News Libri

Pura musica pura visione. Un libro sulla collaborazione fra Morricone e Tornatore

2

Un sodalizio intenso come rare volte nel cinema italiano

Pura musica pura visione. Un libro sulla collaborazione fra Morricone e Tornatore

La collaborazione fra il compositore Ennio Morricone e il regista Giuseppe Tornatore dura da una vita, almeno in senso cinematografico: ben venticinque anni. Iniziata con Nuovo Cinema Paradiso: una disavventura diventata trionfo con la vittoria dell’Oscar; conclusasi, per ora, con il ritorno al successo di Tornatore grazie a La migliore offerta.

Una storia tanto intensa da pensare con difficoltà a un film del regista siciliano senza l’impronta, inconfondibile e ultimamente un po’ appannata, del musicista romano. Arriva ora un libreria un saggio che analizza questo sodalizio. Si intitola Pura musica pura visione (pagine 144, euro 15) edito da Luigi Pellegrini Editore con una prefazione di Vincenzo Mollica.

Tutto inizia nel 1988, quando un Morricone all’apice della carriera (celebrato in tutto il mondo per i capolavori scritti per “Il Buono, il brutto, il cattivo” di Sergio Leone o “Gli intoccabili” di Brian De Palma fino “Mission” di Roland Joffè), accetta di lavorare per un regista quasi sconosciuto, poco più che trentenne. Artefice dell’incontro il produttore Franco Cristaldi. Nasce così “Nuovo Cinema Paradiso”, Oscar per il miglior film straniero, che segna l’inizio di una leggendaria collaborazione, trasformatasi negli anni in un’inossidabile amicizia.

“Io ormai conosco tutte le sue composizioni- racconta il regista nel libro-. I due livelli, professionale e umano, camminano insieme. La nostra amicizia non ha mai condizionato il rapporto professionale”. L’autrice, basandosi su una lunga conversazione con Tornatore, analizza – uno per uno – i film del regista siciliano per svelare l’enigma del rapporto tra musica e immagini: dopo “Nuovo Cinema Paradiso”, ecco – uno dopo l’altro, come perle di una straordinaria collana – “Stanno tutti bene”, “Il cane blu”, “Una pura formalità”, “L’Uomo delle stelle”, “La leggenda del pianista sull’Oceano”, “Malena”, “La Sconosciuta”, “Baaria” e, infine, l’intrigante thriller sentimentale “La Migliore Offerta”.

Ogni film ha una genesi e per ogni film scopriamo un Morricone diverso, capace di capire al volo le aspettative del regista e di scrivere partiture indimenticabili. E dietro ogni lavorazione si nascondono aneddoti ed episodi che servono a fare crescere la leggenda. Come quando Morricone fu convinto a salire sul treno la sera di Natale per raggiungere Milano assieme a Giuseppe Tornatore e Marcello Mastroianni per girare la celebre scena all’interno del Teatro alla Scala in “Stanno tutti bene”. O, ancora, quando il regista scrisse le parole della canzone “Ricordare””, tema di “Una pura formalità”, sostituendo il suo testo a quello improvvisato dal compositore o quando riuscirono a realizzare l’idea innovativa di associare ad ogni volto una musica ne “La leggenda del pianista sull’Oceano”. Fino allo straordinario madrigale incrociato di “Volti e fantasmi” ne “La migliore offerta”.

 



Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming