Jon Bon Jovi inaugura un centro di aiuti umanitari sulla costa del New Jersey devastata dall'uragano

-
161
Jon Bon Jovi inaugura un centro di aiuti umanitari sulla costa del New Jersey devastata dall'uragano

Tutti conoscono Jon Bon Jovi come rocker, ma forse non altrettanti per il suo sforzo umanitario, iniziato da una decina d'anni e che lo vede in prima linea nel suo paese per combattere la fame e le nuove povertà provocate dalla crisi economica o - come nel caso di cui vi parliamo - da catastrofi naturali come l'Uragano Sandy che ha devastato la costa del New Jersey, dove lui stesso è nato 53 anni fa.

E proprio lì con la sua Jon Bon Jovi Soul Foundation in collaborazione con enti benefici locali, il musicista ha annunciato il progetto di un B.E.A.T. Center (acronimo per Bringing Everyone All Together), un luogo che aiuti la gente dando loro buoni spesa, pasti, assistenza sanitaria e insegnamenti nel campo dei lavori che hanno a che fare con la preparazione del cibo.

Assieme a questo si aprirà a Toms River un secondo ristorante comunitario Soul Kitchen, dove si cena con cibi organici di ottima qualità al prezzo di 10 dollari o - se non si è in grado di pagare - dando una mano in cucina o nel servizio.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Lascia un Commento