Baran

Baran

( Baran Hamsay-e khoda )
Voto del pubblico
Valutazione
3.9 di 5 su 10 voti

Al cinema dal: 06 giugno 2003
Regista: Majid Majidi
Anno: 2001
Paese: Iran
Durata: 95 min
Data di uscita: 06 giugno 2003
Distribuzione: Buena Vista International Italia
Baran è un film di genere avventura, drammatico, sentimentale del 2001, diretto da Majid Majidi, con Hossein Abedini e Mohammad Reza Naji. Uscita al cinema il 06 giugno 2003. Durata 95 minuti. Distribuito da Buena Vista International Italia.
Data di uscita: 06 giugno 2003
Genere: Avventura, Drammatico, Sentimentale
Anno: 2001
Paese: Iran
Durata: 95 min
Distribuzione: Buena Vista International Italia
Sceneggiatura: Majid Majidi
Fotografia: Mohammad Davudi
Musiche: Ahmad Pezhman
Produzione: Majid Majidi e Fouad Nahas

TRAMA BARAN

Baran, film diretto da Majid Majidi, racconta la storia di Lateef (Hossein Abedini), diciassettenne iraniano che lavora in un cantiere edile a Teheran. Uno dei compiti principali del ragazzo è quello di servire da bere e da mangiare agli operai, provenienti da diverse parti del Paese. Alcuni dei manovali sono rifugiati di guerra afgani sprovvisti di documenti, e il capocantiere Memar (Mohammad Reza Naji) li sfrutta come manodopera illegale a basso costo.
Un giorno, l’operaio afgano Najaf (Gholam Ali Bakhshi) ha un incidente e si rompe una gamba: l’indomani arriva quindi in cantiere suo figlio, il taciturno quattordicenne Rahmat (Zahra Bahrami), per sostituirlo nel lavoro. Ben presto Memar capisce che il giovane non è adatto per i compiti pesanti, così decide di scambiare le sue mansioni con quelle più leggere di Lateef. Quest’ultimo, costretto al duro lavoro, va su tutte le furie e inizia a maltrattare Rahmat, che però rimane sempre silenzioso.
L’atteggiamento di Lateef cambia radicalmente quando scopre che il realtà Rahmat è Baran, una bella ragazza dai lunghi capelli neri, costretta a fingersi maschio per poter lavorare e sostentare la sua famiglia. Una volta svelato il segreto, Lateef farà di tutto per aiutare la silenziosa rifugiata afgana, di cui inizia pian piano ad innamorarsi…

CRITICA DI BARAN

"Diretto da Majid Majidi, più volte quasi Oscar, 'Baran' è molto più 'realistico', tradizionale (e di cassetta) dei film di Kiarostami, Makhmalbaf o Panahi. Ma dietro questo amore struggente e sontuosamente impaginato vibrano le contraddizioni di un mondo che conosciamo appena". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 6 giugno 2003)."In fondo a questa peripezia sentimentale un film occidentale terminerebbe con un bacio. Qui, vedendosi scoperta come donna, la protagonista si copre il volto con il burqa. Almeno un milione e mezzo di afgani vegetano da profughi in Iran, imboscati nel lavoro nero. Sullo schermo vediamo il fuggi fuggi dei clandestini nel cantiere quando arrivano i controllori governativi e assistiamo alle manovre arlecchinesche di un padrone avaro e paternalistico; e c'è davvero da stupirsi di fronte alla visione religiosa e alla delicatezza dei rapporti umani che sopravvivono in un contesto di amara vita". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 7 giugno 2003)

CURIOSITÀ SU BARAN

Durante tutto il film la protagonista Baran non pronuncia nemmeno una battuta.

Nel 2001 la pellicola ha vinto il premio come Miglior film al Festival di Toronto.

Il lungometraggio fu selezionato come candidato per la categoria Miglior film straniero agli Oscar del 2001.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI BARAN

Attore Ruolo
Hossein Abedini
Lateef
Mohammad Reza Naji
Memar
Zahra Bahrami
Rahmat/Baran
Hossein Rahimi
Soltan
Gholam Ali Bakhshi
Najaf
Jafar Tawakoli
Ispettore

PREMI E RICONOSCIMENTI PER BARAN

European Film Awards - 2001

Ecco tutti i premi e nomination European Film Awards 2001

  • Candidatura Screen International Award
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming