Schede di riferimento
Gossip TV

Uomini e Donne, trono over, Simonetta: "Non concepisco il mondo di litigare di Barbara De Santi"

168

La dama toscana intervistata dal settimanale dedicato al programma.

Uomini e Donne, trono over, Simonetta: "Non concepisco il mondo di litigare di Barbara De Santi"

Uno dei volti nuovi del parterre femminile del trono over di Uomini e Donne, è la dama toscana Simonetta Epifani, un volto però familiare per chi seguiva, alla fine degli anni Ottanta, un programma cult di Canale 5, 'Ok! Il prezzo è giusto'. L'ex showgirl ha infatti lavorato per molto tempo al fianco di Iva Zanicchi per poi dire addio al mondo della TV in nome dell'amore.

Intervistata dal settimanale 'Uomini e Donne Magazine', Simonetta ha parlato di quando e perché è approdata nel dating show di Canale 5. 

"Sinceramente la decisione di iscrivermi al programma non è partita da me - ha esordito la 50enne toscana  - è stato il mio migliore amico Massimiliano, con il quale sono praticamente cresciuta, a farlo. Secondo lui io ho sempre investito in rapporti "sbagliati" e, a onor del vero, ha ragione. Guardandomi indietro, a prescindere dal mio matrimonio, ho sempre dato molto a persone che c'entravano ben poco con me e questo probabilmente è legato anche al mio vissuto."

"lo ho avuto una splendida famiglia - ha proseguito - sono cresciuta con mia madre (che non c'è più) e i miei fratelli più grandi, a cui sono molto legata. Quella che mi è mancata però è stata una figura paterna: fino a un certo punto della mia vita ho creduto che mio padre fosse anche il padre dei miei fratelli, ossia colui che mi ha dato il cognome. Un uomo meraviglioso che però crescendo ho scoperto non essere il mio genitore biologico, il quale, di fatto, non ho mai conosciuto. Durante il corso della mia vita, dopo aver scoperto questa verità, non mi sono mai fatta aiutare sotto il profilo psicologico, però col tempo ho riflettuto su quello che è accaduto e ho capito che nei rapporti con gli uomini - proprio a causa del mio passato -cercavo un'accettazione da parte di persone che non potevano o non volevano darmi quello di cui avevo bisogno. Era un po' come se facessi sempre la crocerossina: ero sempre l'amica, la fidanzata, la compagna, l'uomo della coppia, la spalla su cui appoggiarsi. I miei rapporti di coppia erano sempre sbilanciati, rapporti in cui io mi davo al cento per cento e a senso unico. Tra l'altro so che dovrei avere una sorella dal mio padre biologico e vorrei tanto incontrarla prima o poi..."

Simonetta ha poi raccontato della conoscenza con Jean- Pierre e Marcello: "Mi ha colpita subito per signorilità e classe Jean-Pierre, perché lo trovo una persona molto educata, un uomo che dice la sua sempre con grande eleganza. lo, in realtà, non ho un ideale di uomo, non ce l'ho mai avuto perché delle persone mi colpiscono varie sfaccettature. In linea di massima so che non potrei mai approcciarmi a una persona tetra, che non sorride: la simpatia, l'autoironia e a capacità di non prendersi mai troppo sul serio sono qualità per me importanti. Mi piacciono le persone aperte e solari. Ho un figlio di quasi ventiquattro anni che si chiama Matteo e devo dirle che quando sono stata richiamata a Uomini e Donne la mia più grande preoccupazione era come la potesse prendere lui, anche perché quando sei riconoscibile i giudizi della gente non sono facili da gestire. lo so bene che è così perché ho lavorato per anni in televisione e, se adesso le cose mi scivolano addosso e per me contano solo i pensieri delle persone a cui tengo, quando ero più giovane non è stato sempre facile."

Uomini e Donne, Simonetta Epifani: "Non concepisco il mondo di litigare di Barbara"

"Ho trovato assurdo le polemiche legate alla mia conoscenza con Marcello. Io non ho nessun motivo per difenderlo perché non lo conosco ma la polemica che è venuta fuori per la questione della macchina è stata totalmente sterile, perché non si valuta un uomo dal suo mezzo di trasporto o in generale da quello che possiede o meno. O almeno io non lo faccio. Inoltre io ho sentito Marcello al telefono ed è il contrario di ciò che dipingono. Se poi un uomo, con lavoro e sacrifici, si leva degli sfizi, non vedo quale sia il problema. la differenza nelle persone la fa la capacità di relazione e Marcello non è borioso: è interessante, intelligente, un gentiluomo. Il contrario dell'immagine che è stata data di lui."

"Sono uscita basita da quella puntata - ha concluso infine la dama parlando di Barbara e del violento litigo che avuto con Marcello - io non concepisco il mondo di litigare di Barbara, ma sono per le discussioni 'accrescitive' dove si dicono le proprie opinioni con rispetto. Quella discussione Barbara poteva risparmiarsela".



  • Co-responsabile della sezione TV
  • Autore del romanzo "Cento Battiti al Minuto"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming