Schede di riferimento
Speciali Musica

Bob Dylan: How Does It Feel to Be 76?

65

Per il compleanno del menestrello, vi mostriamo alcuni video che forse non avete mai visto.

Bob Dylan: How Does It Feel to Be 76?

Quest'oggi il Premio Nobel per la Letteratura 2016 Bob Dylan, al secolo Robert Allen Zimmerman, festeggia il suo 76esimo compleanno e per celebrarlo nel migliore dei modi abbiamo raccolto alcuni video e materiali poco diffusi, registrati nell'arco di tutta la sua carriera.

Buona visione e buon viaggio nella vita del leggendario menestrello!

- Nel 1962, mentre era sotto contratto con la Columbia, Dylan registrò alcuni pezzi sotto lo pseudonimo di Blind Boy Grunt per un'etichetta e rivista folk indipendente chiamata Broadside. Questo video dovrebbe risalire proprio a quei giorni:

- Sempre nello stesso anno il produttore televisivo Philip Saville si trovava a New York, quando assistette ad un concerto di Bob Dylan e ne rimase talmente folgorato che gli propose di andare a Londra per tre settimane per prendere parte alle riprese dello sceneggiato della BBC Madhouse on Castle Street. Dylan accettò e quella fu la primissima volta che uscì dagli Stati Uniti. L'intenzione era di affidargli il ruolo da protagonista, ma durante le prove i produttori non gradirono molto il fatto che si allontanasse spesso per andare a fumare erba, che si presentasse trasandato e non riuscisse proprio a memorizzare le battute. Il menestrello disse chiaro e tondo che avrebbe preferito "esprimersi in canzoni" e così gli sceneggiatori modificarono la struttura dell'opera, accostando al personaggio di Dylan un altro protagonista, l'attore David Warner, nei panni di Lennie, e facendo commentare al menestrello in forma di canzoni le azioni compiute da Warner. Al termine dell'episodio, Dylan cantò "Blowin' In The Wind" in una delle sue più famose apparizioni in pubblico. Purtroppo la registrazione dell'episodio è andata perduta: sono rimaste solo alcune immagini e quattro canzoni registrate da Dylan, tra le quali c'è anche "The Ballad of Gliding Swan":

- Il 23 gennaio di 52 anni anni fa, Bob Dylan si trovava davanti alla macchina da presa di Andy Warhol, visibilmente a disagio. 

- Il 25 luglio del 1965 Bob Dylan salì sul palco del Newport Folk Festival, che nei due anni precedenti lo aveva ospitato diverse volte, anche al fianco di Joan Baez, e sconcertò tutti i puristi del genere presentandosi con una chitarra elettrica, accompagnato da alcuni membri della Paul Butterfield Blues Band. Il pubblico lo riempì di fischi, tanto che Dylan se ne andò dopo solo tre canzoni. Secondo il regista Murray Lerner, che riprese tutta la scena: "il pubblico fischiava la sua svolta elettrica", mentre l'organista della Paul Butterfield Blues Band, che era lì insieme a Dylan, pensa che stessero protestando contro l'annuncio fatto dal presentatore che "la performance sarebbe durata poco per motivi di tempo." In questo estratto dal documentario di Martin Scorsese, No Direction Home, risalente al 1966, Dylan conversa con i membri della Band e racconta ridendo, ma evidentemente dispiaciuto, della reazione negativa dei fan ai suoi concerti elettrici. In quell'anno, infatti, era sua abitudine dividere i concerti a metà, esibendosi da solo, con una chitarra acustica e un armonica nella prima parte, per poi imbracciare la chitarra elettrica e farsi accompagnare dai The Hawks nel secondo tempo. 

- Il 20 gennaio del 1968, due anni dopo l'incidente in moto che gli diede l'opportunità di stare lontano dai riflettori il tempo necessario per riuscire a gestire la pressione della fama e a pochi mesi di distanza dalla pubblicazione dell'album registrato a Nashville, "John Wesley Harding", Dylan tornò ad esibirsi dal vivo, partecipando al concerto tributo a Woody Guthrie, morto il 3 ottobre del 1967. 

- Un anno dopo Bob Dylan registrò l'album "Nashville Skyline", suonando puro country insieme a diversi musicisti di spicco della città, ed includendo anche un duetto con Johnny Cash. Quest'ultimo lo invitò a partecipare al primissimo episodio del suo nuovo programma, The Johnny Cash Show, dove i due cantarono  "Girl From the North Country".

Bob Dylan and Johnny Cash perform “Girl from the North Country” on ‘The Johnny Cash Show’ in 1969. The duo’s contribution to the “new Nashville” sound is explored on the new 2CD set ‘Dylan, Cash and The Nashville Cats: A New Music City.’

Pubblicato da Legacy Recordings su Domenica 16 agosto 2015

- Il 1970 sancì il ritorno di Dylan alle origini, con la pubblicazione dell'album "New Morning". L'anno seguente, dopo aver scritto diverse canzoni insieme all'amico George Harrison, fu invitato dall'ex beatle a prendere parte al concerto di beneficenza Concert for Bangladesh. Ovviamente, la sua apparizione a sorpresa fece felici pubblico e stampa specializzata, che in quel periodo potevano solo contare sulle dita di una mano le sue performance dal vivo. 

 

- Nel 1975 Dylan fece sua la causa del pugile Rubin "Hurricane" Carter, scrivendo una canzone per proclamare la sua innocenza, che suonò in tutti i concerti del tour Rolling Thunder Revue, al quale presero parte numerosi artisti e sostenitori della scena folk di Greenwich Village, come Joni Mitchell, Mick Ronson e Joan Baez. 

- Nel 1986 Dylan fece anche un'incursione nella scena rap, registrando alcune rime per "Street Rock", una traccia dell'album "Kingdom Blow" di Kurtis Blow. 

- Nel 1987 recitò nel film Hearts of Fire di Richard Marquand, vestendo i panni di un vecchio rocker divenuto contadino, che viene lasciato dalla giovanissima ragazza per un musicista synthpop inglese, interpretato da Rupert Everett. Il film, che includeva anche due tracce originali di Dylan - "Night After Night" e "I Had a Dream About You, Baby" - purtroppo non ebbe molto successo al botteghino. 

- Come saprete, nel 1988 e nel 1990, Bob Dylan pubblicò due album insieme a George Harrison, Jeff Lynne, Roy Orbison e Tom Petty. Il supergruppo di amici in questione si faceva chiamare The Traveling Wilburys. In questo video, girato da Tom Petty a casa di Harrison a Los Angeles, si vedono tutti insieme durante le sessioni di registrazione. 

- Nel 1991, nel corso della cerimonia di premiazione dei Grammy Awards, Jack Nicholson gli conferì il Grammy Lifetime Achievement. 

- Nel 2001 ha vinto il suo primo Oscar per la canzone "Things Have Changed", tratta dalla colonna sonora di Wonder Boys. 

- Il 30 giugno del 1999 al Madison Square Garden si tenne il concerto Eric Clapton & Friends to Benefit Crossroads Centre Antigua, al quale partecipò anche il menestrello. I due leggendari musicisti suonarono assieme sette canzoni, inclusa questa splendida versione di "Not Dark Yet": 

Not Dark Yet

Pubblicato da Dylan su Venerdì 29 maggio 2015

 



  • Giornalista pubblicista specializzata in comunicazione musicale e televisiva
  • Consulente musicale
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming