Speciali Games

Shu - Recensione

Un bellissimo indie che non riesce a riesce a divertire quanto ad affascinare.

Shu - Recensione

Il mondo sta finendo, ingoiato da un inarrestabile miasma viola. Sta a Shu, il piccolo protagonista dell'omonimo gioco, cercare di salvare i propri amici e trovare un modo per respingere questo male una volta per tutte.


La direzione artistica del gioco è l'unica cosa che non si può criticare.

Bello in superficie
Tramite un alternarsi di classici livelli platform dimensionali a situazioni di fuga dalla misteriosa nuvola malvagia, il giocatore dovrà approfittare delle abilità di Shu ed il suo singolare cast di amici, che andrà pian piano cambiando durante la progressione del gioco. Shu stesso infatti non è dotato di abilità particolare eccetto la planata, per cui dovrà sfruttare gli amici appena soccorsi, mano nella mano, per ovviare alle numerevoli difficoltà che gli aspettano.
Oltre queste premesse, Shu si comporta essenzialmente come ogni altro platform nel commercio, ispirandosi principalmente alla più moderna serie di Rayman e facendosi notare particolarmente grazie all'ottima direzione artistica del gioco. Nonostante la distruzione imminente, il mondo di Shu appare infatti “vivo”, pieno di colori vibranti e sfondi particolarmente accesi; con un design dei personaggi particolarmente fumettoso, che non potrà non ispirarvi un senso di tenerezza nei loro confronti. A donare ulteriore spettacolarità agli sfondi anche il sapiente utilizzo della camera, che sempre sul piano 2D si avvicina od allontana in modo da enfatizzare i momenti più concitati. Un indie bello da vedere e – non sempre - bello da giocare.


Il "male" da cui dover fuggire alla fine del livello.

Un ciclo di breve durata
A scanso di equivoci, Shu è di fatto un bel gioco,ma non riesce mantenere l'attenzione del giocatore lungo tutto il corso del gioco.
Di norma, a seconda del livello, Shu verrà affiancato da due abitanti del villaggio che – come ho detto – gli garantiranno abilità uniche. Con uno sarà possibile camminare sulle acque, con un altro magari si apprende il doppio salto, o ancora, distruggere muri orizzontali e verticali. Questa meccanica aiuta a rendere il gioco molto vario, in principio, offrendo alla fin fine un mix di diversi platformer - con tanto di puzzle - in un unico gioco. Il problema nasce quando quei contenuti vengono ripetuti, si perde progressione e si scade nella ripetitività. In sole 3 ore di gioco.
Il peccato maggiore è che le abilità dei vari abitanti del villaggio non vengono praticamente sfruttate all'infuori del loro livello. Anzi, praticamente solo alla fine viene concesso un assaggio di cosa è possibile fare sfruttandoli tutti in sequenza nello stesso livello. Una sezione che non dura più di una manciata di minuti. Una sezione veramente divertente, sfortunatamente anche l'ultima del gioco.


Almeno i personaggi sono davvero graziosi.

Nulla di nuovo sotto il sole
Detto ciò, Shu rimane un titolo fatto col cuore, esteticamente incriticabile e anche con qualche buona idea di fondo. Nonostante il design ingannevole può anzi risultare anche impegnativo, soprattutto verso la fine del gioco, momento in cui si rischia veramente di esaurire le vite disponibili e dover quindi ricominciare il livello da capo.
Se siete degli amanti dei platform e cercate un gioco in grado di darvi momenti piacevoli, potreste prenderlo in considerazione.


Verso la fine si fonderanno tutti gli elementi dei precedenti quadri.



Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming