Schede di riferimento
Gossip TV

Uomini e Donne, intervista a Gemma Galgani: "Essere sensuali è un diritto a qualunque età"

505

La dama più famosa del trono over, intervistata da settimanale dedicato al programma.

Uomini e Donne, intervista a Gemma Galgani: "Essere sensuali è un diritto a qualunque età"

"Non ostento mise cosi provocanti pensando di essere una "bomba sexy". Non sono una visionaria, preferisco definirmi sognatrice". Le sfilate della dama torinese, Gemma Galgani, hanno scatenato accese polemiche nello studio di Uomini e Donne, soprattutto per la disinvoltura con cui l'iconica protagonista ha improvvisato uno strip ispirato a Sophia Loren in Ieri, oggi, domani. Tina Cipollari, l'opinionista e acerrima nemica di Gemma, non ha avuto alcun dubbio: "Avrebbe potuto scegliere Meryl Streep ne La casa degli spiriti. Perché a settant'anni ha voluto paragonarsi alla Loren?".

Eppure Gemma ha contestato con fermezza la Cipollari e ha continuato a condividere il suo modo di essere con le coetanee che la guardano sul piccolo schermo: "Ognuno di noi raggiunge ogni anno che passa in modo diverso, per forma fisica, salute, interessi, attività. Non ha senso giudicare le persone in base alla loro età. E le palette di Tina durante le sfilate non spegneranno mai il mio entusiasmo", ha dichiarato la dama al settimanale dedicato al programma.

"Ritengo la femminilità un insieme di caratteristiche mentali - ha continuato Gemma a 'Uomini e Donne Magazine' -  fisiche e di comportamento che distinguono una donna dall'altra. La sensualità invece è qualcosa che va oltre la semplice bellezza e coinvolge tanti aspetti: come ti presenti, come cammini, l'attenzione nello sguardo, la sincerità con cui sorridi, il linguaggio che esprimi con il tuo corpo, il profumo che indossi, e dico proprio "indossi", come se si fosse avvolte da un'aura speciale di fascino. Devo dire che non credo assolutamente sia una questione anagrafica quella che possa privare una donna di queste caratteristiche! Non voglio peccare di presunzione, ma credo di curare la mia femminilità più adesso che da giovane, di apprezzarla e di farla trasparire il più possibile, con la scelta di un abito o di un'acconciatura. Quanto alla sensualità, mi piace pensare che in ogni donna viva una dea; in particolare la mia attenzione va ad Afrodite, dea dell'amore e della bellezza nella mitologia greca. Pare che la sua bellezza fosse generata da un magnetismo profondo, che ogni donna dovrebbe scoprire o riscoprire in se stessa, facendo emergere i propri punti di forza. Nel mio piccolo, cerco esattamente di fare questo: dal punto di vista fisico metto ancora in mostra le gambe, che, come dico sempre, sono il mio punto di forza, mentre per il resto cerco di esse-re una donna "elegante" nei modi, nell'incedere, nella conversazione, nella gestualità..."

"Mi sento a mio agio durante le sfilate, se così non fosse avrei scelto altri abiti. Comunque non ostento mise così provocanti pensando di essere una "bomba sexy" o di assomigliare anche solo col pensiero alle donne di fama internazionale a cui, a volte, mi ispiro per le sfilate. Ho tanti difetti, ma non sono una visionaria. Mi definirei piuttosto una sognatrice che ha l'opportunità, anche se solo per il momento della passerella, di in dossare abiti insoliti, di incarnare un idolo. E non importa se verrò criticata o apprezzata dal pubblico. In quel momento io mi sento una leonessa coraggiosa e impavida, e quello che mi resta dopo è un divertente ricordo nel cuore... Infatti nasce dal desiderio di inviare un messaggio a tutte le signore della mia età: non arrendetevi!'

"Ammetto che quando vengo definita la "dama di Torino", - ha proseguito - un'espressione così elegante, non mi dispiace affatto. Con l'età si acquisisce coraggio nel dire e nel fare cose che magari, in passato, non avremmo mai considerato possibili. Si è più indifferenti al parere della gente, se si desidera davvero dire o fare qual cosa, sembra di aver meno da perdere e, soprattutto, meno tempo per farlo". Le critiche di Tina sono quotidiane e continue, quindi non mi aspetto nulla di diverso, anche se durante le sfilate le definirei "ingiustamente spietate". Forse, però, è meglio essere criticata per un outfit che lei ritiene inadeguato che essere offesa nei miei valori profondi e nella mia integrità morale. I suoi giudizi di fronte alle mie favolose calze autoreggenti sono sempre generati dal solito motivo, vale a dire che lei non mi considera una signora ancora piacente e contesta qualsiasi complimento mi venga fatto in merito. È una sua opinione, non si può piacere a tutti, ma fortunatamente tante altre persone la pensano diversamente. Sarebbe interessante rivederla sulla passerella, come in passato. Magari Tina avrebbe scelto Wonder Woman... Certo che, se invece di stare ferma su una sedia con una paletta in mano, cercasse di essere più neutrale... Intanto, però, l'entusiasmo che manifesto nelle sfilate non riuscirà mai a spegnerlo." 

"Per me l'intimità è parte integrante di un rapporto - ha dichiarato la dama parlando di questo aspetto nel rapporto di coppia -  Non ha più o meno valore di lealtà, rispetto, complicità e tutte le fondamenta di una relazione. Ho cercato di non sottovalutare mai questo aspetto nel propormi ai miei ex fidanzati, Giorgio incluso naturalmente, con fantasia e complicità. Devo ammettere, però, che con lui ho fatto un cambiamento importante, curando maggiormente ogni piccolo dettaglio. Era sempre molto attento e io mi "affannavo", a volte, per non essere al di sotto delle sue aspettative, quando mi aspettava alla stazione di Firenze".

"Ricordo che un po' prima del mio arrivo levavo le scarpe comode da viaggio per sostituirle con quelle col tacco, che per lui non doveva no mancare mai. Non sopportava le ballerine. Inoltre ho sempre cercato di creare situazioni curiose, da apparecchiare per una colazione romantica sul terrazzo di casa, quando era venuto a Torino, al mettere nella valigia una piccola sorpresa per lui che mi facesse sentire più vicina nonostante la lontananza. Oppure preparare un camerino a tema, come ho fatto per Giorgio più di una volta. È chiaro che, alla mia età, si punta molto anche sull'attrazione mentale, sul fascino di una conversazione brillante, sulla complicità emotiva, ma se uno degli uomini più desiderati del parterre maschile aveva scelto proprio me... vuol dire che il mio stile non era passato inosservato! Avevo compreso i suoi gusti e, senza snaturarmi, non gli risparmiavo mai delle sorprese che avrebbe gradito. Se ami una persona è naturale cercare di carpire i segreti per piacergli sempre di più".



  • Co-responsabile della sezione TV
  • Autore del romanzo "Cento Battiti al Minuto"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming