrativa che sa preoccuparsi con misura dei suoi snodi e delle sue conclusioni, ma anche qui i climi risultano poco saldi e la cornice parigina, pur essendo più personaggio che non negli altri due episodi, resta un po' troppo di sfondo, con sapori scialbi di cronaca. Lo stesso, più o meno, vale per gli attori, alcuni esordienti, altri attivi soprattutto in teatro ma scarsamente dotati sia di carisma sia di autentiche capacità di imporsi con la recitazione. Spiace dover valutare così un'opera che porta comunque una delle firme storiche del cinema francese ma se, come sembra, la sua destinazione era il piccolo schermo, proporla su quello grande è stato un errore cui Rohmer non meritava di essere sottoposto. Dimentichiamola e, soprattutto, evitiamo di inserirla in una filmologia cara non soltanto ai cinefili." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 9 Ottobre 1995)"Rigorosamente fedele al 16 mm. - una scelta stilistica, l'immagine è più realistica e, insieme, più dolce; ma è anche un modo di ridurre i costi, dunque di essere più libero - Rohmer, moralista e razionale, continua a occuparsi di giovani ('Non mi riesce di far parlare i personaggi sopra la quarantina'). Rohmer minore? Può essere, ma che importa? Importa solo a quei critici deprimenti e depressi che, ignari di Barthes, pretendono ogni volta dai film di essere oggetti di analisi intellettuale invece che di piacere." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 9 Ottobre 1995)

CURIOSITÀ SU INCONTRI A PARIGI

- REVISIONE MINISTERO OTTOBRE 1995- ALLA SUA USCITA, IL FILM E' ABBINATO AL CORTOMETRAGGIO: "UNA COPPIA DISTRATTA" DELLA REGISTA SANDRA MONTELEONI, INTERPRETATO DA ANNA GALIENA E RODOLFO CORSATO (ORIGINE: ITALIA 1995 - A COLORI - DURATA: 15').

INTERPRETI E PERSONAGGI DI INCONTRI A PARIGI

Attore Ruolo
Clara Bellar
Esther
Antoine Basler
Horace
Veronika Johansson
La Svedese
Serge Renko
Lui
Aurore Rauscher
Lei
Michael Kraft
Il Pittore
Bénédicte Loyen
La Giovane Donna
Judith Chancel
Aricie
Malcolm Conrath
Felix
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming