Speciali Serie TV

Il Trono di Spade compie 10 anni: Come e perché festeggiare l'anniversario di una saga che ha ancora molto da raccontare

59

Il 17 aprile 2011 andava in onda il primo episodio della serie fantasy di HBO che, tra record e polemiche, ha fatto la storia della tv: ecco come celebrare un appuntamento già ribattezzato The Iron Anniversary.

Il Trono di Spade compie 10 anni: Come e perché festeggiare l'anniversario di una saga che ha ancora molto da raccontare

L'inverno sta arrivando. Un Lannister paga sempre i suoi debiti. Ciò che è morto non muoia mai. Valar Morghulis e Valar Dohaeris. Se tutte queste citazioni vi suonano familiari è perché negli ultimi dieci anni siete stati parte di un fenomeno che si chiama Il Trono di Spade. Sì, perché questa serie, andata in onda per la prima volta negli Stati Uniti su HBO il 17 aprile 2011, ha coinvolto, mosso animi, fatto discutere, creato tendenze, appassionato anche chi di fantasy non ne voleva sapere. E ci riguarda tutti. Ricordate la vostra prima volta? Forse la serie ve l'ha consigliata quell'amico nerd con i gusti che sembravano troppo distanti dai vostri, o avete deciso di darle una possibilità per capire una volta per tutte perché poi questo dannato inverno stesse sempre per arrivare. Ebbene, sono passati già 10 anni e se stiamo ancora qui a parlarne ci sarà un perché. A distanza di un decennio, non si può negare che la serie creata da David Benioff e D.B. Weiss basandosi sulla saga fantasy de Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin abbia lasciato il segno. In occasione di questo speciale anniversario, già ribattezzato The Iron Anniversary, ripercorriamo la storia della serie cult, vi segnaliamo tutte le iniziative da seguire e vi spieghiamo perché Game of Thrones è un franchise ancora in espansione.

Il Trono di spade

Il Trono di Spade: Un successo pop che neppure un finale controverso può cancellare

Da quel 17 aprile 2011, l'ascesa de Il Trono di Spade come fenomeno culturale e televisivo globale è stata inarrestabile. Attesa, chiacchierata, "cosplayerata" in ogni dove e trasmessa simultaneamente in ben 173 Paesi del mondo, la serie fantasy tratta dai romanzi di George R.R. Martin ha raggiunto innumerevoli record, compreso quello di serie tv più piratata di sempre (triste primato poi ereditato, nel 2020, da The Mandalorian). Negli anni ha vinto ben 59 premi Emmy, tra cui quattro per la miglior serie televisiva drammatica, e il successo è culminato in un finale seguito da addirittura 45 milioni di spettatori solo negli Stati Uniti. E qui arriviamo alle note dolenti: il finale. L'ottava e ultima stagione della serie è stata fortemente divisiva e c'è anche chi ha promosso rivolte social e petizioni per un una conclusione alternativa. Ma, come tutti i finali più controversi della storia della tv (un abbraccio ai fan perduti di Lost e How I met your mother), anche quello de Il Trono di Spade non ha fatto altro che contribuire alla narrazione di un fenomeno di cui continueremo a parlare negli anni a venire.

Leggi anche Il Trono di Spade: Un nuovo trailer rilasciato da HBO fa sperare i fan in un remake à la Justice League

Come festeggiare The Iron Anniversary? Le iniziative, le maratone e molto altro

Negli Stati Uniti HBO Max, in occasione del decimo anniversario de Il Trono di Spade, ha proposto la sua "MaraThrone" e alcuni membri del cast incontreranno i fan per una buona causa: una raccolta fondi per alcuni enti di beneficenza come Women for Women International, World Central Kitchen, UNICEF e The Trevor Project. Ma anche in Italia ci difendiamo molto bene: dal 16 al 23 aprile su Sky il canale 111 si trasforma in un canale interamente dedicato alla saga. Vengono trasmessi tutti i 73 episodi delle 8 stagioni della serie, oltre a decine di contenuti speciali, interviste inedite e uno speciale in due parti condotto da Conan O’Brien. Girato a Belfast durante le riprese dell’ottava e ultima stagione, è uno show di 90 minuti con curiosità, racconti e retroscena legati alla serie. Tutti i contenuti, naturalmente, sono disponibili anche on demand su Sky e in streaming su NOW. Tra i prodotti esclusivi creati appositamente da Warner Bros. Consumer Products per l'anniversario, inoltre, ci sono un esemplare unico di Uovo Imperiale di Fabergé, il gioielliere più iconico al mondo, ispirato a Daenerys Targaryen (del valore di ben 2.22 milioni dollari!), una gamma di birre artigianali ispirate alla serie e un nuovo assortimento in edizione limitata di Funko Pop!.

Il Trono di spade

Il Trono di Spade 10 anni dopo: Come si espanderà il franchise, tra spin-off, libri e spettacoli

Che Il Trono di Spade fosse un franchise dalle enormi potenzialità HBO lo ha capito fin dal 2017 quando, mentre ancora si progettavano le ultime stagioni della serie madre, si pensava già a degli spin-off. Il primo, intitolato provvisoriamente The Long Night e con Naomi Watts tra i protagonisti, non ha convinto i vertici di HBO ed è stato prontamente accantonato. Al suo posto è stata ordinata direttamente la serie prequel House of the Dragon, basata sul libro di George R.R. Martin Fire & Blood. Unico spin-off attualmente ufficializzato, House of the Dragon è ambientato 300 anni prima dei fatti di GOT e ripercorrerà gli eventi che condussero alla fine del dominio di Casa Targaryen; le riprese inizieranno quest'anno, con un debutto previsto per il 2022 (per tutti i dettagli vi rimandiamo al nostro approfondimento con tutte le anticipazioni su House of the Dragon).

Il Trono di spade

Gli altri spin-off de Il Trono di Spade in sviluppo a HBO

Il capo dei contenuti di HBO Casey Bloys, incontrando i giornalisti, qualche tempo fa aveva fatto intendere che la rete avrebbe profuso sforzi per trovare nuove storie legate a Le Cronache del ghiaccio e del fuoco. E infatti negli ultimi mesi è trapelato che altri cinque progetti sarebbero attualmente in sviluppo. Tra questi ci sarebbero Tales of Dunk and Egg, uno spin-off incentrato sulle avventure di Ser Duncan l'Alto e di un giovane Aegon V della Casa Targaryen, rispettivamente Dunk ed Egg, avvenute circa novant'anni prima delle Cronache del giacchio e del fuoco; una serie animata per HBO Max; un'altra serie prequel intitolata 9 Voyages e incentrata su Lord Corlys Velaryon, noto anche come Serpente di Mare, un leggendario navigatore di Westeros; una serie ambientata a Fondo delle Pulci, il quartiere più povero di Approdo del Re, e, infine, un progetto intitolato provvisoriamente 10.000 Ships che si concentrerebbe sul viaggio compiuto con 10.000 navi dalla principessa Nymeria, un'antenata della casa Martell che conquistò e governò Dorne mille anni prima dei fatti narrati ne Il Trono di Spade.

Il Trono di spade

Quando esce The Winds of Winter, il sesto volume della saga?

I fan dei libri, ovviamente, attendono con impazienza soprattutto The Winds of Winter, il sesto volume della saga de Le cronache del ghiaccio e del fuoco su cui è basata Il Trono di Spade (soprattutto perché George R.R. Martin ha fatto riferimento a un finale alternativo che potrebbe quindi accontentare i delusi dalla serie tv). Il romanzo è in lavorazione dal lontano 2011 e sarebbe dovuto uscire in tempo per la stagione 6 di Game of Thrones ma è evidente che la scadenza non è stata rispettata. Lo scrittore, ultimamente, ha detto di essere a buon punto con la stesura del libro che, tuttavia, non sarà in grado di pubblicare entro il 2021. Impossibile immaginare, a questo punto, una data per il settimo e ultimo romanzo della saga, A Dream of Spring. Intanto, Il Trono di Spade sbarcherà anche a teatro: è in programma una rappresentazione teatrale supervisionata da George R.R. Martin in persona e incentrata su un particolare episodio menzionato nei romanzi ma mai visto nella serie tv di HBO: il grande torneo di Harrenhal.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo