Anticipazioni TV

Masterchef 10: il racconto dell’agguerrita settima puntata, fra dolce e pancetta

12

Una delle serate più combattute della decisa stagione di Masterchef 10 si è compiuta ieri sera, fra tranci di pancetta camaleontica e involucri dalle mille funzioni.

Masterchef 10: il racconto dell’agguerrita settima puntata, fra dolce e pancetta

Settima puntata e tredici concorrenti rimasti. Gli amanti dei numeri e dei loro significati reconditi avranno allineato i pianeti ieri sera, per la settima puntata della decima edizione di Masterchef Italia. Cristiano si è commosso, per essere rimasto fra i migliori, mentre Barbieri, spingendo ancor di più il limite del coraggio sartoriale in prima serata, con un gessato marrone che ha diviso più di una prova in esterna, ha attinto dal suo bacino lirico. “Dopo un lungo viaggio in mare, siete come Cristoforo Colombo in cerca della terra all’orizzonte”, ha così stimolato i concorrenti. Monir è stato pizzicato da Locatelli, al solito non ha taciuto.

La Mystery Box della settima puntata, dedicata al versatile universo della pancetta

Eccoci al momento della Mystery Box, con protagonista la pancetta. A partire da Maxwell ognuno assegna a chi vuole un piatto dolce o salato dedicato al sopraffino taglio di maiale. Valeria assegna a Federica il dolce, sottolineando una delle faide più furiose dello show di quest’anno, lungo la direttrice Abruzzo-Calabria. C’è chi segna nomi sul Rosicomicon per vendette future, chi l’ha già pieno da tempo. 

I giudici indagano e scoprono dalla bocca di Aquila come si sia formato un gruppetto isolato, apparentemente convinto di essere composto dai vincitori, almeno è quello che insinuano i non membri. Un gruppo composto da Antonio, Federica, Igor, Azzurra e Irene, che non gradisce, sostenendo di essere stata esclusa da troppi gruppi, troppe volte, per accettare una definizione del genere. Sono persone che semplicemente si sono conosciute meglio, diventando amiche. 

Cristiano sembra commosso, così. Antonio è agguerrito, parla di mettere qualcosa in bacheca dopo recenti vittorie in esterna e in cucina. Nel frattempo Locatelli continua a sfogliare il libro dei detti orientali lasciato evidentemente in cucina da Bastianich, e si lascia andare a un “l’ostacolo più grande fra voi e la vittoria siete voi stessi”, parlando di chi non lotta per sé, ma fa gruppo. Sembra più aver preso in prestito un motto dai saluti notturni di Marzullo, in effetti.

Antonio vince, in ogni caso.

L’Invention test in salsa fusion con un'ospite in grande ascesa

L’ospite dell’invention test è una chef in grande ascesa e di grande talento, la messicana Karime Lopez, prima del suo paese (uomini esclusi) a ottenere una stella Michelin per un ristorante aperto da meno di un anno, l’Osteria Gucci di Firenze aperta da Massimo Bottura. Proprio all’Osteria Francescana ha lavorato in passato, oltre che in mezzo mondo, come racconta: “la nostra cucina è multiculturale. Oggi chiamo casa l’Italia, ma lo sono state il Messico, sempre nel mio cuore, il Giappone, la Spagna, il Perù. Ho preso tutti questi sapori e li ho portati a tavola all’Osteria Gucci”.

Tre creazioni di chef Lopez, di diversa difficoltà, che Antonio assegna ognuna a quattro sui compagni d’avventura. Sono piatti da replicare il più fedelmente possibile. “Chi non regge la botta se ne va a casa”, ricorda Barbieri, apparentemente inconsapevole della portata del suo abito, oltre che delle sue parole. Cristiano è “un po’ spaventato”, questa volta non commosso. “Oggi vado a casa”, altro che un po’ spaventato, decisamente ottimista, “una volta che mi hanno assegnato il piatto più difficile ho capito che andrò a casa”, ha aggiunto. “Ho una memoria stupida, non riesco a ricordare nulla”, di male in peggio, con una perla finale, “la paura mi sta seguendo”. Giustamente, si affaccia chef Locatelli, ricordandogli che “se non ci credi prima tu non possiamo crederci noi”. A quel punto, Cristiano torna a commuoversi.

Antonio vince ancora, fa doppietta, la prima di Masterchef 10, come ricorda con orgoglio l’analitico dottorando in Chimica dalle fattezze e lo stile di Dexter. I piatti peggiori sono quelli di Ilda e Igor, con l’eliminazione, nell’aria, della sensibile Ilda, a cui viene detto dai giudici di lavorare sulle proprie paure. Altro vantaggio per Antonio, che si godrà lo skill test sereno e salvo dalla balconata. Questa settimana niente esterna, ma l’irruzione di un ciuffo bianco in cucina.

Lo Skill Test e l’irruzione del più temuto degli ospiti e della pasticceria 

È lui, appare seduto in poltrona, di spalle, come il boss della Spectre di bondiana memoria. È Iginio Massari, il re della pasticceria e uno degli ospiti abituali più temuti da generazioni di concorrenti di Masterchef Italia. “Mi sento come una ragazzina al concerto di Justin Bieber”, si lascia andare la pasticceria della compagnia, la dolce Irene, commossa. “Sono severo, ma giusto”, si sottovaluta il buon Massari.

Lo skill test procederà per tre livelli, dedicati agli 'involucri'. Si inizia con una sfera di cioccolato complicatissima che dovrà contenere un tiramisù, con in più una bella pioggia di cioccolata calda. Prova complicata, come al solito quando si parla di dolci, che fa strage, con il solo Max capace di realizzare la sfera, vincere ed essere degno di portare all’assaggio il suo piatto. Viene definito da Massari, che onore, “il dolce più buono che ho assaggiato a Masterchef”, con uno slancio di umanità inatteso del prode pasticcerie, che attinge dallo stesso libro magno della saggezza dei giudici (in sintesi, dagli stessi autori) con un incoraggiante, “Masterchef non è solo una scuola di cucina, ma anche una scuola di vita”. Cristiano, che avrebbe a questo punto anche potuto commuoversi, non lo fa, o almeno non ce lo mostrano e non lo sapremo mai.

Chef Locatelli è infuriato per l’incapacità dei concorrenti di farsi valere nella prova, “ci avete fatto fare una figura pessima, ora ve la vedrete con me”. Secondo involucro, questa volta salato. La prova prevede la cottura in vescica del pollo, a cui aggiungere un contorno di verdure. Molto difficile, soprattutto per la modalità di cottura ormai desueta. Sarà cotto il pollo? Cristiano sbaglia il piatto e si commuove, con l’autostima ormai di Willy il Coyote, lasciandosi trascinare dall’ottimismo, una volta in più. “Per un attimo ho pensato di cambiare vita, ma non si cambia la vita”, ha detto scuotendo la testa.

Arriva poi il terzo involucro, il collo di gallina da fare ripieno, e alla fine il secondo eliminato per sempre dalla cucina di Masterchef è Igor, che esce con signorilità e intonando un brano lirico, preparando il ritorno al suo mestiere. Cristiano osserva tutto dalla balconata, pronto a commuoversi la prossima puntata, l’ottava.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo