Thunder

share

Thunder è un film di genere avventura del 1983, diretto da Fabrizio De Angelis, con Bo Svenson e Mark Gregory. Durata 86 minuti. Distribuito da FULVIA FILM - GENERAL VIDEO, DOMOVIDEO, AVO FILM.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto

TRAMA THUNDER:

Un giovane pellerossa dei nostri giorni, Thunder, torna a casa dopo una lunga assenza, ma trova molte cose cambiate. In aperta violazione col trattato firmato, un secolo prima, da suo nonno con il Governo degli Stati Uniti, sulla collina dei Corvi, dove si trova il cimitero della sua tribù, una squadra di operai sta distruggendo tutto per costruirvi un osservatorio. Dopo uno scontro con gli operai, Thunder si reca in paese per far valere i suoi diritti, ma lo sceriffo gli consiglia di tenersi alla larga, e gli intima di non tornare più in, paese. Mentre torna a casa, gli operai del cantiere lo trovano e lo picchiano ferocemente, e quando Thunder va dallo sceriffo per denunciare il fatto, viene picchiato ancora una volta dagli aiutanti dello sceriffo. Sfuggito ai suoi aguzzini, Thunder ruba in un supermercato arco e frecce, e si nasconde sulla collina deciso a difendere il cimitero della tribù. La caccia all'uomo che si scatena è spietata, ma il giovane indiano riesce, grazie alla sua astuzia, a non farsi catturare, e uno dopo l'altro mette fuori combattimento gli uomini che lo cercano, senza ucciderli; anzi, ad uno di loro salva la vita. Mentre un giornalista si adopera per fare della vicenda un caso nazionale facendo assurgere Thunder al ruolo di eroe, la caccia si inasprisce: nell'incendio del cimitero muore un vecchio indiano, mentre gli operai del cantiere rapiscono la fidanzata di Thunder, Sheela, per attirare l'indiano. Il giovane, però, liberata la ragazza, si impadronisce di un buldozer e, arrivato in paese, rade al suolo la stazione di polizia e la banca. Qui, nel bel mezzo di un incendio, viene fatto fuggire dal poliziotto a cui aveva salvato la vita il quale, facendo credere allo sceriffo che l'indiano è perito nell'incendio, permette a Thunder e Sheela di andare altrove per rifarsi una vita.

CRITICA DI THUNDER:

Un buon film d'azione "made in Italy" sulla falsa riga di Rambo. (Teletutto).Primo episodio di una nostrana serie rambesca, dove l'azione è padrona assoluta, a scapito dello spessore psicologico dei personaggi, che sembrano scolpiti con la scure. Per adolescenti esaltati. (Francesco Mininni, Magazine italiano tv)

CURIOSITÀ SU THUNDER:

- DARDANO SACCHETTI E' ACCREDITATO COME DAVID PARKER JR.

IL CAST DI THUNDER:



Lascia un Commento
Lascia un Commento