Schede di riferimento
Speciali Serie TV

Watchmen: Tutto quello che c'è da sapere prima di cominciare

55

Arriva in tv la serie di Damon Lindelof basata sul famoso fumetto. Una guida per i principianti (e non solo).

Watchmen: Tutto quello che c'è da sapere prima di cominciare

Watchmen, la graphic novel creata dallo scrittore Alan Moore e dall'artista Dave Gibbons negli ormai lontani anni '80, è una delle opere più importanti e profonde che l'industria del fumetto abbia mai prodotto. Quasi una Bibbia per gli appassionati. Quei pochi che vi si sono avvicinati in passato, con l'intenzione di renderla altro, lo hanno fatto sempre con estrema cautela e forse con un po' di timore, tanto per l'atteggiamento quasi sempre infastidito di Moore quanto per l'attaccamento morboso dei fan. Ora quel mondo riconoscibile ma complesso sta per fare il suo debutto in tv, con una serie di Damon Lindelof (The Leftover, Lost) che in Italia potremo seguire su Sky Atlantic e in streaming su NOW TV, da questa sera con la versione originale sottotitolata e da lunedì 28 ottobre con la versione doppiata in italiano alle ore 21:15. Quanto segue vi aiuterà ad avvicinarvi nel modo giusto a quella che è una delle novità più interessanti e già acclamate della stagione, con le giuste informazioni e, soprattutto, senza timore alcuno di fronte - come dicevamo - alla maestosità del materiale originale.

L'opera originale

Watchmen è un fumetto di 12 numeri pubblicato dalla statunitense DC Comics tra il 1986 e il 1987, scritto da Alan Moore, disegnato da Dave Gibbons e colorato da John Higgins, tutti e tre britannici. Creata per riflettere le ansie dell'epoca e per decostruire e satirizzare la figura del supereroe, l'opera ha ricevuto il plauso della critica ed è stata inserita da Time nella lista dei 100 migliori romanzi di tutti i tempi. Sue sono simbologie ormai iconiche come lo smile sporco di sangue e il quadrante dell'orologio con le lancette prossime alla mezzanotte.

Il succo della storia

La storia è ambientata in una realtà alternativa molto simile alla nostra in cui i supereroi, dei giustizieri in maschera, sono stati dichiarati fuorilegge in seguito al degenerato malcontento popolare. Alcuni di loro si sono ritirati. Altri hanno accettato di collaborare con il governo. Altri ancora hanno continuato a operare al di fuori della legge. Con gli Stati Uniti sull'orlo di una guerra nucleare contro l'Unione Sovietica, il ritrovamento del cadavere di un ex vigilante mobilita uno di questi ultimi, uno dei pochi rimasti in circolazione, il quale ipotizza l'esistenza di un complotto mirato a eliminarli tutti.

Watchmen

Il precedente adattamento e la serie tv di HBO

Il fumetto è stato già adattato al cinema, nel film omonimo del 2009 diretto da Zack Snyder, con Matthew Goode (The Good Wife), Patrick Wilson (Fargo), Malin Åkerman (Billions), Jeffrey Dean Morgan (The Walking Dead), Carla Gugino (Hill House) e Billy Crudup (The Morning Show) tra i protagonisti. Benché non abbia ricevuto la migliore delle accoglienze, soprattutto dai fedelissimi di Watchmen, la pellicola ricostruisce in modo piuttosto fedele la storia originale ed è un buon punto di partenza per avvicinarsi alla serie di HBO. Ovviamente leggere il fumetto sarebbe l'opzione migliore, ma possiamo capire chi troverà l'edizione pubblicata in Italia da RW Lion e la nuova in uscita particolarmente dispendiose. Il nuovo adattamento, questa volta televisivo, va invece in tutt'altra direzione. Non stiamo parlando infatti un remake. E sebbene non possa essere definita neppure un sequel, questa volta ci troviamo di fronte a una storia completamente nuova, ambientata nello stesso universo creato dal fumetto. Ritroviamo quindi alcuni dei suoi personaggi, con qualche anno in più essendo ambientata nel presente, mentre molti altri saranno nuovi.

Come si era concluso il fumetto

Quanto detto finora basta per capire che quanto invece state per leggere ora non è uno spoiler da evitare come la peste. Le indagini del vigilante di cui parlavamo hanno rivelato infine che quell'omicidio, così come alcuni alti, facevano parte di un folle piano ben orchestrato da Adrian Veidt, l'uomo più intelligente (e ricco) del mondo anche conosciuto come il supereroe Ozymandias, necessario per prevenire il disastro nucleare. Veidt ha creato un gigantesco mostro tentacolare per distruggere New York City, facendola sembrare un'invasione alinea. Come lui si aspettava, questo ha convinto i potenti del mondo, i protagonisti della Guerra Fredda in primis, a desistere dalle iniziali intenzioni e lavorare insieme contro un nemico evidentemente comune. Sebbene il costo di vite sia stato altissimo, questo ha evitato un ben più grave nuovo conflitto mondiale, ristabilmendo la pace.

Watchmen

I personaggi del fumetto

Edward Blake/Comico: il vigilante assassinato nel suo appartamento all'inizio della storia, un tipo spregevole e nichilista che lavorò per il governo durante la Guerra del Vietnam. In quello stesso periodo fu ferito gravemente al volto, da una donna incinta della quale aveva dimostrato di non avere alcuna considerazione.
Adrian Veidt/Ozymandias: l'essere perfetto, nato per fare il supereroe, anche se sarebbe più corretto dire che ha lavorato duramente per esserlo - incredibilmente intelligente, fisicamente perfetto, uno straordinario uomo d'affari e finanche bellissimo.
Dottor Manhattan: un tempo il fisico nucleare Jon Osterman, si è trasformato in qualcos'altro dopo un incidente relativo ai campi intrinseci che inizialmente sembrava averlo ucciso. Un essere nudo dalla pelle blu, è l'unico eroe con reali superpoteri. La sua capacità di vedere il mondo al di fuori del tempo lo ha portato a un distacco sempre maggiore dall'umanità, rendendolo quasi una figura divina. Vista la sua immensa potenza, per molto tempo è stato il principale deterrente degli Stati Uniti contro l’URSS.
Walter Joseph Kovacs/Rorschach: un vigilante il cui nome rispecchia la sua maschera sempre mutevole. Cinico, sporco, segnato da un passato terribile e anche per questo inflessibile di fronte al male, è lui a sospettare di un complotto contro gli eroi mascherati. Scoperta la verità di Veidt, si rifiuta di tenerla nascosta, venendo per questo ucciso dal Dottor Manhattan.
Laurie Juspeczyk/Silk Spectre: figlia dell'omonima supereroina e l’ex fidanzata del Dottor Manhattan, Laurie è stata spinta in queste vesti dalla madre, che le ha sempre tenuto nascosta la vera identità del padre, il Comico. Instaura una nuova relazione con Dan Dreiberg e nel finale gioca un ruolo fondamentale nel far capire al Dottor Manhattan il valore della vita umana.
Dan Dreiberg/Nite Owl: una sorta di Batman con un proprio quartier generale segreto pieno di diavolerie tecnologiche (inclusa una macchina voltante simile a un gufo) che non usa più dopo essersi ritirato, anche lui porta lo stesso nome di un precedente eroe e lavora con Rorschach nel tentativo di scoprire il responsabile dietro gli ultimi avvenimenti.

Watchmen

Chi di loro appare nella serie

Il Watchmen di Lindelof segue di oltre tre decenni le storie del fumetto, quindi è lecito aspettarsi che una parte di quei personaggi sopravvissuti alle vicende narrate da Moore esista nella serie. Sappiamo già che Adrian Veidt è coinvolto, interpretato da Jeremy Irons, mentre Jean Smart veste i panni di Laurie Blake, ovvero Laurie Juspeczyk, ora un'agente dell'FBI. In una delle clip diffuse finora da HBO fa la sua comparsa, o almeno così sembrerebbe, anche il Dottor Manhattan. Sembra escluso invece il coinvolgimento di Rorschach, sebbene la sua maschera o qualcosa che la ricorda molto è ben presente nello show.

Di cosa parla la serie

Come già detto, siamo nel presente. L'azione si concentra attorno ad Angela Abar, un nuovo personaggio interpretato dalla vincitrice dell'Emmy Regina King (The Leftovers, American Crime), una detective della polizia di Tulsa, in Oklahoma. Per impedire ai criminali di conoscere le loro vere identità, rendendoli quindi più vulnerabili, Angela e i suoi colleghi indossano dei travestimenti. Il suo assomiglia a quello di una suora, ed è per questo che si fa chiamare Sister Night. La principale preoccupazione della polizia è la Settima Cavalleria, un gruppo suprematista bianco di seguaci di Rorschach, che decenni dopo alcuni terribili fatti di sangue ha preso l'iniziativa commettendo una serie di attacchi contro gli agenti e le loro famiglie. Sotto la guida dell'amico e capitano Judd Crawford (Don Johnson), Angela cerca di scoprire cosa stia succedendo in città, tentando al tempo stesso di fare chiarezza sul suo passato. Ovviamente, una ricerca della verità fatta anche di violenza, coercizione e negazione dei diritti dei cittadini.

Watchmen

Gli altri personaggi

In aggiunta agli attori già nominati, nella serie recitano Tim Blake Nelson (Fratello, dove sei?) nel ruolo di Wade, un collega di Angela la cui maschera è Looking Glass; Yahya Abdul-Mateen II (The Handmaid's Tale) di Cal, il marito della protagonista; Tom Mison (Sleepy Hollow) di Mr. Phillips, l'inserviente di Adrian Veidt; Louis Gossett Jr. (Ufficiale e gentiluomo) del misterioso Will Reeves, qualcuno che sembra avere un legame con Angela; Sara Vickers (Il giovane ispettore Morse) di Ms. Crookshanks, un altro personaggio vicino a Veidt; Andrew Howard (Bates Motel) di Red Scare, un trapiantato russo che preferisce la violenza alla diplomazia; Frances Fisher (Titanic) di Jane Crawford, la moglie di Judd; e James Wolk (Zoo) del senatore Joe Keane, un politico ambizioso il cui ruolo si dice sarà significativo.

Come la pensa Damon Lindelof

Il lavoro di Lindelof non ha ricevuto il benestare di Moore, che tenendo fede alla sua nota linea di principio ha usato parole forti contro la serie. Lindelof non è stato da meno, ma non ha mancato di manifestare enorme rispetto verso l'opera originale e il lavoro di chi l'ha creata, di cui si è sempre definito un grande estimatore. "Alan Moore è un genio", ha detto lo sceneggiatore e produttore esecutivo. "Ha chiarito senza sottintesi che non vuole avere alcuna associazione o affiliazione con Watchmen", e per questo la serie non lo accredita nei titoli. "Se in passato avessero detto a Moore che non poteva fare qualcosa, lui avrebbe risposto 'F*****i, lo farò comunque'. Quindi, incanalerò lo spirito di Alan Moore per dire ad Alan Moore 'F*****i, lo faccio comunque'". E ha aggiunto: "Adoro tutto dell'originale, punto e basta. Ma penso che l'errore più grande che avremmo potuto commettere era letteralmente emularlo, in tutto, capitoli e versi".



  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming