Festa della donna: quattro film con protagoniste femminili su Prime Video

- Google+
34
Festa della donna: quattro film con protagoniste femminili su Prime Video

In occasione dell'8 marzo abbiamo pensato di segnalarvi quattro lungometraggi con protagoniste femminili molto diverse tra loro: Orgoglio e pregiudizio, Changeling, Young AdultCoraline e la porta magica. Prima di spiegarvi i motivi di questa scelta, vi comunichiamo che i quattro film sono tutti disponibili su Amazon Prime Video: ciò significa che per la maggior parte di voi saranno già a un tiro di click (se siete clienti Amazon Prime). In caso contrario, potete fare riferimento alla nostra guida per Amazon Prime Video.





La versione di Orgoglio e pregiudizio a cui ci riferiamo è quella del 2005, diretta da Joe Wright e interpretata da Keira Knightley nei panni dell'iconica Elizabeth Bennet. Chi conosce solo di sfuggita l'Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen come emblema del romance ottocentesco lo conosce solo a metà: la ricerca di un'identità da parte di Elizabeth, la sua rivendicazione di un'autonomia emotiva nella gestione della sua vita continuano a essere il vero cuore di questo bellissimo racconto. Il rapporto sofferto ma trascinante che lega lei e Mr. Darcy (Matthew Macfayden) concilia la costruzione di una donna con un rapporto paritario con l'uomo. Oggi come allora.





Changeling (2008) di Clint Eastwood narra di una madre, Christine (Angelina Jolie). Single e lavoratrice nella Los Angeles del 1928, perde suo figlio: dopo un lasso di tempo la polizia, preoccupata per le numerosi sparizioni di minori e temendo l'opinione pubblica, simula un ritrovamento mettendole accanto un figlio che non è il suo. Impossibile? Non nel 1928: nella sua condizione di solitudine, nessuno è disposto a dare credito alla sua versione rispetto a quella della polizia, aprendole le porte di un manicomio. Tre nomination agli Oscar (Jolie, scenografie e fotografia) per un'agghiacciante storia vera che sembra dolorosamente improbabile. Un percorso quasi cristologico, di dolori fisici e interiori.





In Young Adult (2011) di Jason Reitman la scrittrice Mavis (Charlize Theron) di romanzi per ragazzine, a un passo dal licenziamento, decide di tornare nella sua città natale e riconquistare la sua vecchia fiamma del liceo (Patrick Wilson), per puro narcisismo. Mavis ha dimenticato di crescere: ai suoi via via più patetici tentativi assisterà un vecchio compagno di scuola (Patton Oswalt), rimasto claudicante per il bullismo della compagnia di cui Mavis era la regina. Young Adult è una commedia assai nera, priva di vie d'uscita semplici e con un finale non conciliante. Siete avvisati: scrive la Diablo Cody di Juno.





Chiudiamo con un simpatico esempio di piccola eroina per le donne che crescono (e forse non solo per quelle): nel film di animazione in stop-motion Coraline e la porta magica (2009) di Henry Selick, Coraline è una bimba che si è trasferita con i genitori nella magione chiamata Pink Palace. A parte lo stupore per i bizzarri vicini di casa, la piccola è incuriosita da una misteriosa porta nascosta che conduce in un'altra dimensione, una dimensione in cui alter ego dei suoi genitori hanno attenzioni solo per lei, a differenza dei reali e occupatissimi papà e mamma. Non c'è nulla da perdere nel farsi coccolare da questi genitori perfetti... o forse sì? Il libro di Neil Gaiman, perfettamente adattato e realizzato dal regista di Nightmare Before Christmas, è il visionario racconto di una presa di coscienza. Attiva Amazon Prime Video



Domenico Misciagna
  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Lascia un Commento
Lascia un Commento