Anticipazioni TV

Sanremo 2020: Diodato vincitore del Festival

152

Il cantante Diodato ha vinto il Festival di Sanremo 2020 con la canzone "Fai Rumore": secondo Francesco Gabbani e terzi i Pinguini Tattici Nucleari.

Sanremo 2020: Diodato vincitore del Festival

Il Festival di Sanremo 2020 si è concluso ufficialmente decretando vincitore Diodato per la canzone "Fai Rumore". Una vittoria a sorpresa, che ha lasciato al secondo posto Francesco Gabbani, seguito dai Pinguini Tattici Nucleari, fermatisi al terzo, e che arriva a sei anni di distanza dalla sua prima partecipazione alla kermesse, tra le Nuove Proposte.

La classifica finale e il vincitore di Sanremo 2020

  1. Diodato - Fai Rumore
  2. Francesco Gabbani - Viceversa
  3. I Pinguini Tattici Nucleari – Ringo Starr
  4. Le Vibrazioni - Dov'è
  5. Piero Pelù - Gigante
  6. Tosca - Ho amato tutto
  7. Elodie - Andromeda
  8. Achille Lauro - Me ne frego
  9. Irene Grandi - Finalmente Io
  10. Rancore - Eden
  11. Raphael Gualazzi - Carioca
  12. Levante - Tikibombom
  13. Anastasio - Rosso di rabbia
  14. Alberto Urso - Il sole ad est
  15. Marco Masini - Il confronto
  16. Paolo Jannacci - Voglio parlarti adesso
  17. Rita Pavone - Niente (Resilienza 74)
  18. Michele Zarrillo - Nell'estasi o nel fango
  19. Enrico Nigiotti - Baciami adesso
  20. Giordana Angi - Come mia madre
  21. Elettra Lamborghini - Musica (e il resto scompare)
  22. Junior Cally - No Grazie
  23. Riki - Lo sappiamo entrambi

Chi è Diodato, il vincitore del Festival di Sanremo 2020

Antonio Diodato, classe 1981, ha iniziato a registrare canzoni a Stoccolma, insieme ai DJ svedesi Sebastian Ingrosso e Steve Angello dei futuri Swedish House Mafia, cantando il brano “Libiri” (il cui titolo era in realtà “Liberi”, ma è stato storpiato dai due producer svedesi). Dopo essersi laureato al DAMS a Roma, ha pubblicato un EP autoprodotto nel 2007, per poi ricevere la prima offerta discografica e pubblicare il disco “E forse sono pazzo” nel 2013. Nello stesso anno ha partecipato a diversi progetti interessanti, tra cui la colonna sonora di Anni felici di Daniele Luchetti, per la quale reinterpreta “Amore che vieni, amore che vai” di Fabrizio De André, ed è stato selezionato tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2014, con il brano “Babilonia”, dove è arrivato secondo. Successivamente, Fabio Fazio lo ha invitato a cantare dal vivo a Che tempo che fa in chiusura di ogni puntata. Poi, nel 2016, dopo aver partecipato ai dischi di Daniele Silvestri e Boosta, ha pubblicato l’album “Cosa siamo diventati” ed è tornato sul palco dell’Ariston nel 2018, al fianco di Roy Paci, presentando il brano “Adesso”. Nel 2019 ha esordito come attore nel film Un’avventura di Marco Danieli, e ha scritto per la colonna sonora de La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek il brano "Che Vita Meravigliosa".

Di cosa parla "Fai Rumore": il testo della canzone vincitrice di Sanremo

Il brano da lui presentato a questo Sanremo, è nato in un pomeriggio, come ha raccontato lui stesso in un’intervista con Soundsblog. "Ero in questo studio con Edwyn Roberts (autore di successi come "Senza fare sul serio" di Malika Ayane e "Non è detto" di Laura Pausini ndr), che ha collaborato con me per questo brano. Lui stava suonando al piano, io ero seduto sul divano e ho cominciato a cantare col microfono. Si è creata una magia, non c'erano ancora tutte le parole, solo accenni... Ma la parte finale del brano è esattamente quella che abbiamo registrato quel giorno. Mi ricordo che avevo gli occhi chiusi. Quando li ho riaperti, io ed Edwyn siamo scoppiati a ridere perché era una risata di emozione, era successo qualcosa di magico. Ho lavorato al testo, a mettere a fuoco quello che volevo dire. Sentivo la necessità di abbattere i muri dell'incomunicabilità, di far arrivare la mia voce e far sentire un dialogo. Un invito a bruciare quei silenzi che amplificano delle distanze e considerazioni false che creiamo noi stessi".

"Sai che cosa penso,
Che non dovrei pensare,
Che se poi penso sono un animale
E se ti penso tu sei un’anima,
Ma forse è questo temporale
Che mi porta da te,
E lo so non dovrei farmi trovare
Senza un ombrello anche se
Ho capito che
Per quanto io fugga
Torno sempre a te
Che fai rumore qui,
E non lo so se mi fa bene,
Se il tuo rumore mi conviene,
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale
Tra me e te.
Senza un posto a cui arrivare,
Consumo le mie scarpe
E forse le mie scarpe
Sanno bene dove andare,
Che mi ritrovo negli stessi posti,
Proprio quei posti che dovevo evitare,
E faccio finta di non ricordare,
E faccio finta di dimenticare,
Ma capisco che,
Per quanto io fugga,
Torno sempre a te
Che fai rumore qui,
E non lo so se mi fa bene,
Se il tuo rumore mi conviene,
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale tra me e te.
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale,
E non ne voglio fare a meno oramai
Di quel bellissimo rumore che fai"

Il video della canzone che ha vinto il Festival di Sanremo



  • Giornalista pubblicista specializzata in comunicazione musicale e televisiva
  • Consulente musicale
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming