EUROPA EUROPA

EUROPA EUROPA

( EUROPA EUROPA )
Voto del pubblico
Valutazione
4.3 di 5 su 13 voti
Genere: Drammatico
Anno: 1990
Paese: Francia
Durata: 115 min
Distribuzione: ACADEMY PICTURES (1992) - PANARECORD
EUROPA EUROPA è un film di genere drammatico del 1990, diretto da Agnieszka Holland, con Klaus Abramowski e Alesky Awdiejew. Durata 115 minuti. Distribuito da ACADEMY PICTURES (1992) - PANARECORD.
Genere: Drammatico
Anno: 1990
Paese: Francia
Durata: 115 min
Distribuzione: ACADEMY PICTURES (1992) - PANARECORD
Sceneggiatura: Agnieszka Holland
Fotografia: Renata Pajchel
Produzione: LES FILMS DU LOSANGE - MARGARET MENEGOZ - CCC ----FILMKUNST GMBH - ARTUR BRAUNER -

TRAMA EUROPA EUROPA

All'inizio della II guerra mondiale, la famiglia ebrea Perel fugge dalla Germania in Polonia, per sottrarsi alle persecuzioni naziste: poi, allo scoppio del conflitto fra Germania e Urss, il padre manda in Urss i due figli più giovani, Isaak e Salomon, che però rimangono separati ell'attraversare un fiume. Salvato da un soldato russo, Salomon, detto Sally, finisce così in un orfanotrofio a Grodno, dove viene trasformato in un fervente comunista. Durante un attacco tedesco, l'orfanotrofio viene bombardato e distrutto, e Sally, ferito e isolato, è catturato dai tedeschi, al quali dichiara di essere tedesco e ariano, di chiamarsi Joseph Peters e che i bolscevichi gli hanno ucciso i genitori. Egli parla perfettamente il russo e il tedesco, e diventa così interprete, distrugge i suoi documenti e nasconde d'essere circonciso. Sempre con l'angoscia di essere scoperto si confida con Robert, attore omosessuale, che, pur sapendo la verità, non lo tradisce. Mentre tenta di tornare fra i russi, si trova invece in mezzo ad un attacco dei suoi camerati tedeschi ai bolscevichi, e, considerato un eroe del plotone, viene mandato a studiare in una scuola tedesca di élite perchè il capitano Von Laernau e sua moglie vorrebbero adottarlo, non avendo figli. Accompagnato da una matura funzionaria del partito, il ragazzo parte per la scuola, e la donna lo seduce in treno, durante l'oscuramento, cosicchè non scopre il suo segreto. Considerato un eroe nella scuola-caserma, Joseph dopo il giuramento di fedeltà ad Hitler, s'innamora di una ragazza, Leni, che gli si offre, ma che egli respinge a motivo della circoncisione. Dopo averla schiaffeggiata, perchè affermava che avrebbe ucciso volentieri tutti gli ebreil, Sally apprende più tardi che Leni, volendo "regalare un figlio alla patria", è ora incinta di un altro uomo. In un affettuoso colloquio con la madre della ragazza, la donna gli dice che ha da tempo intuito ch'egli è un ebreo, ma non lo tradirà. Mentre al comando tedesco cercano invano i documenti del presunto Peters, un bombardamento distrugge tutto. Sally si fa prendere prigioniero dal russi, raccontando da dove viene, ma sta per essere ucciso a causa della uniforme che indossa, quando s'imbatte nel fratello Isaak, che indossa ancora la divisa del lager. Rimasti i soli superstiti della famiglia, i due giovani andranno dagli americani e Isaak procurerà a Sally una divisa del lager, ma gli raccomanda di non raccontare a nessuno la sua incredibile storia. Da quel momento, Sally decide d'essere ebreo per sempre in Israele.

CRITICA DI EUROPA EUROPA

Tratto dal romanzo autobiografico di Salomon Perel, che oggi vive in Israele, e che nella sequenza finale intona un canto ebraico di pace, il film alterna pagine di grosso spessore a momenti un pò teatrali. La vicenda è certo appassionante, ed il dramma di un ragazzo così giovane e sottoposto ad una costante, tremenda pressione psicologica per non cedere e svelare al primo venuto, emerge con tratti assai nitidi dal film. Il ragazzo appare assai credibile nel suo essere completamente in balia di uno strano destino, che mentre da un lato lo martella con una catena di avvenimenti uno più sconvolgente dell'altro (l'uccisione della sorella, il collegio sovietico, la cattura ad opera dei nazisti, la perdita dei genitori, la pistola puntata alla fronte da parte in un altro ebreo), dall'altro lo salva sempre in extremis dalla morte con impreviste soluzioni che hanno del miracoloso. E non mancano tratti di grottesca ironia, come quando il docente di teoria della razza in collegio lo sceglie per la sua dimostrazione davanti alla classe del "puro tipo ariano"! Un lavoro in sostanza interessante che sa fa portatore di un messaggio di cui la nostra epoca, con i suoi pericolosi rigurgiti di razzismo, ha certamente bisogno. (Segnalazioni Cinematografiche)

SOGGETTO DI EUROPA EUROPA

TRATTO DALLE MEMORIE DI SALOMON PEREL

INTERPRETI E PERSONAGGI DI EUROPA EUROPA

Attore Ruolo
Klaus Abramowski
Padre Di Solomon
Alesky Awdiejew
Maggiore Sovietico
Wolfgang Bathke
Poliziotto
Martin Maria Blau
Ulmayer
Julie Delpy
Leni
Delphine Forest
Inna La Maestra
Michèle Gleizer
Madre Di Solomon
Bernhard Howe
Feldwebel
Marco Hofschneider
Solomon Perl Giovane
Rene Hofschneider
Isaak
Holger Hunkel
Kramer
Klaus Kowatsch
Schulz
Piotr Kozlowski
David
Halina Labonarska
Madre Di Leni
Andrzej Mastalerz
Zenek (Giovane Polac
Solomon Perel
Solomon Perel Oggi
Wlodzi Mierz Press
Figlio Di Stalin
Eric Schwarz
Geothke
Norbert Schwarz
Schwabe
Jorg Schnass
Bannfuehrer
Ashley Wanninger
Gerd
André Wilms
Robert
Hanns Zichler
Il Capitano
Marta Sandro Wicz
Berta
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming