Schede di riferimento
Anticipazioni TV

Solo: presentata la miniserie TV sulla Ndrangheta con Marco Bocci

45

L'attore interpreta un poliziotto infiltrato in una cosca calabrese.

Solo: presentata la miniserie TV sulla Ndrangheta con Marco Bocci

Raccontare dall’interno la Ndrangheta calabrese è la ragion d’essere di Solo, miniserie in quattro puntate da 100 minuti in onda su Canale 5 in prima serata dal 9 novembre. Solo è il nome in codice del personaggio interpretato da Marco Bocci, un agente sotto copertura dello SCO (Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato) attraverso i cui occhi esploriamo il mondo omertoso dell’organizzazione criminale e la faida tra famiglie per il controllo della Piana di Gioia Tauro.

La miserie è diretta da Michele Alhaique, l’attore che ha esordito alla regia cinematografica con il noir Senza nessuna pietà. “Per noi la serie non ha l’obiettivo di fare un’analisi sociologica di un’organizzazione criminale, ma mi fa piacere che venga riconosciuta da esponenti delle istituzioni che realistica. È stata un’esperienza incredibile per due anni di lavoro, una serie avvincente che puntata dopo puntata va in crescendo”, racconta il regista in conferenza stampa.

Parlando del suo protagonista, Alhaique dice che “secondo me non ci sono molti attori in Italia che hanno la forza di interpretare un eroe positivo che dentro di sé nasconde conflitti. I due mondi nei quali recita non vanno nella stessa direzione, più cresce quello esteriore in cui aumenta l’infiltrazione nelle cosche, più si indebolisce quello interiore e in questo Marco è stato straordinario”.

“Mi sono preparato con la volontà di mettere in scena dinamiche reali raccontando personaggi reali e, per assurdo, il lavoro è stato semplice perché ho riportato tutto ciò che il mio personaggio viveva verso me stesso, come se il filtro dell’agente sotto copertura non ci fosse”, spiega Marco Bocci. L’attore si rivolge ai giornalisti parlando delle dinamiche della serie, realizzate nel modo più verosimile possibile, non focalizzate a fare dei personaggi degli eroi “ma degli esseri umani impegnati fino alla morte in quello che fanno convivendo con uno stato di paura quotidiana”. “La stessa brutalità” continua Bocci, “è stata messa in scena per rispecchiare quella che è la realtà e senza cercare di mitizzare i cattivi”.

A supporto dell’infiltrato di Bocci, nella storia c’è una poliziotta interpretata da Diane Fleri che lo accompagna nella missione. Lui è anche l’uomo che lei ama e questo inevitabilmente porta in conflitto il piano professionale con quello personale. Renato Carpentieri è invece il boss che si fida dell’infiltrato, essendo ancora all’oscuro su chi sia veramente, mentre Carlotta Antonelli è l'unica ad avere la possibilità di far crollare la famiglia dall'interno. In quanto sorella del boss dall'animo ribelle, il suo personaggio evolve significativamente nel corso di tutta la serie.

Solo è prodotto dalla Taodue di Pietro Valsecchi il quale precisa quanta pattumiera veda nel nostro paese soltanto aprendo il giornale al mattino. “Ognuno nel proprio campo cerca di fare il proprio per migliorare l’Italia e noi come produttori cerchiamo nel nostro campo di fare storie raccontando qualcosa di importante”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per l'articolo