Attilio Prevost, Sr. biografia

Qui puoi conoscere la carriera e le curiosità sulla sua vita privata, leggere le notizie più recenti, trovare tutti i premi vinti e guardare le foto e i video.

share
Biografia

Attilio Prevost, Sr.


NASCE A: Torino
NASCE IL: 06/09/1890

MUORE A: Milano
MUORE IL: 03/05/1954

Attilio Prevost, sr. (Torino, 6 settembre 1890 – Milano, 3 maggio 1954), ingegnere, è stato un imprenditore italiano. Pioniere della cinematografia, è noto per aver fondato nel 1913, con la moglie Elena Lanzoni Prevost, (1878-1965) le OFFICINE PREVOST MILANO, fabbrica di apparecchi cinematografici di fama mondiale (proiettori e moviole). Appassionato di letture scientifiche, filosofia, botanica e astronomia, è anche ricordato per avere ideato e prodotto, sotto la guida dell’oftalmologo Prof. Emilio Raverdino, il Fotocoagulatore, un apparecchio ad emissione di luce (precursore del laser) per applicazioni chirurgiche oculistiche per curare il distacco della retina.

Anni ‘10 Nel 1910 conosce a Milano il documentarista Luca Comerio, altro grande pioniere della cinematografia italiana, e mette a punto la macchina da presa “Prevost 35mm” con la quale documenta la spedizione in Libia (1911). 1912 Attilio e Elena si conoscono nel 1912 a Milano presso la ditta di Luca Comerio, lui è impiegato come ingegnere progettista e lei in amministrazione. 1913 Presto si innamorano, e nel 1913, dopo un anno di lavoro fianco a fianco, decidono di tentare la fortuna da indipendenti. Attilio era l’ideatore e il progettista della produzione e Elena l’amministratrice dell’azienda. Per quarant’anni sempre insieme, uniti in un’avventura molto importante, fondarono un’industria onore e vanto imperituro d’Italia. 1-1-1915 Attilio Prevost fonda a Milano la casa di produzione “Astra Film”, con cui produrrà i primi film muti per i quali sarà anche il direttore della fotografia. 24-5-1915 Scoppia la Prima Guerra Mondiale Durante la Grande Guerra del 1915-18, mentre Elena gestisce la piccola azienda “Prevost” con l’aiuto di pochi operai, Attilio viene inviato presso la Grande III Armata comandata dal Duca Emanuele Filiberto d’Aosta, al Comando Supremo come operatore cinematografico e fotografo di guerra. Agli ordini del Comando Strategico, filma e fotografa il campo di battaglia prima e dopo l’attacco nemico e scatta migliaia di immagini in bianco e nero. E’ una documentazione sensazionale, commovente e a lungo secretata dal Ministero della Difesa. Le fotografie sono conservate oggi in grandi album depositati presso il Ministero della Guerra di Roma. 1-1-1919 La moglie Elena Lanzoni fonda la “E. Lanzoni Films Cinematografiche” per il commercio di pellicole cinematografiche (con sede a Milano in via Boccaccio 45 e corrispondenti ad Atene, Barcellona, Lima, Londra, Mosca, Buenos Aires, Parigi, Il Cairo e Rio de Janeiro). In Europa, grazie ai fratelli Lumière, il Cinema si sta espandendo e diventa fenomeno sociale sempre più rilevante. Elena, prototipo femminile di indipendenza, emancipazione ed imprenditorialità, si reca spesso a Parigi con l’Orient Express ad acquistare per la sua società i primi film muti da noleggiare. Anni ‘20 E' dei primi anni '20 la produzione del proiettore cinematografico muto 35 mm modello “Splendor” con avanzamento della pellicola a mano a 16 fotogrammi al secondo. Nel 1927 nasce il cinema sonoro (“Il cantante di jazz” fu il primo film in cui si potevano ascoltare le voci degli attori) e la Prevost produce il proiettore "Rex" con avanzamento della pellicola a 25 fotogrammi al secondo. Anni ‘30 Negli anni Trenta la Prevost realizza e produce la prima moviola al modo con piano di lavoro orizzontale e scorrimento della pellicola con moto continuo che utilizzava per la proiezione un sistema brevettato da Attilio Prevost senior. Vengono prodotti anche la macchina da stampa per suono e immagini 35 mm. ed il proiettore P30 che leggeva sia la colonna sonora ottica che magnetica. Nel 1936 inizia la costruzione del nuovo e definitivo stabilimento in via Desenzano 2, Milano. Nel 1939 viene prodotto il proiettore professionale P16 per pellicole 16 mm con avanzamento intermittente a croce di Malta. Anni ‘40 10-6-1940 L’Italia entra di nuovo in guerra. Lo stabilimento Prevost di via Desenzano conta molte decine fra operai, impiegati e rappresentanti. 13-8-1943 Le Officine Prevost subiscono un pesante bombardamento che distrugge gran parte dell’edificio e l’archivio storico, ma grazie all’aiuto degli operai, dopo un mese l’attività può ricominciare. 18-9-1944 I Tedeschi occupano le Officine Prevost. I nazisti impongono la presenza di un loro addetto militare della Wehrmacht che aveva il compito di controllare che le spedizioni di proiettori fossero fatte puntualmente. I proiettori venivano spediti alle truppe germaniche per proiettare pellicole che sollevassero loro il morale. 1947 Nel dopoguerra il cinema ha un forte sviluppo e le Officine Prevost si impongono tra le aziende leader del mercato. Grande successo continua ad avere il proiettore “Magnus” (lo si può vedere nel film “Nuovo Cinema Paradiso” di G.Tornatore, 1988). In Italia si aprono decine di sale cinematografiche che proiettano con impianti Prevost, mentre si può dire che tutti i più grandi registi che hanno fatto la storia del cinema italiano (e non solo italiano) abbiano lavorato sulle moviole Prevost. (si può vedere una vecchia moviola Prevost nel film “Lisbon Story” di Wim Wenders, 1994). Anni ‘50 1953 L'Ing. Attilio Prevost sr. ideò e costruì sotto la guida professionale dell’oftalmologo Prof. Emilio Raverdino il fotocoagulatore, un apparecchio oftalmico dotato di raggi luminosi (predecessore del laser) per curare il distacco della retina. Questo apparecchio fu molto richiesto in tutta Europa da cliniche e ospedali, e rimase nella produzione Prevost per parecchi anni. 1954 Il 3 maggio 1954 Attilio Prevost muore improvvisamente per un edema polmonare a soli 63 anni. Lo stesso giorno viene recapitata in ditta una commovente lettera di entusiastiche felicitazioni a lui indirizzata dall’operatore di cabina Enrico Casella e dal personale del cinema di Livorno per il magnifico funzionamento degli impianti Prevost CinemaScope. Era infatti in programmazione “La Tunica” (di Henry Koster, 1953), il primo film girato in CinemaScope.

Filmografia
IL VORTICE (IL VORTICE)
  • ANNO: 1915
  • Direttore della Fotografia
L'OMBRA MISTERIOSA (L'OMBRA MISTERIOSA)
  • ANNO: 1915
  • Direttore della Fotografia
SOGNO DI RIETTE (SOGNO DI RIETTE)
  • ANNO: 1915
  • Direttore della Fotografia
SULLA SOGLIA DELLA FELICITA' (SULLA SOGLIA DELLA FELICITA')
  • ANNO: 1915
  • Direttore della Fotografia
Lascia un Commento