Robert De Niro in Terapia e pallottole e Un Boss Sotto Stress su Infinity

-
Share
Robert De Niro in Terapia e pallottole e Un Boss Sotto Stress su Infinity

Anche se siamo ormai abituati a vedere Robert De Niro in ruoli autoironici, non è sempre stato così frequente ammirare la star che prendeva in giro il suo stereotipo. Accadde due volte con il personaggio di Paul Vitti, un boss mafioso in crisi, in due lungometraggi diretti dal fu-Harold Ramis, che i più ricorderanno come l'Egon Spengler di Ghostbusters, ma che fu anche regista di Ricomincio da capo. Vediamo di quali film stiamo parlando.

Terapia e pallottole (1998) è la storia dello psichiatra Ben Sobol (Billy Crystal), chiamato ad occuparsi della crisi esistenziale di Paul Vitti (De Niro). Il problema è che Paul è uno dei più temuti boss mafiosi di New York, e occuparsi dei suoi conflitti irrisolti potrebbe farlo innervosire... senza contare che non sembra molto disposto ad accettare le regole e i tempi del rapporto tra medico e paziente. Costato 80 milioni di dollari, il film si rivelò un successo da 177 in tutto il mondo, portando a casa due nomination ai Golden Globe, per la migliore commedia e per il miglior attore in una commedia (De Niro). Guarda Terapia e pallotole su Infinity



Un boss sotto stress (2002) è il sequel del precedente, dove Ben viene costretto dall'FBI a studiare ancora il caso di Paul, uscito di prigione e in stato confusionale, minacciato ad una famiglia rivale. Prevarrà il rispetto reciproco oppure Paul perderà il controllo? O sarà Ben a non reggere oltre l'ingombrante paziente? Un boss sotto stress non si avvalse alla sceneggiatura del futuro premio Oscar Kenneth Lonergan (il drammatico Manchester by the Sea), così come invece era successo per il primo lungometraggio. Ma si rideva ancora. Guarda Un boss sotto stress su Infinity



Domenico Misciagna
  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Lascia un Commento
Lascia un Commento