Cresceranno i carciofi a Mimongo

share

Cresceranno i carciofi a Mimongo è un film di genere commedia del 1996, diretto da Fulvio Ottaviano, con Daniele Liotti e Francesca Schiavo. Durata 80 minuti. Distribuito da CECCHI GORI DISTRIBUZIONE (1996) - CECCHI GORI HOME VIDEO.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.4 di 5 su 9 voti

TRAMA CRESCERANNO I CARCIOFI A MIMONGO:

Sergio si è laureato in agraria con una tesi sulla crescita del carciofo nei terreni aridi. Nella difficile ricerca di un impiego, consulta il manuale "La guida pratica per trovare lavoro" del famoso Ermanno Lopez, che promette successo in trenta giorni. Nonostante le previsioni del libro siano sistematicamente smentite dai fatti, Sergio insiste, coinvolgendo Enzo, l'amico che vive con lui e che invece continua la vita del vitellone. Mentre è impegnato tra test e curriculum, Sergio viene a sapere che Rita, la ragazza di cui è ancora innamorato, sta per sposarsi. La sera prima di un importante colloquio di lavoro, Sergio riceve la visita di Rita, che il giorno dopo va all'altare e vuole passare con lui l'addio al celibato. Dopo molte insistenze, Sergio passa la notte con Rita, la mattina si sveglia, si prepara in fretta, si presenta al colloquio e qui fa in modo di essere respinto per favorire un amico incontrato fuori che era in situazione disperata e aveva assoluto bisogno di quel posto. Sergio esce dalla ditta, incontra la sorella dell'amico e apprende che tutte le difficoltà raccontate prima sono fasulle. Disgustato per il comportamento subìto, torna a casa deluso, ma qui trova Rita che all'ultimo minuto non ha trovato il coraggio per sposarsi perchè anche lei è ancora innamorata di lui. Arriva una lettera per un posto di lavoro in Africa. Sergio accetta e, finalmente, nel piccolo centro di Mimongo, riesce a dare concretezza ai progetti sostenuti nella sua tesi di laurea.

CRITICA DI CRESCERANNO I CARCIOFI A MIMONGO:

"Disinvolto e simpatico, capace di fare di povertà virtù, 'Cresceranno i carciofi a Mimongo' ha l'astuzia di mettere assieme vecchio e nuovo in un assemblaggio accattivante: da una parte il gergo giovanilistico, gli Articolo 31, un po' di disinvoltura sessuale, dall'altra un personaggio positivo in cui identificarsi, quello del giovane che non vuole piegarsi alle bassezze morali della vita metropolitana. L'aria del tempo si percepisce nei rapporti fra i sessi, dove sono sempre i personaggi femminili a detenere il potere decisionale sui sentimenti e le cose da fare. Senza contare il potere attrattivo di un argomento di sconsolante attualità come la disoccupazione giovanile." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 17 novembre 1996)" Con un occhio al primo Moretti e un altro all'americano 'Clerks', 'Cresceranno i carciofi a Mimongo' è a tratti ironico, divertente, disinvolto. Un'opera ottimista e ruffiana quanto basta per far arrivare a un pubblico "tifoso" il segnale che si tratta di un film 'diverso': il bianco e nero che fa tanto indipendente, il rap di Jovanotti e degli Articolo 31 a sottolineare il disagio di una generazione, la voce-guida fuori campo di Piero Chiambretti, emblema di una televisione alternativa, un po' di gergo giovanilistico e di spregiudicatezza sessuale, stereotipati ex sessantottini (Piero Natoli e Simona Marchini) che rinnegano in parte quella stagione." (Alberto Castellano, 'Il Mattino', 22 vovembre 1996)

CURIOSITÀ SU CRESCERANNO I CARCIOFI A MIMONGO:

- REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1996.- DAVID DI DONATELLO 1997 A FULVIO OTTAVIANO COME MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE.



Lascia un Commento
Lascia un Commento