Gossip TV

Cristina D'Avena rivelazione shock: "Pensavano facessi musica di..."

La mitica Cristina D'Avena si è sfogata alle Iene, raccontando dei pregiudizi che l'hanno afflitta per anni, nonostante sia stata un punto di riferimento per l'infanzia di una generazione, con le sigle di celebri cartoni animati.

Cristina D'Avena rivelazione shock: "Pensavano facessi musica di..."

Kiss Me Licia, L'incantevole Creamy, Pollon, Mila e Shiro, Occhi di gatto: è infinita la lista delle mitiche sigle di cartoni animati che hanno reso celebre Cristina D'Avena, che festeggia i 40 anni di carriera sfogandosi un po' alle Iene. Cantante a tutto tondo, si è sentita negli anni però ghettizzata (da altri, non da se stessa), per via della sua area di specializzazione. Ora ha qualche sassolino nella scarpa da lasciar andare...

Cristina D'Avena: "È quella che canta per i bambini, non può fare di più"

Col passare del tempo Cristina D'Avena ha accettato il suo ruolo di "cantante di sigle di cartoni animati": come ha raccontato alle Iene, la cosa nei primi tempi le ha fatto male, ma solo col passare dei decenni ha compreso di avere in mano un "dolce" potere che la rende speciale nel panorama musicale italiano. Il potere di riportare all'infanzia chi l'ascolta. Ecco le sue parole.

A tre anni e mezzo ero allo Zecchino d’oro con "Il Valzer del moscerino". A diciassette ho cantato la mia prima sigla, "Bambino Pinocchio". Doveva essere un esperimento ma la mia voce piacque e così con "La canzone dei Puffi", che fu un grande successo, è iniziata una favola fatta di concerti di telefilm, di sigle. Kiss Me Licia, Pollon, Mila e Shiro, Occhi di gatto, le conoscete tutte e proprio ora so che avete quelle note in testa. Io le ho sempre cantate con orgoglio. [...]
Ad un certo punto della mia carriera ho avvertito che molti amici, colleghi, conoscenze del settore consideravano la mia una musica di serie B. [...] E mentre nessuno scommetteva più su di me, lo ammetto, per un momento mi ha fatto pure male ma ho capito che chi stava veramente scommettendo su me stessa ero proprio io. Ho cantato le mie canzoni con ancora più forza e convinzione e so di non aver mai tradito il mio pubblico. [...]
E così dopo 40 anni di carriera posso dirlo, ho vinto io, si perché quelle canzoni per bambini le ho portate nel tempo della grande musica, a Sanremo, ma soprattutto le ho portate nel tempo. [...] E se qualcuno oggi dice che sono solo canzoni per bambini, beh non lo prendo come insulto, anzi, perché quando le ascolti si apre una finestra sul passato che tutti teniamo sempre chiusa. Un po’ per pudore o per paura del giudizio altrui. Ma non c’è nulla di cui vergognarsi a tornare bambini. [...] Ai miei concerti [...] tutti sono felici di stare lì, circondati da persone che li capiscono e contemporaneamente anche da un’altra parte, in un tempo antico dove, per un istante, tutto è ancora bellissimo, possibile. Sapete cos’è? È il tempo dell’infanzia.
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming