Schede di riferimento
Speciali Serie TV

Ritorno al... Futurama

Sette anni dopo la cancellazione, i fan di Futurama alzano le braccia al cielo e gioiscono per il miracolo. La serie torna con dodici nuove avventure. Cos’era accaduto nel frattempo?

Ritorno al... Futurama

E’ confortante poter verificare che i miracoli accadono anche in tv. E’ trascorso poco più di un mese dagli Upfronts, e sappiamo molto bene quanto la tv a volte possa essere crudele con gli appassionati di telefilm. Il peggior incubo di ogni fan è dover rinunciare al proprio show preferito, ancor più doverlo fare prima del dovuto. Era il 2003 quando l’americana FOX decise di cancellare Futurama dopo la programmazione di circa settanta episodi. Cinque stagioni, mai un ciclo completo per una serie animata che si era imposta sulla scena internazionale non per le sue indubbie qualità, bensì perché ideata da Matt Groening, già celebre per aver tracciato per primo le curve di Homer Simpson. Sistemata nel classico slot domenicale riservato da FOX ai cartoon per adulti, questa visionaria interpretazione del futuro della Terra non conquistò un numero sufficientemente alto di telespettatori, ed è chiaro che le contorte aspettative della rete erano eguagliare il successo de I Simpson proprio per il legame che sin dal principio si era voluto imporre come suo unico punto di forza.

Sfortunatamente, anche quando si tratta di disegni, la fantascienza non funziona molto sui canali nazionali, motivo che portò alla prematura cancellazione dello show. Decisione assolutamente frettolosa, com’era avvenuto anche con I Griffin, la quale però riuscì a dimostrare che il potere non è nelle mani dei network e di chi li dirige, ma in quelle di chi li segue, in altre parole nelle mani del pubblico. Quando i cofanetti DVD delle stagioni prodotte andarono letteralmente a ruba, 20th Century Fox capì di aver sprecato un affare, errore che non aveva intenzione di procrastinare. Tre anni più tardi, infatti, grazie al coraggio della rete via cavo Comedy Central, Futurama tornò ufficialmente in produzione, dapprima con quattro lungometraggi che sarebbero stati distribuiti in DVD (una sorta di ringraziamento per chi con i propri soldi aveva permesso alla serie di proseguire), e oggi con una vera e propria stagione, composta di 12 nuovi episodi, in onda in tv.

Ambientata nel 31esimo secolo, Futurama racconta la storia di Fry, un banalissimo e ingenuo fattorino che, in seguito a uno scherzo telefonico, resta intrappolato in uno strano marchingegno il quale gli permette di sopravvivere ibernato per mille anni. Al suo risveglio, Fry si trova di fronte una New York completamente diversa da quella che conosceva. Più affascinante, per questo bastano le auto volanti, ma anche più triste, perché dopo mille anni lui ora è un uomo solo, senza la sua famiglia, la sua ragazza e i suoi amici. Mentre cerca di divincolarsi dalla legge, e dopo aver incontrato un cinico robot che sta cercando di suicidarsi, Fry scopre che un parente in realtà lo ha ancora: Hubert Farnsworth, il pro pro pro (mettete tutti i “pro” che volete) nipote, un flaccido scienziato proprietario di una compagnia di trasporti interplanetaria. Fry continua quindi a lavorare come fattorino - al fianco di Lela, una mutante con un solo occhio, e altri insani personaggi - ma questa volta ha l’opportunità di visitare i pianeti e conoscere le razze aliene più strane, non senza cacciarsi nei guai il più delle volte.

“Era troppo bella per finire” ha ammesso Billy West, voce originale di Fry e di molti altri personaggi della serie. Osservazione condivisa dal collega John Di Maggio (Bender), il quale si augura che non ci siano altre decisioni imbarazzanti: “La quantità di volte che la serie è tornata dal mondo dei morti è incredibile. Mi piacere essere uno zombie di Futurama”. Scherzi a parte, l’affare con Comedy Central non è sempre stato cosa facile da gestire, soprattutto la scorsa estate, quando un intoppo nelle trattative per i nuovi stipendi ha rischiato di compromettere la produzione dei nuovi episodi. Fortunatamente, così non è stato. I personaggi hanno mantenuto tutti le loro voci originali, dimostrazione del fatto che a Hollywood accadono le magie, come sottolineato da Katey Sagal (Lela) e dallo stesso Groening, che in oltre venti anni d’animazione non ha mai cambiato taglio di capelli, esattamente come i suoi personaggi.

Per la gioia di chi si è chiesto cos’è accaduto all’equipaggio della Planet Express in questi anni di latitanza dai teleschermi, il primo episodio di questa nuova era di Futurama, opportunamente intitolato Rebirth (Rinascita), propone un potente rewind che parte proprio da dove era terminata la quinta stagione. Il professor Hubert, infatti, spiega come i suoi valorosi uomini siano letteralmente andati in frantumi nell’ennesima battaglia spaziale. Tuttavia, grazie alla conservazione delle loro teste, alcuni brandelli dei loro scheletri e una vasca di cellule staminali, Farnsworth è riuscito a rigenerare tutti i personaggi eccetto uno: il capitano, Lela. Per riportarla in vita, i suoi amici ora devono recuperare l’ultima parte del suo corpo, un viaggio ricco di romanticismo e colpi di scena, com’era sempre stato prima della cancellazione, allusioni sessuali incluse.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo