Schede di riferimento
News Serie TV

The Eddy: Il ritorno al Jazz di Damien Chazelle dopo La La Land alla Berlinale 2020

67

Presentate in prima mondiale le prime puntate dell’attesa serie Netflix ambientata a Parigi che ruota intorno a un locale jazz.

The Eddy: Il ritorno al Jazz di Damien Chazelle dopo La La Land alla Berlinale 2020

“Paris is a good jazz city”. Lo dice Ryan Gosling a Emma Stone, quando in La La Land sogna di aprire un suo locale, nel momento della fase luna di miele amorosa fra i due. Se avesse fatto veramente il salto dell’Oceano probabilmente avrebbe aperto proprio un locale come The Eddy, non nel cuore storico e turistico della città e della scena musicale jazz parigina, ma in periferia, nella vivacità multietnica di un genere che sa reinventarsi continuamente. Un genere che è al centro di una nuova attesissima serie di Damien Chazelle, prodotta da Netflix Original e disponibile dall’8 maggio prossimo, in cui torna alla musica e onora la sua metà francese dirigendo i primi due degli otto episodi. 

Non stupisce che sia stato coinvolto per questo progetto inusuale dal mitico produttore e compositore musicale Glen Ballard, cinque canzoni da lui scritte hanno vinto il Grammy, e a lui si deve la scoperta di un fenomeno come Alanis Morrissette. Una serie inconsueta, si diceva, nata da alcune canzoni scritte da Ballard per un progetto ‘Jazz in Paris’, poi diventato, con il coinvolgimento di Chazelle e dello sceneggiatore e creatore Jack Thorne, una delle serie più attese del 2020.

Girato in inglese e francese, ma anche arabo, è un racconto che si ispira chiaramente, dal punto di vista narrativo, ma anche da quello del ritmo e dell’anima stessa, alla libertà del jazz. Ci sono dei grandi musicisti di livello mondiale, che non avevano mai recitato, che compongono la band stabile del locale, poi gli attori, alle prese con la musica e il canto, come è il caso della trascinante Maja (Joanna Kulig), che ricorderete sicuramente nello splendido Cold War di Pawel Pawlikowski, che qui si esibisce in inglese, francese, e ogni tanto, quando litiga, anche in polacco. Non è semplice, infatti, il rapporto con Elliot (Andre Holland), uno dei due soci del locale, pianista americano di successo trasferitosi da qualche anno a Parigi dopo un evento traumatico. 

Maja e Elliot stavano insieme, o meglio, ogni tanto sì ogni tanto no, mentre l’altro socio del locale, amico per la pelle di Elliot, è Farid (il sempre bravo Tahar Rahim) che si occupa della parte amministrativa del locale, amando come un pazzo i due figli e la moglie (anche nella vtia) Amira, l’altrettanto convincente Leila Bekhti. Le cose si complicano ulteriormente, per questo variopinto gruppo di umanità in costante equilibrio fra la passione disperata per la musica e quella per mettersi nei guai, quando da New York arriverà a Parigi, con l’intenzione di restare, la figlia di Elliot, Julie, una sempre più in ascesa Amandla Stenberg (Hunger Games, Il coraggio della verità)

The Eddy non è La La Land, questo è bene metterlo subito in chiaro, come fa Chazelle con un primo episodio grondante musica e crepuscolare. Non coltiva il lato magico della città delle californiana, ma l’anarchia figlia di mille ritmi diversi, culturali e linguistici, del jazz delle strade periferiche di Parigi. Uno stato dell’anima, semmai, è quello che emerge da una storia che cresce a combustione lenta, almeno nei primi episodi che abbiamo avuto modo di vedere. Il jazz contagia il ritmo narrativo, le vite dei vari personaggi che vengono seguiti, passo dopo passo, episodio dopo episodio, ma anche con altre canzoni coinvolgenti ma non criptiche o solo per appassionati del jazz più rigoroso. Tutte, cosa più unica che rara, suonate e cantate rigorosamente live; diegetiche, per i più cinefili.

Non vediamo l’ora, dobbiamo dirvelo, di completare la visione della serie, superando il prima possibile la frustrazione di aver ottenuto un assaggio per finire troppo presto in astinenza. Del resto, come ci ha detto con un sorriso sornione Glen Ballard, “Damien Chazelle è il più bravo a spremere emozioni dalla musica”. Ma ne torneremo a parlare presto, della serie, questo assolo jazz, contemporaneo e multietnico, con al centro il cuore e l’umanità di un gruppo di personaggi uniti dalla musica, e da un locale buio e malandato, di nome The Eddy.



  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming