Anticipazioni TV

Masterchef: il nostro racconto della sesta puntata, con al centro la sostenibilità

Tutto quello che è successo nel corso della sesta puntata di Masterchef 10,una serata piena di tensione, attenzione all’ambiente e ai prodotti rari, cercando di non perdere il sorriso dell’amore per la cucina.

Masterchef: il nostro racconto della sesta puntata, con al centro la sostenibilità

Il pianeta urla la sua sofferenza, in maniera sempre più palese, sperando che noi tutti ce ne renderemo conto il prima possibile, partendo ognuno dalla quotidianità, cercando di impegnarci in piccoli grandi gesti che possano inquinare meno, violando meno il ciclo naturale delle cose. Masterchef è da sempre particolarmente attento a queste tematiche di sostenibilità, rispetto per il pianeta e contro gli sprechi. Lo ha confermato anche ieri sera, nel corso della sesta puntata della decima edizione del cooking show, disponibile ora on demand su Sky e NowTV.

Una rara Mystery Box durante la sesta puntata di Masterchef 10

Lo ha dimostrato anche la Mystery Box di apertura, dedicata ai cibi in via d’estinzione, illustrati con tanto di bacheca e bacchetta dal professore del gusto e della severità Bruno Barbieri. Chef Locatelli ha invitato a lottare strenuamente per preservare la biodiversità straordinaria della nostra Italia. Così ha chiosato la signora di Shanghai di Bari vecchia, Jia Bi, ”risparmiare è una scelta, ma sprecare è sempre un peccato”.

Ancora faida in atto fra Ilda e Maxwell, con la donna di origini albanesi che non perdona il distinto yankee Max per non averla scelta nell’esterna della puntata precedente. “Perdono”, insiste l’accusato, ma lei non cede, fra gli inviti delle colleghe a non cedere. I tre piatti migliori sono cucinati tutti da donne, con la calabrese Federica che finalmente riesce a vincere una mystery, senza sbavature, dopo tanti piatti con appena qualcosa in meno o addirittura non conclusi. A lei i grandi vantaggi per l’Invention test.

L’Invention Test che conduce a New York 

Grande ospite dell’Invention test è “uno dei fenomeni mondiali della cucina”, come lo presenta in pompa magna Giorgio Locatelli. Si chiama Flynn McGarry, vero enfant prodige che ha iniziato a cucinare a 12 anni e a 19 anni ha aperto il suo ristorante, il Gem, nel Lower East Side newyorkese, mentre ora ne ha pochi di più, solo 22 anni. Da ragazzo è stato in Emilia ha imparare a fare la pasta ripiena. Federica nella Master Room ha ben due vantaggi: il primo è quello di poter scegliere quale dei tre piatti assegnare ai cuochi amatoriali e il secondo è la possibilità di penalizzare uno di loro privandolo di uno strumento necessario alla realizzazione del piatto.

Ogni piatto rappresenta una tappa nel percorso di crescita del giovanissimo chef: il primo, quello meno difficile, almeno sulla carta, è consapevolezza, poi notorietà e quindi consacrazione, il più complesso, pieno di lavorazioni insidiose che Federica ha assegnato ai concorrenti che teme di più. Scegliere col cuore o secondo strategia? La seconda che avete detto, direi, con una penalizzazione in assoluto maggiore per Francesco Aquila, a cui ha negato anche uno strumento cruciale per cucinarlo.

45 minuti complessi e le tensioni che sempre più esplodono con parole acide, commenti poco carini e spaccature all’interno dei quindici ragazze e ragazzi, di tutte le età, rimasti nella Masterclass. A vincere è proprio la giovanissima e sensibile Irene, coetanea di chef McGarry, mentre Federica, nonostante abbia scelto per se stessa il piatto di difficoltà minore, finisce fra i tre peggiori assieme a Marco e Ilda. È il piatto del romano Marco quello con gli errori maggiori e, per questa ragione, l’aspirante chef romano è costretto a togliersi il grembiule e abbandonare per sempre la cucina di Masterchef.

Un’esterna gioiosa fra natura e bambini amanti della cucina nella sesta puntata di Masterchef 10

La Masterclass si sposta nella Cascina Salvaraja, nella Valle del parco del Ticino, dove avrà a che fare con “i commensali più temuti da tutti gli chef: i bambini, che detengono le chiavi del potere in ogni famiglia”. La Squadra Rossa è capitanata da Irene, che sceglie sia quale dei due menù preparare sia i componenti della sua brigata, con la Squadra Blu che è capitanata da Aquila. I Rossi hanno lavorato con armonia, con un approccio giocoso con i bambini e riescono ad ottenere un trionfo assoluto ottenendo ben 14 voti a loro favore, contro un solo voto per la Squadra Blu. Irene, che ha avuto disturbi alimentari, è particolarmente commossa, per lei è una “rivincita personale, perché il cibo è gioia”.

Il Pressure test, una sfida in bianco a Masterchef

A questo punto i componenti della Brigata Blu si sfidano in un Pressure Test pieno di insidie. Dovranno infatti trasformare un piatto apparentemente semplice, la pasta in bianco, in chiave gourmet. Pochi semplici ingredienti che devono, però, essere rivisitati, prendendo ispirazione dallo stile di Gualtiero Marchesi, “il primo Chef italiano che ha trasformato il cibo in arte” sottolinea lo Chef Locatelli. Come dice Barbieri, “un vero genio è colui il quale prende un ingrediente semplice e riesce a trasformarlo in un grande piatto”.

“Non capisco se c’è o ci fa”, si lascia scappare Monir rivolgendosi all’abruzzese Valeria, che non gode della simpatia di molti colleghi. Al termine dei 30 minuti, è Maxwell a salvarsi subito dall’eliminazione ricevendo molti complimenti per la sua rivisitazione giapponese della pasta in bianco. Successivamente gli altri, uno a uno, riescono a sfuggire all’eliminazione e a salire in balconata, ad eccezione di Daiana che non riesce a lavorare in maniera corretta. Anche Daiana deve quindi lasciare la Masterclass, per una insipida pasta con un po’ di formaggio. “La cosa che mi fa più rabbia è essere uscita con una pasta in bianco”, commenta delusa.

Alla fine chef Locatelli si prende qualche secondo per ricordare ai concorrenti, provati dalla sfida, come non bisogna mai perdere il sorriso, “perché facciamo il mestiere più bello del mondo, ci vuole un po’ follia nell’affrontare anche le difficoltà maggiori, proprio come farebbe un bambino”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo