Piano piano

Piano piano

( Piano piano )
Voto del pubblico
Voto Coming Soon
Valutazione
3.9 di 5 su 74 voti

Al cinema dal: 16 marzo 2023
Genere: Drammatico
Anno: 2022
Paese: Italia
Durata: 84 min
Data di uscita: 16 marzo 2023
Distribuzione: I Wonder Pictures
Piano piano è un film di genere drammatico del 2022, diretto da Nicola Prosatore, con Dominique Donnarumma e Giuseppe Pirozzi. Uscita al cinema il 16 marzo 2023. Durata 84 minuti. Distribuito da I Wonder Pictures.
Data di uscita: 16 marzo 2023
Genere: Drammatico
Anno: 2022
Paese: Italia
Durata: 84 min
Distribuzione: I Wonder Pictures
Montaggio: Marco Signoretti
Produzione: Briciolafilm con Rai Cinema

TRAMA PIANO PIANO

Piano piano, il film diretto da Nicola Prosatore, è ambientato nella Napoli del 1987, anno in cui la squadra partenopea ha vinto lo scudetto, riportando la speranza di riscatto nella città. Racconta la storia di alcune persone, che vivono in una palazzina di periferia, ma sono costretti ad andare via, perché da lì a pochi mesi verrà costruita una sopraelevata, che spazzerà via per sempre il loro piccolo mondo. Tra questi c'è Anna (Dominique Donnarumma), una tredicenne che non vede l'ora di diventare grande, infatti sulla tastiera del piano, che dovrebbe imparare a suonare, sono disseminati i trucchi presi di nascosto a sua madre Susi (Antonia Truppo). Quest'ultima ripone nella figlia tutte le aspettative di quella vita che lei non ha potuto avere.
L'incontro di Anna con il coetaneo Peppino (Giuseppe Pirozzi) e con il Mariuolo (Antonio De Matteo) che ha destabilizzato il quartiere, la condurrà ai confini del piccolo ambiente in cui è vissuta, fino a compiere quel passo che separa l'infanzia dal futuro.

Piano piano
3 Foto
Piano piano
Sfoglia la gallery

PANORAMICA SU PIANO PIANO

Al suo esordio cinematografico alla regia di un lungometraggio, Nicola Prosatore sceglie di portare al cinema un lavoro basato su fatti reali e autobiografici. L'idea del progetto parte da un ricordo vivo di Antonia Truppo, coprotagonista e cosceneggiatrice. "La scintilla che ha dato vita al film, è il contesto che ha accolto e sviluppato il racconto: lo sgombero coatto di una palazzina compiuto per dar luce allo sbocco cittadino dell'Asse Mediano, uno degli ultimi progetti infrastrutturali della Napoli di fine anni Ottanta. Antonia è nata in quel palazzo e quel ricordo, unito alla realtà dei personaggi e degli aneddoti della nostra memoria, è da subito diventato un solido spunto per alimentare una storia con un forte time lock: le ultime tre settimane di un mondo che sta per essere spazzato via” - ha spiegato il regista. "Quand'ero ragazzina venni sfrattata con la mia famiglia da un edificio di Secondigliano e quel ricordo me lo sono portato sempre dentro. Ho deciso di interpretare un ruolo a forza di fare da spalla ai provini per gli altri attori" - ha racconto Antonia, che qui interpreta Susi.

Anche la scelta di girare in un'unica location è mirata: "Una masseria cercata a lungo proprio sulla rotta dell'Asse Mediano, delle mura che confinano un micro mondo con delle regole a cui tutti i personaggi obbediscono e dalle quali è impossibile fuggire" - ha detto Prosatore. Il personaggio principale, Anna, con il passaggio dall'infanzia all'adolescenza, simboleggia l'attesa del riscatto di un'intera città: "Piano piano è ambientato in un'era che sembra l'infanzia del mondo per come lo conosciamo adesso, un decennio in cui carta e penna accompagnano le prime tastiere da pc, le vecchie regole e la televisione perennemente accesa convivono, e il baracchino fa le veci di un social ante litteram. Una bolla di tempo che si presta perfettamente ad accogliere l'archetipo di Anna e Peppino" - ha precisato il regista. Anche il linguaggio sembra accompagnare quella fase della crescita, con "il ritmo serrato, come un'età che non conosce tregua, come il caos indefinito del desiderio di abbandonare le cose conosciute per un altrove sconosciuto. La luce, i colori, la lingua, la musica, sono spediti e vivaci come la bellezza che sopravvive caparbia a qualunque sopruso. Il mondo che ho voluto raccontare mi appartiene e mi piace, nonostante tutto" - ha concluso. La giovane protagonista Dominique Donnarumma, al suo primo ruolo importante sul grande schermo, ha dichiarato di sentirsi molto vicina alla parte che interpreta, soprattutto nella "fretta" di voler crescere e, a volte, bruciare le tappe.
Completano il cast del film Antonio Di Matteo (il Mariuolo), Giuseppe Pirozzi (Peppino) e Massimiliano Caiazzo (Ciro). Questi ultimi due sono reduci dal set della serie di successo Mare Fuori, ambientata nel carcere di Nisida.
 

I due protagonisti, prigionieri del cortile come dei propri genitori, attraversano un buco che collega il mondo di tutti a una terra che ricorda l'Eden ma che pare sconsacrata. Oltre quel buco trovano il Mariuolo (Antonio De Matteo), un nuovo padre ambiguo e misterioso, vertice della loro crescita-ribellione e di una vita nuova (Nicola Prosatore)

Negli anni Ottanta non sapevamo cosa ci aspettasse. L'infanzia era finita e davanti a noi c'era un mondo sconosciuto. Il film è una metafora della vita con le sue trasformazioni (Antonia Truppo).

CRITICA DI PIANO PIANO

Sembra una favola, Piano piano. A modo suo, lo è. Un racconto di formazione ambientato in un luogo ideale e isolato, in degli anni Ottanta che non si esauriscono nella nostalgia ma significano altro, ricordo, passato e vissuto. Nicola Prosatore segue con una macchina da presa mobile e fluida le traiettorie degli sguardi e dei desideri dei suoi protagonisti; pedina, tratteggia, osa. Con la macchina da presa, col montaggio, forte di un copione (scritto da lui e partito dai ricordi d’infanza di Antonia Truppo, la mamma di Anna) che è lecito e forse doveroso tradire con le immagini. (Federico Gironi - Comingsoon.it)
Piano piano: leggi la nostra recensione completa del film

CURIOSITÀ SU PIANO PIANO

Presentato in concorso al Locarno Film Festival 2022.

FOCUS SU PIANO PIANO

Quella tra Nicola Prosatore e Antonia Truppo è una collaborazione che dura da tempo. Entrambi di origine napoletana e compagni anche nella vita, i due hanno lavorato insieme sin dal primo cortometraggio del regista nel 2014, “Il serpente, niente è come sembra” (finalista ai Nastri D'Argento) che vede Antonia nel cast con Cesare Bocci. La storia ha come protagonista Marta che, dopo aver spostato un albero sulla strada che le impediva il passaggio, viene inseguita da un’automobile sospetta in una corsa ricca di tensione. Dopo questo primo successo, il loro sodalizio artistico prosegue e nel 2021 esce il secondo corto intitolato "Destinata Coniugi Lo Giglio", dove l’attrice è sul set con Lello Arena, Isabella Salvato e Lino Musella. Qui la famiglia Lo Giglio riceve la visita di uno sconosciuto che farà scoprire loro un terribile segreto. Nel 2022 è la volta di Piano Piano, la pellicola che si ispira a un fatto realmente accaduto alla Truppo che, in questo caso, è interprete e cosceneggiatrice.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI PIANO PIANO

Attore Ruolo
Dominique Donnarumma
Anna
Giuseppe Pirozzi
Peppino
Antonia Truppo
Susi
Giovanni Esposito
Totonno
Antonio De Matteo
Il Mariuolo
Massimiliano Caiazzo
Ciro
Lello Arena
Don Gennaro

PREMI E RICONOSCIMENTI PER PIANO PIANO

Nastri d'Argento - 2023

Ecco tutti i premi e nomination Nastri d'Argento 2023

  • Candidatura miglior soggetto
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming