News Streaming

Carlo Verdone, Fedez, Francesco Totti, Tiziano Ferro e Carlo Cracco nelle novità 2020 di Amazon Prime Video

36

Presentate a Roma oggi dalla dirigenzale prime produzioni italiane del colosso americano, che vedremo in streaming nel corso del 2020

Carlo Verdone, Fedez, Francesco Totti, Tiziano Ferro e Carlo Cracco nelle novità 2020 di Amazon Prime Video

La prima serie comedy a marchio Amazon Prime Video in Europa, con protagonista Carlo Verdone e intitolata Vita da Carlo. La prima serie tutta italiana del brand, Bang Bang Baby, che mescola teen e crime. Un docu-movie su e con Tiziano Ferro. Dinner Club, un nuovo programma di food, ma anche di viaggio, e un po’ da ridere, con “il Papa della cucina italiana” Carlo Cracco e tante celebrità (tra cui Luciana Littizzetto e Sabrina Ferilli). Un reality innovativo che esalta strategia e ragionamento come Celebrity Hunter - Caccia all’uomo, che come suggerisce il titolo vedrà VIP come Francesco Totti, Claudio Santamaria e Francesca Barra, e Fedez, impegnati in una fuga per tutta Italia da un gruppo di ex agenti segreti e ex poliziotti che li devono stanare.
Sono questi i contenuti originali appositamente studiati per l’Italia che vedremo su Amazon Prime Video nel corso del 2020, e che sono stati presentati oggi a Roma dallo staff dirigenziale di Amazon Studios e Amazon Prime Video al completo: Nicole Morganti (head of unscripted Originals Italia), Georgia Brown (directore of european Amazon Originals), James Farrell (head of internationl Original Series Amazon Studios) e Jennifer Salke (head of Amazon Studios). Oltre che, ovviamente, da molti dei protagonisti e degli autori di questi nuovi contenuti.

Vita da Carlo

Il più applaudito tra i presenti, manco a dirlo, è stato Carlo Verdone, che con Vita da Carlo darà vita alla sua prima serie televisiva, che scriverà assieme al duo Guaglianone - Menotti (responsabili di Benedetta follia) e con il suo storico sceneggiatore Pasquale Plastino. “Bisogna guardare al futuro,” ha detto Verdone tra un aneddoto esilarante di vita vissuta e un’altro, "e anche io mi affaccio con molto piacere su questo nuove percorso, per raccontare senza freni quello che è realmente il mio privato. Me ne capitano di continuo di tutti i colori,” spiega Verdone, “è una cosa straordinaria. Ogni anno raccolgo in taccuini che diventano alti come volumi della Treccani le cose che mi succedono, gli episodi importanti, divertenti, intriganti. Nella serie voglio raccontare tutti questi momenti intimi e divertenti per far capire meglio chi sono, e il mio fondamentale rapporto con gli altri. Cercando, ovviamente, di far sì che siano traducibili anche fuori dall’Italia, altrimenti,” dice rivolto a Georgia Brown, “il nostro rapporto di lavoro non avrebbe senso.”

Bang Bang Baby

A presentare con Brown Bang Bang Baby ci sono invece il creatore Andrea Di Stefano e il produttore Lorenzo Mieli di The Apartment - Wildside.
“Ci sono voluti quattro anni e mezzo per svilupparla,” racconta Mieli. “Sviluppare una serie è complicato in sé, ma questa - che mescola il teen con il crime, che racconta la malavita organizzata dal punto di vista di una ragazzina adolescente, in modo pop e divertente ma mai grottesco - lo è stato in maniera particolare.”
Mieli definisce Bang Bang Baby “un coming of age in un mondo criminale dominato da donne”, e spiega che l’ispirazione è nata dalla vera storia di un ragazzina che, nella MIlano degli anni Ottanta, ha scoperto di esere la figlia di un grande boss della ‘ndrangheta del capoluogo lombardo, e che per avvicinarsi a questo padre ha intrapreso una carriera criminale. Su quella base, spiega il produttore, “abbiamo messo in mezzo la finzione per guardare a un racconto pop e internazionale, che per temi, toni e stili è uno dei progetti più ambiziosi della mia carriera.”
“Come me, la protagonista di questa storia è un’adolescente cresciuta negli anni Ottanta, con un bagaglio culturale di immagini e immaginario proveniente dall’America attraverso le sue serie di quegli anni,” spiega Andrea Di Stefano. “Questa ragazza di quindici anni, che si chiama Alice, entra nel mondo criminale, in realtà nuova, pericolosa e impressionante, e  la legge e la assorbe attraverso quella cultura fatta di telefilm americani. E poi c’è il contrasto la la Milano da bere colorata e onirica e le immagini del mondo criminale calabrese.”
Per la serie, spiega Di Stefano, “ci siamo circondati da creativi di enorme talento, e come protagonista - che volevo fosse realmente adolescente - abbiamo incontrato una ragazza straordinaria di nome Arianna Becheroni. Ma sono contento di tutto il cast: un esempio della libertà di cui abbiamo goduto e l’aver scritturato una ragazza di nome Giorgia Arena, che nessuno in precedenza aveva mai nemmeno voluto provinare, e che invece è una nuova Giulietta Masina.”
Il roster dei registi di Bang Bang Baby è ancora in fase di definizione, ma un nome confermato già c’è: Michele Alhaique.

Ferro

S’intitolerà semplicemente Ferro, il documovie su Tiziano Ferro, che “racconterà un pezzo della mia storia di cui non ho mai parlato né attraverso la musica né nelle interviste”, dice in un videomessaggio il cantante.
“Un film che nasce dall’urgenza di Tiziano di comunicare una parte molto intima di sé,” spiega Francesco Lauber, chief creative officer Banijay Italia, che ha prodotto con Amazon. “In Tiziano, che è un personaggio complesso, dall’incredibile intelligenza emotiva, la differenza tra l’uomo e l’artista è netta, divisa in due continenti. In Italia e in Europa non può nemmeno andare a prendere un caffé, mentre la sua vita losangelina con suo marito, i suoi suoceri e i suoi amici è molto normale e tranquilla.”
E questa vita la scopriremo in streaming a giugno.

Dinner Club

“Un programma di food unito alla comedy,” dice Nicole Morganti di Dinner Club. “Il cibo è vita, innovazione, tradizione, convivialità. Per noi in Italia è anche una religione, e quindi per condurlo abbiamo scelto il Papa degli chef italiani, Carlo Cracco.”
Morganti e Fabrizio Ievolella, ceo di Banijay Italia, hanno spiegato che in ogni puntata Cracco partirà assieme a una delle celebrity che parteciperanno (tra cui ci saranno Luciana Littizzetto e Sabrina Ferilli, unici nomi svelati oggi, e quattro attori mai visti prima in un programma tv) alla volta di un luogo diverso del mondo, alla scoperta dello street food, della cucina tradiziona e dell’alta cucina locali. E ogni puntata terminerà con una cena basata su quell’esperienza gastronomica preparata dal protagonista assieme a Cracco per gli altri concorrenti. “Racconteremo il mondo come un grande mercato,” commenta Cracco. “In questo programma non sono solo un cuoco, ma un esploratore, che poi è la mia prima vera passione: ho iniziato a lavorare nella cucina proprio perché mi piaceva viaggiare e conoscere territori e tradizioni nuove e diverse.”
Dinner Club arriverà su Amazon Prime Video nella seconda metà del 2020.

Celebrity Hunted - Caccia all’uomo

Per Nicole Morganti Celebrity Hunted - Caccia all'uomo è “un modo di fare reality in Italia nuovo e innovativo, dove a contare sono ragionamento e strategia e come talent sono coinvolti personaggi come Francesco Totti, Claudio Santamaria e Fedez, che non avete mai visto così simpatico e che è anche diventato il Social Brand Ambassador di Amazon Prime Video.”
“Un format che cambia il modo di raccontare storie e di produrle, e che ci ha fatto sentire dei pionieri,” aggiunge Dante Sollazzo, head of unscripted Endemolshine Italia. “È difficile da definire, e questa è la sua forza: mescola il reality, la comedy, l’adventure, il game e l’esperimento sociale: è una serie davvero senza precedenti in Italia e nel mondo."
Sarà dal 13 marzo che potremo vedere, in streaming, le celebrità protagoniste di Celebrity Hunted cercare di sfuggire a una serie di ex agenti segreti e di membri di forze dell’ordine che danno loro la caccia attraverso tutta la penisola. “Per mettere assieme il cast ci siamo rivolti a talent che sapevamo avrebbero sposato da subito il progetto,” dice Morganti. “La prima domanda che gli abbiamo rivolto quando li abbiamo incontrati è stata se a loro piaceva giocare a nascondino da piccoli, perché questo è come un nascondino per tutta Italia, girato e montato come una serie.”

Amazon Prime Video: la passione per i progetti prima di tutto

Questi, hanno spiegato i dirigenti di Amazon Prime Video e Amazon Studios, sono i contenuti originali appositamente nati dalla collaborazione con talenti italiani, capaci di “avere grande risonanza nel nostro paese ma anche di poter viaggiare e interessare il pubblico colto, esigente e affamato di novità che la piattaforma ha in tutto il mondo.”
L’obiettivo di Amazon Prime Video è quello di creare show di grande qualità e capaci di generare dipendenza, diversi fra loro ma uniti da un unico denominatore comune: il nascere da una forte passione per il progetto.
“Grazie alle sinergie di Amazon, siamo liberi di inseguire la qualità,” dice James Farrell.
“Non abbiamo obblighi di alcun tipo sulla quantità e sulla tipologia nelle nostre produzioni,” spiega Jennifer Salke. “Tutto quello che facciamo è figlio della passione che sentiamo per un progetto, e della voglia di deliziare i nostri utenti, e attirare nuove sottoscrizioni e nuovo pubblico con l’aiuto di talent locali e la creazione di contenuti unici.”

Scopri Amazon Prime Video


  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming