Speciali Serie TV

Fan del Trono di Spade? Ecco 10 Serie TV che potrebbero piacerti allo stesso modo

179

Tra fantasy e dramma storici, vi diamo qualche suggerimento per i prossimi binge-watching selvaggi.

Fan del Trono di Spade? Ecco 10 Serie TV che potrebbero piacerti allo stesso modo

Tra critiche feroci e tanto entusiasmo, dopo otto lunghi anni il Trono di Spade è giunto al termine, lasciando centinaia di migliaia di spettatori senza un argomento aggregante e una storia su cui dare sfogo alla fantasia e inventare le teorie più bizzarre. Sicuramente molto presto torneremo a Westeros, ma prima che questo accada, cos’altro potrebbe prendere il posto di GoT? Ecco dieci serie che potrebbero piacervi allo stesso modo, tre delle quali di prossima uscita.

The White Queen

George R. R. Martin non ha mai fatto mistero di essersi ispirato a fatti realmente accaduti per scrivere le storie dei suoi personaggi più amati. Lo scrittore della saga da cui è stata tratta la celebre serie di David Benioff e D.B. Weiss è rimasto particolarmente affascinato dalla cosiddetta Guerra delle Due Rose, tanto da ricalcare cattivi ed eroi come Joffrey Baratheon e Robb Stark sui protagonisti delle vicende avvenute tra il 1455 e il 1485. Ecco, la serie britannica The White Queen, tratta dai romanzi La regina della Rosa BiancaLa regina della Rosa Rossa La futura regina appartenenti a La guerra dei cugini di Philippa Gregory, racconta la vita (romanzata) di tre donne che furono proprio al centro di quel conflitto: Elizabeth Woodville, Margaret Beaufort e Anne Neville. In tutto sono dieci episodi, e li potete trovare su Rai Play.

Peaky Blinders

Forse una delle serie più sottovalutate degli ultimi anni, Peaky Blinders è un’altra produzione inglese da non perdere, con una sceneggiatura, un cast e una fotografia eccezionali. Cambia l’ambientazione (Birmingham), il periodo storico (anni ’20 del Novecento) e la posta in gioco, ma c’è sempre una guerra per il potere al centro di questo drama, fatto di colpi bassi, personaggi ambivalenti e anti-eroi. Il protagonista è Tommy Shelby (Cillian Murphy), il boss di una famiglia di gangsters, i cui membri sono noti come “peaky blinders” perché nascondono delle lame di rasoi nelle visiere dei propri berretti. Contro di loro si scaglia un ispettore di polizia, tale Chester Campbell (Sam Neill), inviato da Winston Churchill (Andy Nyman) con il compito di ripulire la città da comunisti, membri dell'IRA, mafiosi e criminali comuni. Ma lui è solo uno dei tanti che vogliono la testa di Shelby e lui non sarà certo una preda facile. Per il momento, sono stati pubblicati 24 episodi, distribuiti in quattro stagioni, tutte disponibili su Netflix.

The Last Kingdom

Restiamo sul suolo inglese, proponendovi un’altra produzione basata su una saga letteraria, quella de Le Cronache dei Sassoni di Bernard Cornwell. The Last Kingdom è ambientata nel regno di Northumbria, nell’Inghilterra del IX secolo d.C, quando i vichinghi erano al potere. Il protagonista è Uhtred di Bebbangurg (che in parte è basato sulla figura di Uthred l’Ardito, realmente esistito tra il 1006 e il 1016), figlio di un aldermanno sassone che dopo essere stato rapito dai vichinghi, è cresciuto come fosse uno di loro. Ma quando il conte Ragnar, suo padre “adottivo”, viene ucciso misteriosamente, Uthred viene accusato dell’omicidio e si trova davanti ad un bivio: restare al fianco del popolo danese o aiutare il suo popolo natìo a riprendere potere. Anche qui, splendida regia e fotografia, ottima recitazione e una storia avvincente, soprattutto considerando che molti dei fatti narrati sono realmente accaduti. In tutto, sono 26 episodi suddivisi in tre stagioni, disponibili su Netflix.

I Tudor

Se vi siete invaghiti di Margaery Tyrell nel Trono di Spade, forse vi farà piacere rivedere l’attrice che le ha dato un volto, Natalie Dormer, in un altro ruolo, stavolta di maggior rilievo. Ne I Tudors, la serie ideata da Michael Hirst, l’attrice interpreta Anna Bolena, ovvero la donna per cui il re Enrico VIII d’Inghilterra, (qui interpretato da Jonathan Rhys Meyers) decise di dare origine allo Scisma anglicano. Tutti e quaranta gli episodi che compongono le quattro stagioni della serie sono disponibili su Prime Video.

Preacher

Se invece di un dramma storico preferite continuare sulla scia del fantasy, Preacher è sicuramente la serie tv che fa per voi. Tratta dall’omonimo fumetto di Garth Ennis e Steve Dillon, la serie creata da Seth Rogen ed Evan Goldberg ha come protagonista il troppe volte sottovalutato Dominic Cooper nei panni di Jesse Custer, un ragazzo dal passato tormentato, che dopo aver assistito all’omicidio del padre decide di ritornare nella sua città natale, Annville, nel Texas, per diventare il nuovo predicatore della chiesa di famiglia. Qui si ritrova con Tulip (Ruth Negga), la ex ragazza dei tempi in cui derubava banche, Cassidy (Joseph Gilgun), un vampiro irlandese con una dipendenza dalle droghe pesanti, ed Emily (Lucy Griffiths), una vecchia amica che spera in qualcosa di più. Mentre cerca di riunire attorno a sé un gruppo di fedeli, Jesse viene improvvisamente posseduto da una misteriosa entità: Genesis, una creatura soprannaturale nata dall’accoppiamento non autorizzato tra un angelo e un demone, quindi formata di pura malvagità e pura bontà. Provate a immaginare cosa potrebbe succedere con queste premesse, dopo di che, se pensate di riuscire a sostenere la visione di scene a volte più cruente delle peggiori trovate di Benioff e Weiss, andate a recuperare Preacher su Prime Video. Per il momento sono disponibili tre stagioni, da dieci episodi l’una, e la serie si concluderà presto con il quarto ciclo di episodi.

Vikings

Tornando alle serie di genere storico, se The Last Kingdom vi ha intrigato, potrebbe interessarvi anche Vikings, che in un certo senso ne rappresenta un prequel. Scritto da Michael Hirst (la stessa penna de I Tudor), questo drama canadese segue l’evoluzione di Ragnar Lothbrok da giovane contadino e cacciatore vichingo a esploratore e colonizzatore d’Inghilterra, non senza tradimenti, battaglie e momenti di passione. Sessantanove episodi, divisi in cinque stagioni e pronti per essere visti su Netflix

Boardwalk Empire

Sembrerà un po’ fuori contesto e inspiegabile la presenza di Boardwalk Empire in questa lista, ma si tratta di un’altra eccellente produzione di HBO, per cui se non l’avete ancora vista è bene recuperarla al più presto. Già solo il fatto che sia stata scritta da Terence Winter (uno degli sceneggiatori de I Soprano) e prodotta da Martin Scorsese (che ha anche diretto l’episodio pilota), dovrebbe bastare a convincervi: se così non fosse, metteteci anche un cast di pezzi da novanta (Steve Buscemi Michael Shannon, solo per dirne due) e una storia che combina fatti realmente accaduti e finzione, prendendo ispirazione dalla vita di Enoch L. Johnson, politico e criminale che negli anni ’20 divenne il re di Atlantic City creando un’organizzazione criminale per il contrabbando di alcolici, gioco d’azzardo e prostituzione. Tutte le stagioni sono disponibili su Sky On Demand.

His Dark Materials

Non è ancora uscita e già è stata rinnovata per una seconda stagione: His Dark Materials si prospetta il prossimo evento televisivo per gli amanti del fantasy. La co-produzione HBO/BBC, in arrivo nei prossimi mesi, è basata sulla trilogia di Philip Pullman Queste oscure materie. La protagonista è Lyra, una bambina di 11 anni allegra e brillante, che dopo essere cresciuta a Oxford, in Inghilterra, si è trasferita in un mondo parallelo, dove ad ogni essere umano viene affiancato un alter ego, un daimon sotto forma animale. Qui vive felicemente, finché un giorno non scopre l'esistenza di una misteriosa e minacciosa entità, nota come Polvere, e contemporaneamente in città iniziano a sparire dei bambini, che si vocifera vengano sottoposti a terribili esperimenti. Il cast stellare include James McAvoy (Split), Ruth Wilson(Luther) e Lin-Manuel Miranda(Il ritorno di Mary Poppins).

Il Signore degli Anelli

L’anno prossimo su Prime Video arriverà la serie de Il Signore degli Anelli, una sorta di prequel del primo film della saga cinematografica di Peter Jackson. Il drama sarà infatti ambientato durante la cosiddetta Seconda Era, un periodo di ben 3.441 anni, e sarà sviluppato tra gli altri da Bryan Cogman, uno dei creativi di riferimento del Trono di Spade. Le premesse sono molto buone, non trovate?

The Eyes of the Dragon

Concludiamo con un’altra potenziale serie di successo, nata dalla penna di Stephen King: si tratta dell’adattamento di Hulu dell’epopea fantasy Gli Occhi del Drago (1984), e a realizzarlo sarà Seth Grahame-Smith (Dark Shadows). La storia, ambientata in età medievale, è incentrata su un mago di nome Flagg, un astuto manipolatore che usa i suoi poteri per ottenere sempre ciò che vuole. Entrato nelle grazie del Re Roland, Flagg, che ambisce a sedere sul trono (sempre lì cadiamo), mette in atto un malvagio piano per eliminare i suoi due rivali: gli eredi legittimi, Peter e Thomas.



  • Giornalista pubblicista specializzata in comunicazione musicale e televisiva
  • Consulente musicale
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming