Schede di riferimento
Speciali Serie TV

Peaky Blinders: Tutto sulla colonna sonora della Serie TV

68

Dalle musiche originali alle canzoni sincronizzate: tutto, ma proprio tutto sulla soundtrack della serie di Steven Knight.

Peaky Blinders: Tutto sulla colonna sonora della Serie TV

La voce scura di Nick Cave nella sigla, la musicalità del dialetto british dei protagonisti e la scelta di accostare canzoni recenti ad epoche lontane. Questi sono solo tre dei motivi per cui la colonna sonora di Peaky Blinders è una delle più apprezzate nel panorama delle serie tv. E dato che la musica ha un ruolo importantissimo nel drama di Steven Knight, oggi abbiamo pensato di farvi fare un viaggio tra i brani, gli album, gli artisti e i professionisti che hanno reso ancora più affascinante la storia di Tommy Shelby e della sua famiglia.

Di chi è la sigla e cosa dice

 “Take a little walk to the edge of town...”: tutti i fan della serie provano un brivido di piacere ogni volta che sentono queste parole. Per chi non lo sapesse, la sigla si intitola “Red Right Hand” e non è stata scritta appositamente per la serie. È traccia dell’album “Let Love In” di Nick Cave & The Bad Seeds, uscito nel 1994, più di 25 anni fa. “Ha delle origini piuttosto umili”, ha spiegato il co-fondatore e co-compositore del brano Mick Harvey in un’intervista con il NY Post: “L’abbiamo scritta quasi tutta durante una jam, insieme ad altre canzoni di Let Love In. Inizialmente a Nick non entusiasmava molto il groove ripetitivo che avevamo creato, ma lo abbiamo convinto a dargli una possibilità, e così ci ha scritto il suo testo, che racconta di una figura manipolativa, oscura e seducente, che opprime, spaventa e meraviglia chi la circonda, dovunque vada, essendo per metà demone e per metà divinità”.

Chi l’ha scelta come tema di Peaky Blinders 

La canzone è stata scelta da Otto Bathurst, il regista dei primi episodi della serie, che ha convinto Steven Knight a non utilizzata soltanto per il primo episodio, come ha spiegato quest’ultimo in un’intervista con il Post. “Ho deciso di lasciarla come sigla perché il testo rievoca l’atmosfera industriale della serie e poi perché quel “tall handsome man” potrebbe essere Tommy Shelby. Nel corso delle stagioni, ci siamo divertiti a immaginare chi potesse essere la figura di “Red Right Hand”. Quelle parole hanno anche sottolineato la scena di due comunisti che si stringevano la mano".

Il collegamento con il poema epico di John Milton

Il titolo è in realtà un verso del poema epico di John Milton “Paradiso Perduto” (Paradise Lost) che, partendo dalla tentazione di Adamo ed Eva, traccia il cammino che ha portato l’essere umano alla caduta e alla scoperta del libero arbitrio. Nick Cave non ha mai rivelato chi sia, effettivamente, la figura protagonista del suo testo. “Io ancora adesso lo ritengo un mistero”, ha aggiunto Harvey, che ha lasciato il gruppo nel 2009: “e non voglio sapere i dettagli, non li ho mai chiesti a Nick. Penso che a volte sia rimanere ignoranti. Così la canzone adesso ha vita propria”.

Gli altri film e le serie tv in cui è stata usata

Prima di diventare la sigla di Peaky Blinders, “Red Right Hand” è stata inserita in un episodio di X-Files del 1996, nei primi tre film, ma anche, inspiegabilmente, in Scream in Scemo e più scemo, il film con Jim Carrey e Jeff Daniels del 1994. “Ecco, quella sincronizzazione penso sia stato un incidente”, ha commentato Harvey. “Penso l’abbiano inserita come traccia riempitiva e se la siano dimenticata lì: hanno chiamato il nostro editore la settimana in cui veniva distribuito il film”. 

Di chi sono le musiche originali della serie

Ad ogni stagione di Peaky Blinders è legato un diverso compositore, a cui è stato affidato il compito di sottolineare l’evoluzione dei protagonisti. L’original score del primo ciclo di episodi è stata affidata a Martin Phipps, autore delle musiche di un’altra celebre serie come Black Mirror. Per la seconda stagione, è stato invece scelto Paul Hartnoll, che nella sua lunga carriera ha composto i brani originali di diversi film d’azione, tra cui The Beach e xXx, mentre della terza se ne è occupato Dickon Hinchliffe (Ben Is Back).

Come Antony Genn è arrivato a scrivere la colonna sonora di Peaky Blinders 4

Per la quarta e la quinta stagione sono stati scelti due musicisti dalle sonorità decisamente diverse rispetto ai loro predecessori. Il primo è l’ex membro dei Pulp Antony Genn, che è stato coinvolto nella serie da Cillian Murphy: “Cillian è un mio vecchio amico. Un giorno ha chiesto a me e al mio socio Martin Slattery se ci sarebbe piaciuto supervisionare la parte musicale della serie”, ha spiegato a Variety “Io gli ho risposto: ‘no, ma mi piacerebbe stravolgere completamente la musica e darle un suono nuovo’. Ero un fan di Peaky Blinders, e mi infastidivano tantissimo i tagli fatti male tra una traccia e l’altra: l’editing è una forma d’arte. Per cui gli ho detto che se ci avessero dato campo libero, e se lo staff si fosse aperto al coinvolgimento di altri artisti, me ne sarei occupato molto volentieri. Non so come, alla fine sono riuscito a convincerli che fosse una buona idea”. 

Genn non sa leggere gli spartiti musicali

“Tutto questo nonostante io non sappia leggere la musica, è il mio socio che lo sa fare”, ha spiegato il musicista. “Ma alla fine la musica esiste nella testa e l’importante è che suoni bene, che faccia sentire bene, che abbia carattere e sia viscerale. I più famosi riff di chitarra sembrano scritti da un bambino di cinque anni, come Satisfaction dei Rolling Stone. C’è gente che pensa che si debba andare a scuola e imparare queste cose. E invece si imparano dalla prima volta che ascolti la musica! Ho iniziato a imparare dalla prima volta che ho ascoltato John Barry (il compositore della colonna sonora di James Bond), di cui ho un tatuaggio sul braccio.

Cillian Murphy e l’amore per la musica

“Cillian è un drogato di musica”, ha continuato Genn, “e fin dal primo momento in cui abbiamo iniziato a parlare della serie, abbiamo usato come parola guida “fuorilegge”. Il suo personaggio, Tommy Shelby, è un fuorilegge. Nick Cave, Iggy Pop, PJ Harvey e Jack White sono tutti fuorilegge. Ma non sempre i fuorilegge fanno musica che fracassa i timpani, e quindi abbiamo chiesto anche a Laura Marling, che per me è una fuorilegge e una donna cazzuta.

Come Anna Calvi è arrivata a scrivere la colonna sonora di Peaky Blinders 5

Anche Anna Calvi è una fuorilegge e una donna cazzuta, per cui lo staff ha pensato bene di affidare a lei le musiche per la quinta stagione della serie. “Lo senti subito quando una canzone è adatta per “Peaky””, ha spiegato Cillian Murphy ad NME. “Potremmo dire che gli artisti sono outsider che hanno resistito alla tirannia del mainstream. E nella quinta stagione sono diventati più duri, più punk. Dato che ci siamo concentrati sullo stato mentale di Tommy, abbiamo chiesto ad Anna Calvi di firmare la colonna sonora, dopo aver utilizzato diversi suoi brani “commerciali” nelle stagioni precedenti”.

“Il suo modo di suonare la chitarra è speciale, e la sua voce, il modo in cui usa il respiro, ci hanno permesso di entrare nella mente di Tommy”, ha spiegato Anthony Byrne. “Ha un istinto innato per la creazione di queste immagini e ha creato qualcosa di straordinario. Anna recita qualsiasi cosa Tommy stia immaginando, creando un linguaggio tutto nuovo. È un po’ come Angelo Badalamenti nei film di David Lynch. 

Anna Calvi e la sfida di dare un suono a Tommy Shelby

“La cosa interessante di Peaky Blinders è che non solo è brutale e violento”, ha spiegato la cantautrice, “esplora anche un amore profondo per la famiglia. C’è una certa vulnerabilità, che deriva dai danni della guerra e dal modo in cui questa danneggia le relazioni. La bellezza nella brutalità, è un tema che ho sempre cercato di analizzare nella mia musica. La sfida per me è stata dimostrarlo con una chitarra. Ho preso molta ispirazione dai film Western, perché penso che Peaky Blinders sia un western ambientato a Birmingham”. Quando le è stato spiegato che doveva “musicare” la mente di Tommy, la cantautrice ha provato a “dare alla sua coscienza una voce femminile. Pensavo che avrebbe reso tutto ancora più terrificante, e che gli avrebbe dato più profondità e un aspetto più intimidatorio rispetto ad una voce da bruto. Mi sono persa, scrivendo per Tommy come se fosse una persona vera. Per scrivere una colonna sonora per un film o una serie tv, lo devi guardare a lungo, per giorni. Io sono arrivata a sognare i Peaky Blinders: ne ero completamente ossessionata. Ed è così che dovrebbe essere”.

Chi è la music supervisor di Peaky Blinders

A fare da collante tra le scelte artistiche di Steven Knight, le visioni dei registi e produttori, i suggerimenti di Cillian Murphy e i diversi compositori della score, è la music supervisor Amelia Hartley. “Quando inizi a lavorare ad una serie, non hai idea di quanto successo avrà, se sarà rinnovata o cancellata”, ha spiegato in un’intervista con il sito Creativereview. “Con Peaky Blinders è stato diverso: più andavamo avanti, più la sua identità musicale si faceva definita. Per certi versi è più facile adesso, perché sai qual è la tua “palette”, mentre per altri è più difficile perché ce ne sono così tanti di artisti che possono rientrare in quella palette”. “Il modus operandi è che mi incontro con il regista prima delle riprese, parliamo di cosa vuole fare e poi scegliamo un compositore. Ci vuole all’incirca un anno per trovare la quadra, poi inizio a inviare brani al resto del team, solo per riflettere e quando ci stiamo avvicinando alla postproduzione, usiamo delle canzoni come temp (musica temporanea ndr), e quando abbiamo il prodotto quasi finito possiamo capire quali sono le scene chiave in cui inserire musica commerciale”. “La nostra idea portante è che la musica commerciale rappresenti quello che passa per la testa di Tommy”, ha proseguito. “In alcune serie, la musica viene utilizzata come guida editoriale, ma noi cerchiamo di evitare questo approccio. [...] Ci piace il suono della chitarra in primo piano, un po’ blues, tra Johnny Cash e Tom Waits. Credo sia perché lo scopo è far capire che nonostante Tommy risulti un uomo di successo, un gangster violento, ha una storia molto complicata alle spalle, e si porta dietro il trauma della guerra oltre ad un profondo conflitto interiore. Anche Polly (la zia di Tommy), ha subito diversi traumi, e a noi piace rimarcare queste cose utilizzando musica tetra, che rifletta la parte più oscura dei personaggi e il loro senso di disagio”. 

La scelta delle canzoni in base ai registi

“La musica in Peaky Blinders serve anche a sottolineare il diverso stile di ogni regista. Alcuni preferiscono riprese lunghe, altri più veloci, e questo condiziona la scelta delle canzoni e l’effetto del suono su un episodio. Poi cerchiamo di descrivere una scena anche dal punto di vista della musica. Per esempio, se in una ripresa i personaggi stanno entrando in una fabbrica con le fornaci in funzione, cerchiamo di metterci sotto un suono massiccio. [...] Non si può vivere senza score, perché riesce ad instaurare un legame unico con le emozioni dello spettatore, cosa che la musica commerciale difficilmente riesce a fare, perché non è stata creata specificamente per quel prodotto visivo. Ma quando sincronizzi bene una canzone, puoi creare un momento epico”.

Tutte le canzoni di Peaky Blinders, dalla Stagione 1 alla Stagione 5

Lo scorso 15 novembre, per la prima volta, la colonna sonora di Peaky Blinders è stata distribuita su supporto fisico, su doppio CD e triplo vinile. La tracklist del cofanetto include PJ Harvey, Radiohead, Arctic Monkeys, Queens of the Stone Age e David Bowie, solo per citarne alcuni. Ma le canzoni utilizzate nel corso delle varie stagioni sono molte di più, e noi ve le elenchiamo tutte qui sotto, invitandovi anche all’ascolto della playlist su Spotify.

Stagione 1

  • Nick Cave and the Bad Seeds – Red Right Hand
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Zanastra
  • Nick Cave and Warren Ellis – Martha’s Dream
  • Nick Cave and Warren Ellis – The Proposition
  • The White Stripes – I Think I Smell a Rat
  • The White Stripes – St James Infirmary Blues
  • Nick Cave and Warren Ellis – Queenie’s Suite
  • Nick Cave and Warren Ellis – Song for Jesse
  • The Raconteurs – Blue Veins
  • The White Stripes – Hardest Button to Button
  • The White Stripes – Black Math
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Brother, my Cup is Empty
  • The White Stripes – Little Room
  • The White Stripes – When I Hear My Name
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Abattoir Blues
  • The White Stripes – I Fought Piranhas
  • Tom Waits – Clap Hands
  • The Raconteurs – Broken Boy Soldier
  • The White Stripes – Ball and Biscuit
  • The White Stripes – Little Cream Soda
  • Nick Cave and the Bad Seeds – God is in the House
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Bring it On
  • Dan Auerbach – The Prowl
  • Jack White – Love is Blindness

Stagione 2

  • The Dead Weather – Rocking Horse
  • Johnny Cash – Danny Boy
  • PJ Harvey – Long Snake Moan
  • PJ Harvey – Before Departure
  • PJ Harvey – A Perfect Day Elise
  • PJ Harvey – Man-Size
  • PJ Harvey – Broken Harp
  • Deap Vally – Gonna Make my Own Money
  • The Kills – Pull A U
  • Dan Auerbach – I Want Some More
  • Arctic Monkeys – If You Were There, Beware
  • Royal Blood – Out of the Black
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Loverman
  • PJ Harvey – Naked Cousin
  • PJ Harvey – Is This Desire?
  • Laura Marling – What He Wrote
  • Arctic Monkeys – Dance Little Liar
  • Arctic Monkeys – Only Ones Who Know
  • Arctic Monkeys – One for the Road
  • Arctic Monkeys – Arabella
  • Arctic Monkeys – Do you Wanna Know?
  • PJ Harvey – Catherine
  • The Kills – Fried my Little Brains
  • Black Rebel Motorcycle Club – River Styx
  • Ane Brun – All My Tears 

Stagione 3

  • Nick Cave and the Bad Seeds – Breathless
  • Arctic Monkeys – Dangerous Animals
  • Radiohead – You and Whose Army
  • Last Shadow Puppets – Used to Be My Girl
  • The Kills – DNA
  • Arctic Monkeys – Crying Lightning
  • Radiohead – I Might Be Wrong
  • PJ Harvey – This Is Love 
  • Queens of the Stone Age – Burn the Witch
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Tupelo
  • Tom Waits – Soldier’s Things
  • Arctic Monkeys – Don’t Sit Down Cause I’ve Moved Your Chair
  • Pj Harvey – Meet Ze Monsta
  • Last Shadow Puppets – Bad Habits
  • David Bowie – Lazarus
  • Archie Bronson Outfit – Cherry Lips
  • Queen Kwong – Baby Did a Bad Bad Thing
  • Leonard Cohen – You Want it Darker (pre-release)
  • The Kills – Monkey 23
  • Radiohead – Life in a Glass House

Stagione 4 

  • Yak – Alas Salvation
  • Savages – Adore
  • Imelda May – The Longing
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Mercy Seat
  • Tommy and Mary – Lost
  • Johnny Cash – Further On Up The Road Ep3
  • Frank Carter and the Rattlesnakes – Devil Inside Me
  • Rachel Unthank and the Winterset – I Wish, I Wish
  • The Kills – Heart of a Dog
  • Foals – Snake Oil
  • Black Rebel Motorcycle Club – Beat the Devils Tattoo
  • Nick Cave and the Bad Seeds – Stagger Lee
  • Jarvis Cocker/Iggy Pop  – Red Right Hand
  • Laura Marling – Saved these Words
  • Laura Marling – Red Right Hand
  • Radiohead – Pyramid Song
  • Laura Marling – Hard Rains a Gonna Fall

Stagione 5 

  • Trailer music: Anna Calvi and David Byrne – Strange Weather
  • Black Strobe – I’m a Man
  • Black Sabbath – The Wizard
  • Cabbage – Uber Capitalist Death Trade
  • Anna Calvi – Rider to the Sea
  • Nadine Shah – Evil
  • Anna Calvi – Papi Pacify (original: FKA Twigs)
  • The Darts – Love U 2 Death
  • The Pearl Harts – Black Blood
  • Anna Calvi – Lady Grinning Soul [original: David Bowie]
  • Anna Calvi – Ain’t No Grave [original: Johnny Cash]
  • Hotel Lux – The Last Hangman
  • Mari Samuelsen & Konzerthausorchester / Max Richter – Dona Nobis Pacem 2 (the Swan Lake scene)
  • Radiohead – Climbing Up The Walls
  • Joy Division – Atmosphere
  • Black Sabbath – War Pigs
  • IDLES – Divide & Conquer
  • Anna Calvi – Wish
  • Bob Dylan – Ballad of a Thin Man
  • IDLES – Scum
  • IDLES – Never Fight A Man With A Perm


  • Giornalista pubblicista specializzata in comunicazione musicale e televisiva
  • Consulente musicale
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming