Quando le montagne finiscono

Titolo originale: Quando le montagne finiscono

share

Quando le montagne finiscono è un film di genere commedia del 1994, diretto da Daniele Carnacina, con Felice Andreasi e Toni Barpi. Durata 90 minuti. Distribuito da PAG. FILM (1994) - R.V.E.N. HOME VIDEO.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto

TRAMA QUANDO LE MONTAGNE FINISCONO:

Sandro un trentacinquenne che lavora a Milano nei disegni di animazione, entra in crisi quando apprende da Anna, sua compagna, che essa è incinta di due mesi. La donna è propensa a tenere il bambino, ma gli dà due settimane per avere il suo accordo. Sandro, tipo un po' immaturo, preoccupato delle responsabilità che gli incombono, decide di riflettere e torna al natio borgo tra i monti del Trentino per visitare i genitori: qui scopre che tra costoro esistono incomprensioni. La madre teme che il marito abbia strane idee, da quando Bepi Zomegnan ha aperto un pub e fa esibire un gruppetto di belle africane; il padre smentisce e considera la moglie invecchiata e intollerante; d'altra parte, a furia di strappare per anni pietre e ghiaia alla montagna, ha vivo il senso di colpa, per avere con ciò fatto disseccare l'acqua di un laghetto. Sebbene preso dal proprio problema, Sandro si fa partecipe di quelli dei suoi cari dai quali ha vissuto a lungo lontano. Anna intanto, venuta in Trentino, si fa subito ben volere da tutti. Poi, con sgomento generale, l'anziano padre una mattina se ne va. Sandro apprende alla stazione che ha preso il treno per Venezia e sospetta, data la coincidenza della partenza insieme al padre della africana Asha, che sia una fuga con costei; inoltre alla banca del paese risulta un prelievo di venti milioni. Ma il padre torna presto: Asha andava a Padova dove frequenta l'università, mentre lui si è concesso una escursione in laguna, unicamente per aprire un libretto di risparmio con venti milioni a nome del nascituro. E', la sua, una testimonianza di coraggio e di fiducia nella vita: spariti dubbi e insicurezza, spinge Sandro all'accordo con la sua compagna che deve dargli un figlio. Frattanto l'anziano padre, che si sente ancora forte e pieno di entusiasmo, si è messo in testa di far tornare l'acqua in quel minuscolo lago a cui lui era così profondamente affezionato.

CRITICA DI QUANDO LE MONTAGNE FINISCONO:

"Con rara efficacia, Carnacina fa scivolare sullo schermo i vari ruoli, intagliandoli sullo sfondo di un paesaggio inconsueto e sottolineandone emozioni e scelte morali con un tocco soffice di pietà. Fra la concitata festa iniziale per il compleanno di Sandro e i dialoghi, poi, nell'umile e dignitosa residenza paesana, corre il dramma delle illusioni e dei falsi idoli che la civiltà urbana ha imposto alla schietta filosofia rurale. E tuttavia, il racconto non assume toni tribunizi, non abbandona mai un tono suadente che, infine conquista lo spettatore. (...) Severa e calibrata la fotografia di Claudio Bellero molto interessante la colonna sonora di Michele Santoro. A proposito di musica, 'Quando le montagne finiscono' ospita, nelle pagine conclusive, la marcia di Radetszky. Beh, la fiaba è così suggestiva che ci è caro augurarle tanto successo da giungere, con le sue proiezioni, fino alla festa del Capodanno." (Gregorio Napoli, 'Il Giornale di Sicilia', 20 Dicembre 1994)

IL CAST DI QUANDO LE MONTAGNE FINISCONO:



Lascia un Commento
Lascia un Commento