Anticipazioni TV

Masterchef 10: il racconto dell’ottava serata e la sfida dei quattro elementi

5

Ottava puntata che scompiglia le carte e mette duramente alla prova i rimanenti concorrenti di Masterchef 10, in cerca di un equilibrio fra gli elementi della natura, al centro delle sfide di questa settimana

Masterchef 10: il racconto dell’ottava serata e la sfida dei quattro elementi

Avrebbero dovuto immaginarlo appena entrati nella cucina di Masterchef, che l’ottava puntata non sarebbe stata una come tante, vedendo tutte le postazioni mescolate, come da un cinico baro. Niente più amicizie o alleanze, carinerie o galanti facilitazioni. Arrivati a questo punto la selezione si fa dura e imprevedibile come i quattro elementi, al centro della vera battaglia delle due ore di questa settimana. Antonio, il favorito di tutti, analitico Dexter delle cucine, algido chimico, è la dimostrazione di come niente sia più stabile nel programma, partito a inizio puntata con un sorrisetto di lesa maestà per essere stato spostato ‘di banco’ in ultima fila, e finito con le lacrime al vento di vera passione nel corso di un’esterna esposto agli elementi.

La mystery box fra il noto dell’acqua e l’ignoto dell’aria 

Ma andiamo con ordine, dall’invocazione di Chef Barbieri sull’equilibrio necessario fra i quattro elementi per “la sopravvivenza di ogni ecosistema, quindi anche della vita umana”. Davanti a ogni aspirante chef ci sono due Mystery Box: una dal contenuto nascosto e una trasparente, da cui è possibile vedere gli ingredienti che risiedono al suo interno. La prima è ignota, ma si sa che gli  ingredienti riguardano l’elemento dell’aria. La seconda contiene dieci ingredienti, tutti appartenenti al mondo acquatico. Monir si lamenta. Gli aspiranti chef devono scegliere una delle due: Jia Bi ed Eduard scelgono la box dell’acqua, mentre tutti gli altri scelgono il mistero dell’aria. Tanti coraggiosi, o incoscienti?

Al termine dei 45 minuti, i tre piatti migliori sono quelli di Maxwell, Eduard e Aquila, con quest’ultimo, particolarmente deciso e a fuoco con le sue intenzioni, che ottiene il primo posto entrando nella Master Room, dove per primo incontra lo Chef Terry Giacomello, una stella Michelin dal ristorante Inkiostro di Parma. Nel frattempo, Monir si lamenta. “Mannaggia al diavolo, come fo’ che si è rotta tutta”, specifica al cielo parlando della sua scelta improvvida di azzardare una pasta fresca. “Purtroppo ho avuto un sacco di problemi, ho cucinato senza la concentrazione giusta perché sapevo che non si andava a casa”, questa, più meno, la lamentazione di Monir da bambino capriccioso.

Terry Giacomello, chef avanguardista e visionario, ospite nell’ottava puntata di Masterchef 10

Ma torniamo all’ospite, a Terry Giacomello, che si è dimostrato un ostacolo durissimo e un severo giudice. Lo Chef sperimentatore e visionario mostra tre suoi piatti a tema terra, in ordine crescente di difficoltà. Non devono essere replicati, ma Aquila assegna a ogni concorrente uno dei tre gruppi di ingredienti protagonisti. “Il più avanguardista d’Italia”, per la sua innovazione la guida dell’Espresso ha da poco premiato chef Giacomello, che in cucina lavora con scienziati e botanici, “perché noi cuochi possiamo arrivare fino a un certo punto”. 

E i concorrenti se ne accorgono presto, di come sia innovatore, con il piatto più difficile composto da un’insalata con oltre 40 ingredienti che lascia tutti impietriti. Monir sostituisce la lamentela verbale con una faccia molto significativa, non trattenendo un “speriamo che non me ce perdo su sto bosco, poco giuda”.  Equilibrio ed estetica, la combinazione da ricercare. Alcuni giudizi sono durissimi, del tipo “questo piatto mi sembra Profondo rosso di Dario Argento”, riferendosi a una carne lasciata a perdere sangue sul piatto. L’incauta è Valeria, che risulta la peggiore della prova e si toglie il grembiule. Monir si fa notare tentando di arruffianarsi lo chef, che lo smaschera subito con veemenza. 

A vincere l’Invention Test è invece Jia Bi. Il livello di difficoltà era molto alto, e Terry Giacomello lascia i concorrenti con un pensiero, “dovete credere nei vostri sogni, perché nella vita non esiste l’impossibile”. Cristiano è particolarmente colpito dall’uscita di Valeria, confessa come “un’amicizia così non ce l’avevo dall’adolescenza”. Valeria abbandona la cucina dicendo “me la so’ vissuta così, a volo libero”.

Giorgio Locatelli reagisce quasi con violenza a questi forti sentimenti, “questa intensità ci voleva prima, quella che usate per piangere dovevate usarla nei piatti”.

L’esterna sul Lago di Iseo e il Pressure test dell’ottava serata di Masterchef 10

La Masterclass deve ora affrontare la prova in esterna: siamo sulle rive del Lago di Iseo, dove una piccola comunità di pescatori si è fatta carico di perpetuare una produzione rara e preziosa: quella della sardina essiccata. Nei menù a tre portate, quindi, oltre al pescato del giorno, deve essere proprio la sardina essiccata la protagonista. La Brigata Rossa è capitanata da Jia Bi, vincitrice dell’invention Test, che nella sua squadra sceglie di avere Antonio, Azzurra, Maxwell e Eduard.I restanti cuochi amatoriali formano la Brigata Blu con Monir come capitano, che si lamenta presto perché gli mettono ansia. “Nessuno fa di cognome Imparato”.

I giudici di questa esterna sono 20 pescatori del luogo che, al momento del servizio, valutano le due Brigate con 13 a 7 per la Squadra Rossa, che si aggiudica la vittoria. I Blu, invece, devono affrontare il Pressure Test, il cui tema è la carne. Uno di loro può essere salvato senza affrontare la sfida e tutti votano Monir che sale in balconata. “È la prima volta che vedo il capitano che si salva per primo mentre la nave affonda”, commenta la cosa Locatelli, mentre Monir se la cava con un prosaico “farò l’eroe un altro giorno”. Aquila, Federica, Cristiano e Irene si dirigono in postazione e, appena sollevano le box, davanti a loro vedono ben 13 tagli diversi di carne.

Prima di tutto devono indovinare il nome di più tagli di carne possibili in tre minuti di tempo e i migliori a farlo sono Federica e Aquila che hanno il vantaggio di scegliere quali pezzi cucinare. Entrambi scelgono l’agnello e, inoltre, i due possono decidere quali assegnare ai loro compagni: Federica sceglie la milza per Irene e lo stesso fa Aquila per Cristiano. Come ulteriore vantaggio, Federica e Aquila possono scegliere cinque ingredienti da abbinare al loro piatti e destinarne cinque agli altri due sfidanti. Allo scadere dei 30 minuti del Pressure Test, è Cristiano ad aver fatto sparire totalmente il sapore della milza e per questa ragione l’aspirante chef deve togliersi il grembiule e abbandonare per sempre la cucina di MasterChef.

Besciamella ci ha lasciato, commenta perfidamente alla fine dei giochi Monir, che per una volta non si lamenta.

MasterChef Italia, show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, è in onda ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW TV

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo