Padrona del suo destino

Titolo originale: Dangerous Beauty

share

Padrona del suo destino è un film di genere drammatico del 1998, diretto da Marshall Herskovitz, con Catherine McCormack e Jacqueline Bisset. Durata 111 minuti. Distribuito da 20TH CENTURY FOX ITALIA (1999) - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT.

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.3 di 5 su 44 voti

TRAMA PADRONA DEL SUO DESTINO:

A Venezia, nel 1583, Veronica Franco, giovane e molto bella, è innamorata di Marco, ma la relazione tra i due non può andare avanti: lui è di famiglia aristocratica ed è destinato ad alti incarichi, lei non ha titoli nobiliari, anzi è circondata da fama discutibile a motivo del ruolo di cortigiana a lungo esercitato dalla mamma Paola. Vista impossibile ogni alternativa, proprio Paola avvia la figlia alla professione di cortigiana. Intelligente e capace di mettere a frutto la propria istruzione ed educazione artistica, Veronica diventa in breve la cortigiana più famosa e corteggiata di Venezia. Ma tutto ciò va a scapito della possibilità di rimanere con l'uomo che ama. Marco diventa senatore della Repubblica, mentre Veronica entra a contatto con uomini potenti e viene a conoscenza di segreti importanti. Venezia è in guerra, e le mogli devono rivolgersi a Veronica per avere notizie sui mariti e sugli sviluppi delle azioni belliche. Ma la minaccia turca incombe, Venezia ha bisogno di navi e bisogna chiederle al Re di Francia. Veronica riesce ad essere l'intermediaria decisiva per convincere il sovrano. Il tribunale dell'Inquisizione però accusa Veronica di stregoneria. La ragazza viene portata in giudizio ed è invitata ad ammettere le proprie colpe, pena la condanna a morte. Marco è presente e prende le difese di Veronica. A poco a poco, la situazione si ribalta. Tutti i nobiluomini che sono stati in compagnia di Veronica vengono alla scoperto e la donna riesce a salvarsi. Anche la storia d'amore con Marco può riprendere alla luce del sole.

CRITICA DI PADRONA DEL SUO DESTINO:

"Sfarzosa e vuota commedia americana, che splende per le magnifiche ambientazioni e gli sfavillanti costumi rinascimentali (della pluriOscar Gabriella Pescucci), ma s'impantana nel melodramma appena sfiora, e succede spesso, le corde dei sentimenti. La graziosa Catherine McCormack,a differenza di Jacqueline Bisset, non ha il cosidetto fisico del ruolo". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 20 maggio 2003) "Senza dubbio curioso, istruttivo e divertente 'Padrona del suo destino' è la storia vera della cortigiana e poetessa Veronica Franco, amica di dogi, vescovi, artisti, addì nella Venezia del 1583 vestita con rasi e velluti da Pescucci, e vista con libertino rispetto dal funzionale produttore regista americano di origine televisiva Marshall Herskovitz, che obbedisce alle regole del melodramma e agli intrighi del potere". (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 13 marzo 1999)"Sulla stessa linea la regia di Marshall Herkovitz che, pur sorretto dalle belle immagini ocra e marroni di Bojan Bazelli e dagli opulenti costumi della nostra Gabriella Pescucci, non si è mai distolta dal clima feuilleton suggerito dalla sceneggiatrice. Riscattato un po' dall'interpretazione, nel panni della protagonista, di Catherine McCormack, fulva come era fulva Veronica nel ritratto che ci ha lasciato di lei il Tintoretto." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 14 marzo 1999)"Padrona del suo destino di Marshall Herskovitz è un onesto melodramma in costume: nel senso che la cosa migliore che ha da offrire sono i costumi di Gabriella Pescucci, cui aggiunge la giusta dose di emozioni melodrammatiche, una storia d'amore per tutta la vita, ricche ambientazioni, spalmando sul tutto una ragionevole dose di femminismo ante-litteram. La prima parte contiene qualche sequenza originale con tenzoni di poesia e colpi di fioretto, verbali e letterali. Andando avanti, prevalgono le ragioni del mélo: magari inevitabili, essendoci di mezzo gli stessi produttori di 'Vento di passioni'. Promossa a 'title rôle' dopo film come 'Braveheart' e 'Ballando a Lughnasa', la McCormack è molto bellina, però non ha tutta la seduttività e la carica erotica richieste dal soggetto. Difficile non pensare alla Veronica che sarebbe stata ieri Jacqueline Bisset, ancora splendida nella parte della navigata mamma Franco." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 20 marzo 1999)

CURIOSITÀ SU PADRONA DEL SUO DESTINO:

REVISIONE MINISTERO MARZO 1999.

SOGGETTO:

BASATO SULLA BIOGRAFIA DI VERONICA FRANCO "THE HONEST COURTESAN" SCRITTA DA MARGARET ROSENTHAL


  • MUSICHE: George Fenton
  • PRODUZIONE: MARSHALL HERSKOVITZ, EDWARD ZWICK, ARNON MILCHAN, SARAH CAPLAN PER BEDFORD FALLS PROD. - NEW REGENCY PICTURES

Lascia un Commento
Lascia un Commento