Life - Non oltrepassare il limite

Titolo originale: Life

share

Life - Non oltrepassare il limite è un film di genere thriller, fantascienza del 2017, diretto da Daniel Espinosa, con Jake Gyllenhaal e Rebecca Ferguson. Uscita al cinema il 23 marzo 2017. Durata 103 minuti. Distribuito da Warner Bros..

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

3.6 di 5 su 159 voti

TRAMA LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE:

Nel film Life Non oltrepassare il limite, l'equipaggio di una stazione spaziale internazionale sta per tornare sulla terra, forte di una scoperta sensazionale: un campione che prova l'esistenza della vita extraterrestre su Marte. Al sicuro in una "incubatrice", la neonata forma di vita raccolta sul pianeta rosso cresce a vista d'occhio, rivelandosi più intelligente e pericolosa di quanto il gruppo di astronauti pensasse. Di fronte alla minaccia che l'alieno inizia a rappresentare per l'umanità intera, un pugno di uomini alla deriva nello spazio si prepara ad annientarlo prima che sbarchi sulla Terra.


CRITICA DI LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE:

L'originalità non è il punto di forza di questo Alien del Terzo Millennio, ma non vuole nemmeno esserlo. Aggrappandosi alle regole del genere puro da un lato, e mirando a riflessioni etico-morali e filosofiche dall'altro, il film di Daniel Espinosa cerca di far perdere i riferimenti e trasformare di continuo il basso in alto, e viceversa. Il genere però è quello che riesce meglio al regista svedese trapiantato a Hollywood, che sa come rendere elettrizzanti e cariche di tensione certe scene, e regala piccole grandi soddisfazioni con l'operato dell'organismo alieno battezzato Calvin. Ci si diverte, ma a volte si sente la mancanza di un po' d'ironia: quella che si affaccia, timida, solo nel finale. Bella e brava Rebecca Ferguson. (Federico Gironi)
Leggi la recensione completa di Life.

CURIOSITÀ SU LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE:

L'idea di base del film è nata il giorno in cui Mars Curiosity è atterrato su Marte, a partire dalla domanda: "cosa sarebbe successo se il rover avesse scoperto un organismo monocellulare vivente e lo avesse riportato nella Stazione Spaziale Internazionale per analizzarla?".
Jake Gyllenhaal ha accettato di interpretare il dottor David Jordan non solo perché intrigato dal copione, ma come piccolo omaggio a suo nonno che faceva il medico. Il personaggio di Gyllenhaal è infatti in larga parte ispirato a lui.
L'attore Ariyon Bakare ha ammesso di essere stato completamente assorbito dal copione e di essersi persino messo a urlare arrivato a una certa pagina.
Per ricreare il mondo realistico della SSI, e per fare in modo che la nuova forma di vita fosse originale ma verosimile, sono stati consultati esperti di medicina spaziale e altri scienziati.
In particolare il Dott. Adam Rutherford, genetista che ha pubblicato importanti libri sull'argomento, sebbene abbia escluso la possibilità della presenza di vita su Marte, ha suggerito l'idea di un alieno ibernato sotto la superficie del pianeta stesso.
Per lo sviluppo della creatura "Calvin", sempre Rutherford ha pensato a un fungo mucillaginoso, struttura monocellulare che si moltiplica e stratifica.
Molte delle persone che si sono occupate degli effetti e delle scenografie avevano già lavorato per Gravity, Interstellar e Sopravvissuto - The Martian.
Gli ambienti che ritraggono la SSI sono set costruiti dal vero e non riproduzioni in CG.
I pezzi del set erano modulari, con muri e soffitti rimovibili che hanno permesso l'estrema mobilità della macchina da presa.
L'elemento forse più fantascientifico del film è la creazione del modulo Harmony, un dormitorio spaziale con brandine personalizzate per i singoli componenti dell'equipaggio. In realtà, gli astronauti della SSI dormono in un sacco a pelo attaccato al muro con il velcro.
Per imparare a "fluttuare", prima dell'inizio delle riprese gli attori si sono allenati ogni giorno con la squadra stunt a utilizzare il sistema di cavi e imbracature con i quali si sarebbero dovuti muovere, ma hanno usato anche diversi attrezzi e modi per riprodurre il movimento nella loro vita quotidiana.
Ryan Reynolds per imitare al meglio l'assenza di gravità si è consultato con diversi astronauti.


  • MUSICHE: Jon Ekstrand
  • PRODUZIONE: Columbia Pictures, Nvizage, Skydance Productions

Lascia un Commento
Nuovo trailer italiano del film - HD
21820
Lascia un Commento