GEPPO IL FOLLE

share

GEPPO IL FOLLE è un film di genere commedia, musicale del 1978, diretto da Adriano Celentano, con Adriano Celentano e Claudia Mori. Durata 118 minuti. Distribuito da CIDIF CAD.


TRAMA GEPPO IL FOLLE:

Numero Uno in Italia, dove riempie gli stadi coi suoi "fans", il cantante milanese Geppo, detto "il folle", vuol partire ora alla conquista dell'America: là vive, infatti, la sola persona che, nel mestiere, possa stargli alla pari: Barbra Streisand. Per poter incontrarla e cantare con lei, pero', egli ha bisogno d'imparare l'inglese. Si iscrive, perciò, alla scuola di Jennifer, detta Gilda. A differenza delle sue allieve, capaci persino di svenire ogni volta che Geppo entra in aula, Gilda sembra insensibile al suo fascino. Ma è solo apparenza e quando, durante una serata ad Asiago, egli sfugge a tre giovinastri che vorrebbero fargli la pelle, Gilda si getta finalmente tra le sue braccia. Non per questo però, Geppo rinuncia al suo viaggio in America.

CRITICA DI GEPPO IL FOLLE:

"Ma che ti va a cambiare quel diavolo d'un Celentano? Ha speso tre miliardi (forse di più) per mettere assieme questo film che non sà nè di me nè di te, un po' commedia e un po' farsa, un po' "musical" e un po' circo equestre ma, di fatto, son bolle di sapone che escono sullo schermo, tonde e colorate e che subito fanno "plaff" e si dissolvono nel niente. Corre buono l'arguto proverbio milanese, che Celentano essendo milanese dovrebbe conoscere bene: "Offellèe fa el to mestèe" cioè se sei cantante fai il cantante e non l'attore e il regista. E invece il nostro insiste e dopo "Yuppi Du" ci ritenta, non senza una certa dose di presunzione e di megalomania, dietro e davanti la macchina da presa. Il risultato, nonostante il cospicuo capitale impiegato, è di stampo lussuosamente cineamatoriale (...). Cose grosse son dette dal molleggiato Celentano senza che risultino minimamente credibili sullo schermo. Come regista poi deambula da "Privilege" di Watkins a "Tommy" di Russel, arriva perfino alla "Febbre dell'oro", oltre a quella del sabato sera. Celentano dopotutto ci è simpatico. E' un giocatore, unillusionista, un "gambler": perché ci costringe a dir male di lui?" (Franco Colombo da "L'Eco di Bergamo")

IL CAST DI GEPPO IL FOLLE:



Lascia un Commento
Lascia un Commento