News Serie TV

Batwoman: Ruby Rose accusa pesantemente Warner Bros. Television dopo il grave infortunio e il suo addio alla serie tv

66

L'ex protagonista attacca lo studio e lo ritiene responsabile di non aver creato un set sicuro durante le riprese della prima stagione.

Batwoman: Ruby Rose accusa pesantemente Warner Bros. Television dopo il grave infortunio e il suo addio alla serie tv

"Adesso basta". A dirlo è stata l'ex star di Batwoman Ruby Rose, in una serie di storie condivise su Instagram nelle scorse ore, nelle quali è andata all'attacco di Warner Bros. Television, lo studio di produzione dietro la serie supereroistica di The CW, ritenendolo responsabile delle circostanze che nel 2019 hanno portato al suo grave infortunio e, conseguentemente, al suo addio al ruolo di Kate Kane/Batwoman dopo una sola stagione nello show.

Batwoman: Le nuove dichiarazioni di Ruby Rose

Taggando la co-ideatrice e showrunner di Batwoman Caroline Dries e i produttori esecutivi Greg Berlanti e Sarah Schechter, Rose ha dichiarato: "Mi rivolgo a voi, affinché quello che è successo a me non accada mai più a un'altra persona. E così protrò finalmente riprendere in mano la mia vita e la verità. Vergognatevi". Due anni dopo aver subito un intervento chirurgico d'urgenza alla schiena, la rimozione di due ernie del disco vicine a reciderle il midollo spinale, causate a suo dire dalle acrobazie sul set della serie, Rose si è rivolta all'ex presidente di Warner Bros. Television Peter Roth, accusandolo di aver assunto un investigatore privato per seguirla, presumibilmente al fine di valutare in modo indipendente l'entità delle lesioni che avrebbe subito sul set. Lo ha incolpato inoltre di averla fatta tornare al lavoro solo 10 giorni dopo l'intervento, invece di prendersi "mezza giornata per scrivermi fuori per qualche settimana affinché guarissi", altrimenti "l'intera troupe e il cast sarebbero stati licenziati" perché la serie si sarebbe chiusa per sempre.

Rose ha detto ai fan di "smetterla di chiedere se tornerò in quella terribile serie; non lo farei per nessuna somma di denaro né con una pistola puntata alla testa", e ha aggiunto che non è stata una sua decisione lasciare il ruolo di Kate Kane. "Non sono stata io a chiudere. Ho seguito gli ordini e se volevo restare avrei dovuto rinunciare ai miei diritti. Qualsiasi minaccia, qualsiasi tattica di bullismo o ricatto non mi farà tirare indietro". Ha parlato poi di pratiche non sicure durante le riprese della stagione 1, responsabili tra le altre cose dell'incidente ben documentato che nel marzo del 2020 ha coinvolto l'assistente di produzione Amanda Smith, rimasta paralizzata dopo che il braccio meccanico di un sollevatore telescopico è stato abbassato sulla sua testa, delle ustioni di terzo grado riportate su tutto il corpo da un altro membro della troupe, dell'ospedalizzazione di due controfigure e del taglio alla faccia riportato da lei stessa, "vicinissimo all'occhio, durante un'acrobazia che poteva accecarmi".

Non è tutto. Rose ha affermato che, durante una delle visite della Dries al set di Batwoman a Vancouver, la showrunner ha riconosciuto che l'infortunio della sua star era una conseguenza del suo lavoro sul set, "e poi ha negato completamente, dicendo che è successo durante lo yoga", ma "Non faccio yoga". Nonostante fosse legalmente impossibilitata a guidare per raggiungere il set, poiché l'intervento chirurgico appena subito limitava la sua mobilità, ha detto che la produzione si è rifiutata di mandarle un autista, dicendole di "prendere un taxi". Le è stato chiesto anche di tenere nascosta la cicatrice al collo, cosa che non ha fatto, e ha ammesso di essersi battuta sul set - "Esatto, perché pretendevo sicurezza" - ma di non aver mai alzato la voce, al contrario della co-star Dougray Scott (interprete del padre di Kate, Jacob Kane), che una volta "ha ferito una controfigura donna" e "urlava alle donne come un dannato, rendendo la situazione un incubo".

La risposta di Warner Bros. Television

La risposta a mezzo stampa dello studio non si è fatta attendere: "Nonostante il revisionismo storico che Ruby Rose sta condividendo online rivolgendosi ai produttori, al cast, alla troupe, alla rete e allo studio, la verità è che Warner Bros. Television aveva deciso di non avvalersi dell'opzione che permetteva un coinvolgimento di Ruby nella seconda stagione di Batwoman, sulla base di molteplici lamentele circa il suo comportamento sul posto di lavoro ampiamente valutate e gestite in privato nel rispetto di tutti gli interessati".

E mentre lo studio non ha risposto direttamente alle accuse della Rose relative alla sicurezza del set durante la prima stagione (all'epoca dell'incidente della Smith disse che "Stiamo lavorando a stretto contatto con WorkSafeBC per fornirgli tutte le informazioni richieste. Continueremo a impegnarci per proteggere la salute e la sicurezza di tutti i nostri collaboratori"), Dougray Scott ha commentato così le dichiarazioni dell'ex collega che lo riguardano: "Confuto assolutamente e completamente le affermazioni diffamatorie e dannose fatte contro di me; sono interamente inventate e mai accadute".

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo