Schede di riferimento
Speciali Serie TV

Carnival Row: dieci incredibili curiosità sulla serie di Amazon Prime Video

42

Il fantasy noir è in streaming sulla piattaforma anche doppiato in italiano.

Carnival Row: dieci incredibili curiosità sulla serie di Amazon Prime Video

Carnival Row è una serie fantasy unica che combina il brivido di un mistery noir con l'estetica barocca dell'Inghilterra vittoriana. Arrivata in streaming su Amazon Prime Video lo scorso agosto, ha subito attirato l'attenzione di molti utenti. Finalmente lo scorso 22 novembre la piattaforma video del colosso di Jeff Bezos ha reso disponibili gli episodi della prima stagione anche doppiati in italiano. Ma sapete dove è stata girata la serie? E a chi si ispirano i personaggi di Carnival Row? Se volete approfondire la conoscenza del fantasy con Orlando Bloom e Cara Delevingne, ecco dieci incredibili curiosità che probabilmente non conoscete su Carnival Row.

Carnival Row non si basa su un romanzo

Carnival Row

A differenza di altre grandi saghe viste in TV e al cinema come Il Trono di Spade o Il Signore degli Anelli, Carnival Row non è tratto da libri. La storia è frutto della mente del creatore Travis Beacham. Lo showrunner aveva scritto il soggetto di Carnival Row quando ancora frequentava la scuola di sceneggiatura diciassette anni fa. Guardando a teatro Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, Beacham decise di scrivere un'opera che unisse il fantasy, il genere dello steampunk vittoriano e gli omicidi di Jack Lo Squartatore.

Dove è stata girata Carnival Row

Carnival Row

La prima stagione della serie è stata girata quasi interamente a Praga, in Repubblica Ceca. Il nome dell'immaginaria città in cui la serie è principalmente ambientata, Burgue, curiosamente ha qualche assonanza con quello della capitale ceca. Le riprese sono durate 180 giorni e gli attori hanno recitato a temperature bassissime, anche sotto lo zero. L'atmosfera gelida di Praga ha regalato alla storia una preziosa autenticità. Le riprese della seconda stagione, invece, si sono spostate in Croazia, a Dubrovnik e dintorni.

Il mondo di Carnival Row è diviso in due emisferi

Carnival Row

Nelle serie non è ben specificato ma una mappa diffusa dai creatori di Carnival Row mostra che il mondo immaginato nel fantasy è diviso in due emisferi: uno abitato da esseri umani, l'altro da creature mitologiche. Nel primo c'è il continente di Mesogia, nel secondo ci sono Tirtnanoc (dove risiedono la maggior parte delle fate) e Ignota (dove risiedono i fauni).

Il set è ispirato alle capitali europee di inizio Novecento

Carnival Row

Per creare il caos della città di Burgue, la produzione ha preso come riferimento Parigi e Londra così come si presentevano nei primi anni del secolo scorso. In quel periodo la crescita dell'industrializzazione e dei beni di consumo di massa resero necessarie le prime campagne pubblicitarie. Anche in Carnival Row si vedono manifesti pubblicitari di fittizi prodotti. Sono stati accuratamente dipinti a mano dagli scenografi della serie sulla falsa riga di quelli che tappezzavano i muri delle capitali europee agli inizi del Novecento.

Ogni abito identifica perfettamente ciascun personaggio

Carnival Row

I costumi dei personaggi sono lo specchio del loro carattere. La costumista di Carnival Row Joanna Eatwell ha spiegato che i diversi abiti accompagnano anche l'evoluzione di ciascun personaggio. Ad esempio i colori degli abiti di Piety Breakspear (Indira Varma) cambiano così come cambia il suo personaggio: all'inizio veste di giallo e verde, poi passa a colori più audaci e aggressivi come il rosso e il marrone, alla fine - quando la sua storia diventa più oscura - opta per tessuti glitterati cangianti tra il viola e il nero.

Cara Delevingne ha scelto il taglio di capelli del suo personaggio

Carnival Row

Cara Delevingne, che interpreta la fata Vignette, ha voluto essere coinvolta attivamente nella creazione del suo personaggio. L'attrice, che portava già i capelli corti prima che iniziassero le riprese, ha insistito con i produttori della serie affinchè potesse rimanere con il suo taglio "pixie". Delevingne ha chiesto anche che Vignette avesse tratti specificatamente irlandesi, visto che la mitologia celtica trae molto dal folklore irlandese.

Trae ispirazione dalla mitologia celtica

Carnival Row

Il suggestivo mondo di Carnival Row si basa sulla mitologia celtica, dalla quale eredita credenze e tradizioni. Il mondo delle creature fatate, ad esempio, si chiama Tirnanoc che deriva da "Tir na Nog", parola gaelica che esprime il concetto di paradiso. Gli irlandesi identificano con questa parola un mondo di eterna giovinezza e felicità.

Le fate di Carnival Row non sono magiche

Carnival Row

Al contrario di quanto si possa pensare, l'unica magia che appare nella serie è quella del personaggio di Haruspex, la strega capace di predire il futuro leggendolo nelle viscere. Le fate hanno le ali ma non sono magiche. Possono volare in virtù della loro conformazione fisica ma non usano una polvere magica o una pozione speciale. Tra le loro abilità più interessanti, invece, c'è quella di avere i sensi alterati. Le fate avvertono prima di tutti e in modo più profondo ciò che accade loro e attorno a loro. Questo le rende particolarmente empatiche e compassionevoli.

I nomi dei personaggi si ispirano a quelli dei protagonisti delle opere di Shakespeare e Dickens

Carnival Row

Il creatore della serie Travis Beacham ha spiegato di aver scelto i curiosi nomi dei personaggi traendo ispirazione da quelli dei protagonisti delle opere di Shakespeare e Dickens. In particolare i cognomi sono composti spesso da un aggettivo e un verbo che denotano la personalità di ciascun protagonista. Anche il suono di ciascun nome, secondo il creatore, dovrebbe essere evocativo. Ad esempio "Spunrose" ben si adatta all'aristocratica Imogen (Tamzin Merchant).

I costumi dei fauni sono stati i più complicati da realizzare

Carnival Row

Con le loro corna e gli zoccoli, i personaggi più riconoscibili in Carnival Row sono i fauni. I loro costumi, tuttavia, sono i più complicati da confezionare e sono difficili da indossare per gli attori. I costumisti hanno creato dei particolari copricapo dotati di magneti capaci di assicurare le corna alla testa. Gli attori che interpretano i fauni devono anche indossare dei particolari leggins che fanno sembrare le cosce piene e i polpacci più grandi del normale. Protesi di questo tipo impediscono agli attori di muoversi in modo normale costringendoli a camminare quasi sulle punte dei piedi.

Se queste dieci incredibili curiosità vi intrigano e volete appassionarvi a una delle serie più coinvolgenti dell'anno, trovate tutta la prima stagione di Carnival Row disponibile in streaming su Amazon Prime Video. Se invece avete già visto il primo ciclo di episodi e siete ansiosi di sapere tutto sul futuro della serie, leggete l'articolo dove vi diamo tutte le anticipazioni sulla seconda stagione di Carnival Row.

Scopri Amazon Prime Video


Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming