Schede di riferimento
Speciali Serie TV

The Dropout: Naveen Andrews e la showrunner Elizabeth Meriwether ci raccontano la miniserie in arrivo su Disney+

21

Abbiamo fatto una chiacchierata via Zoom con la creatrice e uno dei protagonisti di The Dropout, la serie che racconta una delle più grandi truffe della Silicon Valley e che arriverà in streaming il 20 aprile: ecco cosa hanno raccontato.

The Dropout: Naveen Andrews e la showrunner Elizabeth Meriwether ci raccontano la miniserie in arrivo su Disney+

Ultimamente la tv americana ha sviluppato quasi un'ossessione per le storie vere di truffatori, imprenditori eccentrici e fin troppo visionari e scalate verso il successo che si sono trasformate in rovinose cadute. L'ultima serie tv ad essersi occupata di una storia simile è stata The Dropout, miniserie in arrivo in Italia su Disney+ il 20 aprile, con tutti gli 8 episodi subito disponibili. Basandosi sull'omonimo podcast, The Dropout racconta la vicenda, ormai nota in tutto il mondo, di Elizabeth Holmes, l'imprenditrice che a soli 19 anni, nel 2003, fondò la Theranos, una società che prometteva di sviluppare avanzatissime tecnologie per analisi del sangue veloci e poco invasive. Le promesse, però, non furono mantenute e nel 2018 l'azienda - valutata circa 10 miliardi di dollari - così come la sua fondatrice colarono a picco.

Questa storia, nota come una delle più grandi truffe della Silicon Valley nonché la prima che coinvolge una donna CEO, è stata adattata per la tv da Elizabeth Meriwether, sceneggiatrice e produttrice di grande esperienza famosa soprattutto per essere stata la showrunner della comedy di successo New Girl. L'abbiamo raggiunta via Zoom per una chiacchierata insieme anche a uno dei protagonisti di The Dropout, Naveen Andrews. Andrews, attore che ricorderete soprattutto per il ruolo di Sayid Jarrah in Lost ma anche per Sense8 di Netflix, in questa miniserie interpreta Ramesh 'Sunny' Balwani, ex direttore generale e operativo di Theranos, nonché fidanzato segreto di Elizabeth Holmes, interpretata da Amanda Seyfried.

The Dropout: Perché raccontare la storia di Elizabeth Holmes

La storia di Theranos e soprattutto quella dell'ascesa e la caduta Elizabeth Holmes hanno attirato l'attenzione di mezzo mondo: una giovane donna che a 19 anni lascia la prestigiosa università di Stanford (da qui il titolo della serie che fa riferimento sia a questo dettaglio che alle poche gocce di sangue che Holmes diceva servissero per le analisi processate dai suoi macchinari), fonda una sua società e convince alcuni dei più importanti investitori del settore delle tecnologie biomediche a investire milioni di dollari in un progetto rivelatosi un bluff, basato su un macchinario che non faceva quello che prometteva. Dice Elizabeth Meriwether:

"Ho sentito molto la responsabilità di adattare questa storia. In questo particolare caso avevo diverse fonti documentarie: un libro, un podcast. Quindi non mi sono sentita come se dovessi raccontare una storia mai raccontata. Ho solo cercato di andare più a fondo e drammatizzarla, pensarla su un livello umano. È vero, è una storia molto conosciuta, lei è una figura pubblica. Ho fatto del mio meglio".

The Dropout

Luci e ombre di un'imprenditrice che voleva essere Steve Jobs

Ma il punto è proprio questo: chi era davvero Elizabeth Holmes? Una giovane cresciuta con il mito di Steve Jobs fino a vestirsi come il fondatore di Apple, una sognatrice che diceva di voler cambiare il mondo e citava Yoda come fonte di ispirazione ("Fare o non fare. Non c'è provare", fa scrivere Elizabeth Holmes in bella vista nell'atrio della sede operativa di Theranos). O semplicemente una lucida truffatrice? "Ho pensato a questa serie quasi come una serie mistery, in cui il mistero era proprio capire chi diavolo fosse davvero questa donna. Ma credo che lo show non sia in grado di dare risposte, piuttosto fornisce nuove domande e più contesto affinché ognuno di noi si faccia un'idea al riguardo", secondo la creatrice. Ma Holmes è stata anche una delle prime CEO donna nonché la più giovane miliardaria non ereditiera della Silicon Valley, tanto da diventare lei stessa volto della sua società e finire sulle copertine di prestigiose riviste come Fortune e Forbes. È stata anche una "questione di genere?".

Elizabeth Meriwether spera che The Dropout aiuti a far capire la complessità della vicenda Theranos a vari livelli. Tiene a precisare che il fatto che la protagonista sia donna è solo uno degli aspetti che ha voluto raccontare:

"È un aspetto importante, ma non il cuore dello show. Per me era importante connettere la sua esperienza come donna alla sua trasformazione. Certo, una delle conseguenze più tristi dell'eredità di Elizabeth Holmes è che oggi alcune donne fondatrici di aziende faticano a trovare magari fondi e investimenti per colpa sua. Lei ha reso le cose più difficili. Comunque è anche vero che la Elizabeth del nostro show, non so se anche la vera Elizabeth, usa il fatto di essere donna anche come un'arma a doppio taglio, in un modo interessante".

The Dropout

Una storia "molto americana" che sa anche far sorridere

Gli elementi giusti per drammatizzare un'assurda storia vera c'erano tutti: i soldi, l'inganno, la peculiare storia d'amore tra Elizabeth Holmes e Sunny Balwani. Osserva la creatrice di The Dropout:

"Per certi aspetti è la classica storia dell'ascesa e della caduta di un eroe. Penso anche sia una storia molto americana, quella del classico sogno americano di diventare qualcuno dal niente, farsi strada da soli, diventare miliardari. Specialmente i CEO americani sono circondati da questa specie di mitologia per cui non sono semplicemente donne e uomini d'affari ma diventano quasi degli dei".

Abituata a confrontarsi con le comedy (oltre New Girl, Meriwether ha creato infatti anche le comedy di ABC Single Parents e Bless This Mess, entrambe disponibili ora sempre su Disney+), Elizabeth Meriwether ha saputo evidenziare anche gli aspetti più buffi, quasi inverosimili, della storia di Elizabeth Holmes, soprattutto nella prima metà di stagione. "Questa serie ha un tono molto interessante. Ha comunque una componente di assurdità, che però non si fonda sulle classiche battute, sulla comicità dei personaggi. È piuttosto humor. Penso che la stessa Silicon Valley sia un posto assurdo, per certi aspetti. Quindi sono riuscita a trovare dei lati divertenti", spiega.

The Dropout

Naveen Andrews interpreta un personaggio molto interessante e piuttosto misterioso: Ramesh 'Sunny' Balwani, ex direttore generale di Theranos, braccio destro di Elizabeth Holmes e suo fidanzato segreto. Nella serie lo conosciamo quando lui ed Elizabeth, più giovane di lui di ben 19 anni, si incontrano durante un viaggio all'estero e diventano inseparabili. È Sunny a salvare Theranos con un investimento importante quando l'azienda stentava a decollare. Sempre un passo indietro rispetto a lei, almeno all'apparenza, questo personaggio ambiguo ha svolto in realtà un ruolo fondamentale nello scandalo Theranos. Per Naveen Andrews:

"È un personaggio disperatamente legato a lei. Il punto cruciale di questa storia è: cosa sei disposto a fare per amore? Fin dove riesci a spingerti per chi ami? Riesco a relazionarmi con lui anche perché è nato all'estero, in Pakistan, e si è trasferito. Ma credo che alla fine sia un personaggio molto misterioso, credo che neppure lui ed Elizabeth sappiano alla fine perché hanno fatto determinate scelte. Per me è stato molto interessante interpretarlo".

Ma come si è preparato Andrews per riuscire a captare l'anima di una personalità così complessa? Dice il suo interprete:

"Non ho fatto particolari ricerche accademiche. Inoltre ho preferito sospendere ogni giudizio morale su di lui. Questo è quello che ho provato a fare. Certo è stato essenziale studiare da dove veniva, l'aspetto fisico e i movimenti (per esempio è un tipo che non si rilassa mai, sempre molto rigido) e quello l'ho fatto. Ma la sfida più difficile è stata entrare emozionalmente nel personaggio".

Al di là delle specificità del suo personaggio, l'attore crede che The Dropout debba farci porre una domanda ben precisa: è giusto che un'imprenditrice debba avere potere e influenza sulle nostre vite in questo modo? "Per me è una cosa abbastanza incomprensibile", conclude.

The Dropout

The Dropout e il processo Theranos: la serie è arrivata troppo presto?

I fatti di The Dropout finiscono nel 2018, perché la serie racconta la storia dell'azienda e la sua progressiva caduta dopo un'inchiesta del Wall Street Journal che nel 2015 iniziò a portare alla luce le moltissime bugie dei suoi dirigenti. Non si concentra quindi anche sul processo a Elizabeth Holmes e su tutta la trafila legale che è venuta dopo. Tuttavia abbiamo chiesto ad Elizabeth Meriwether se non pensa che The Dropout sia arrivata troppo presto, essendo i processi a Elizabeth Holmes e Sunny Balwani ancora in corso. Quello a Holmes, per esempio, è iniziato a settembre 2021 (proprio mentre le riprese di The Dropout erano in corso) ed è arrivato a una prima sentenza a dicembre: la fondatrice di Theranos è stata giudicata colpevole per quattro capi d'accusa di truffa e ora rischia fino a 20 anni di carcere. La creatrice ammette qualche difficoltà:

"Beh durante il processo sono emerse centinaia e centinaia di fogli di messaggi di testo che sono diventati una delle prove e sia io che i produttori del podcast stavamo andando fuori di testa. È successo che abbiamo modificato last minute una scena che avremmo dovuto girare il giorno successivo cercando di incorporare alcuni messaggi. Per esempio è venuto fuori che Elizabeth chiamava Sunny Balwani "tigre" o altri dettagli del genere e questa cosa l'abbiamo infatti inserita nella seconda metà della serie, non all'inizio proprio per questo".

Ciononostante, la showrunner crede che The Dropout arrivi al momento giusto, vista l'emergenza sanitaria attualmente in corso. "In questo momento in cui siamo più abituati per esempio a cose come farci i tamponi a casa da soli e in cui l'oggettività scientifica della scienza è sotto attacco, almeno in America, è molto rilevante. Penso che un'altra versione della storia potrebbe essere raccontata da una diversa prospettiva tipo tra cinque anni. Ma penso che questo tipo di storia oggi doveva essere raccontata così come lo abbiamo fatto noi", conclude.

The Dropout sarà disponibile con tutti gli 8 episodi in esclusiva su Disney+ dal 20 aprile. Qui sotto trovate il trailer ufficiale italiano.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo