Lo specchio della vita

Titolo originale: Imitation of Life

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.7 di 5 su 6 voti

Lora Meredith è vedova ed ha una bambina, Susy; benché si trovi in strettezze economiche, accoglie in casa una donna di colore, Emy Johnson, che ha anche lei una bambina, Sara Jane. Lora desidera affermarsi come artista di teatro. Un giovane fotografo disoccupato, Steve, dopo averla conosciuta, s'innamora di lei, e appena trova un'occupazione, le chiede di sposarlo; ma nel frattempo un commediografo propone a Lora d'interpretare il personaggio della protagonista in un suo lavoro. Lora accetta ed inizia così la sua fortunata carriera di attrice: passa di trionfo in trionfo, conquistando fama e ricchezza. La buona Emy si occupa dell'azienda domestica, ma la sua figliola è per lei motivo di gravi preoccupazioni. Sara Jane ha la pelle quasi bianca e mal sopporta di essere considerata una negra. Quando a scuola scoprono la sua vera origine, la fanciulla non vuole più saperne di frequentarla. Intanto Lora, che è giunta ormai all'apice della sua gloriosa carriera, incomincia a soffrire di solitudine; d'altra parte la sua attività artistica le impedisce di occuparsi di Susy, che si sente trascurata. Dal canto suo, Sara Jane sente una crudele avversione per la propria madre: ella vorrebbe evadere dal suo ambiente per trovare conforto in un mondo fittizio, creato dalla sua fantasia...



CRITICA DI LO SPECCHIO DELLA VITA:

"Intenso e appassionato, stilisticamente impeccabile e ovviamente antiquato, melodramma social-sentimental-familiare di Douglas Sirk, che descrive un'America furiosamente razzista, evitando, per quanto può, di sbattere contro le insidie delle lacrime facili. Pur se quasi sfiorita, Lana Turner è ben più sexy di Sandra Dee, ochetta bionda di gran moda per oltre un decennio." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 15 ottobre 2004)

CURIOSITÀ SU LO SPECCHIO DELLA VITA:

- COLLABORAZIONE NON ACCREDITATA ALLE MUSICHE: HENRY MANCINI.- I COSTUMI DI LANA TURNER SONO DI JEAN LOUIS.- GOLDEN GLOBE 1960 A SUSAN KOHNER COME MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA.

SOGGETTO:

Romanzo "Imitation of Life" DI Fannie Hurst

Lascia un Commento
Lascia un Commento