News Serie TV

Black Narcissus: Il trailer ufficiale della miniserie di FX e BBC

Il drama in tre parti, basato sul romanzo di Rumer Godden, debutterà il 23 novembre.

Black Narcissus: Il trailer ufficiale della miniserie di FX e BBC

Un santuario o un luogo di perversione? La casa della fede o quella del peccato? Gli opposti si attraggono, fino a diventare una cosa sola nel misterioso trailer ufficiale di Black Narcissus, una nuova miniserie co-prodotta da FX e BBC in arrivo negli Stati Uniti il prossimo 23 novembre.

La trama di Black Narcissus

Basata sul romanzo di Rumer Godden, conosciuto in Italia con il titolo Narciso Nero, adattato già per il grande schermo nel 1947, la miniserie in tre parti è ambientata durante gli ultimi anni del dominio britannico in India e segue una giovane suora, Sorella Clodagh (Gemma Arteton) che guida una missione in una zona remota dell'Himalaya. Insieme alle altre suore, Sorella Clodagh si stabilisce nel palazzo di Mopu, donato dal generale Toda Rai (Kulvinder Ghir), che spera che le nuove inquiline liberino l'edificio dai ricordi infelici legati alla sua defunta sorella, Srimati (Gianni Gonsalves). Ma il potere del palazzo prende presto il sopravvento e iniziano a verificarsi terribili e sinistri eventi che gettano nel caos le suore. Nel trailer si vede che un burbero scagnozzo del generale, Dean (Alessandro Nivola) avverte Sorella Clodagh, ignara dei poteri del convento.

Il resto del cast

Il cast della miniserie include anche, tra gli altri, Aisling Franciosi, Jim Broadbent, Rosie Cavaliero, Gina McKee e Diana Rigg, la Lady Olenna de Il Trono di Spade recentemente scomparsa.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo