Prima il libro – Amore, cucina e curry

-
16
Prima il libro – Amore, cucina e curry

La cucina non è mai stata così popolare e presente nella nostra vita quotidiana come in questi anni. È un proliferare di libri, reality televisivi e film che solleticano l’appetito e lo sguardo di tanti appassionati. In fondo il bacino di riferimento del genere è l’intera razza umana. Al cibo non si sfugge, perché allora non farne un’esperienza che provochi un vero piacere?

Per la nostra rubrica prima il libro vi segnaliamo oggi Amore, cucina e curry, precedentemente apparso col titolo Madame Mallory e il piccolo chef indiano, che arriva l’11 settembre in una nuova edizione in libreria, mentre dal 9 ottobre sarà al cinema in un film diretto dal regista di Chocolat, Lasse Hallstrom, che questa volta abbandona i dolci per un menù completo. Nel cast Helen Mirren, Manish Dayal, Charlotte Le Bon e Om Puri.

Il libro è scritto dall’esordiente Richard C. Morais, americano nato a Lisbona che ha trascorso gran parte della sua vita in Europa. Ha vissuto e lavorato a Londra per diciassette anni come corrispondente della rivista Forbes.

Hassan Haji, secondogenito di sei figli, è nato sopra il ristorante di suo nonno, in Napean Sea Road a Bombay, vent’anni prima che fosse ribattezzata Mumbai. Ed è cresciuto guardando la figura esile di sua nonna che sfrecciava a piedi nudi sul pavimento di terra battuta della cucina, passava svelta le fettine di melanzana nella farina di ceci, dava uno scappellotto al cuoco, gli allungava un croccante di mandorle e rimproverava a gran voce la zia. Tutto nel giro di pochi secondi. E ha capito infine come va il mondo osservando suo padre, il grande Abbas, girare tutto il giorno per il suo locale a Bombay come un produttore di Bollywood, gridando ordini, mollando scappellotti sulla testa degli sciatti camerieri e accogliendo col sorriso sulle labbra gli ospiti.  Naturale che quando l’intera famiglia Haji, i sei figli di età compresa tra i cinque e i diciannove anni, il grande Abbas, la nonna vedova, la zia e suo marito, lo zio Mayur, si trasferisce, dopo la tragica scomparsa della madre di Hassan, prima a Londra e poi a Lumière, nel cuore della Francia, sia proprio lui, il piccolo Hassan, a prendere il posto della nonna Ammi ai fornelli della Maison Mumbai, il ristorante aperto a Villa Dufour dal grande Abbas.

Un locale magnifico per gli Haji, con un’imponente insegna a grandi lettere dorate su uno sfondo verde Islam, e la musica tradizionale indostana che riecheggia dagli altoparlanti di fortuna che zio Mayur ha montato in giardino. Peccato che abbia di fronte, dall’altra parte della strada, un albergo a diverse stelle, Le Saule Pleureur, il salice piangente, con un’insegna che si muove impercettibilmente con il vento, il giardino roccioso coperto di muschio, le vecchie stalle dalle finestre con i vetri a piombo.  Peccato poi che la proprietaria del locale, una certa Madame Mallory, sia andata a protestare dal sindaco, sostenendo che un albergo come Le Saule Pleureur, che vede ai fornelli lei, la vestale dell’arte culinaria francese, la chef degli chef apprezzata da gente come Valéry Giscard d’Estaing e il Barone de Rothschild, la gloria dell’establishment gastronomico francese proveniente da una delle più illustri e antiche famiglie di grandi hôteliers della Loira, premiata con ben due stelle dalla guida Michelin, non può avere dall’altro lato della via un bistrò indiano che spande la puzza di cucina unta per tutto il vicinato! Popolato di personaggi eccentrici, ricco di divertenti disavventure culturali, ambientazioni vivaci e squisite ricette, descritte con dovizia di particolari, Madame Mallory e il piccolo chef indiano svela le trame interne all’esclusivo mondo dell’haute cuisine francese e narra la storia toccante di un ragazzo indiano che si conquista il proprio posto nel mondo.

Amore, cucina e curry di Richard C. Morais, Neri Pozza, pagine 288, euro 17


Iscriviti alla nostra newsletter:

Lascia un Commento
Lascia un Commento