L'AMICO RITROVATO

L'AMICO RITROVATO

( REUNION )
Voto del pubblico
Valutazione
4 di 5 su 46 voti
Genere: Drammatico
Anno: 1989
Paese: Francia, Germania, Gran Bretagna
Durata: 110 min
Distribuzione: ACADEMY - DOMOVIDEO, PANARECORD
L'AMICO RITROVATO è un film di genere drammatico del 1989, diretto da Jerry Schatzberg, con Jason Robards e Christien Anholt. Durata 110 minuti. Distribuito da ACADEMY - DOMOVIDEO, PANARECORD.
Genere: Drammatico
Anno: 1989
Paese: Francia, Germania, Gran Bretagna
Durata: 110 min
Formato: SCOPE
Distribuzione: ACADEMY - DOMOVIDEO, PANARECORD
Sceneggiatura: Harold Pinter
Fotografia: Bruno de Keyzer
Produzione: LES FILMS ARIANE, ARBO, C.L.G. FILMS, FRANCE 3 CINEMA, MARAN FILM, NEF DIFFUSION, SOVEREIGN INVESTMENTS, TAC

TRAMA L'AMICO RITROVATO

Il settantenne ebreo Henry Strauss, naturalizzato americano, da New York si reca in Germania, apparentemente per occuparsi di alcuni ereditati beni di famiglia, in realtà per scoprire che cosa è successo, dopo il 1933, al suo compagno di scuola ed amico Konradin von Lohenburg, di nobile famiglia tedesca e fautore del nazionalsocialismo, dal momento che proprio in quell'anno Henry - il cui vero nome era Hans - era stato inviato dai genitori, prima del loro suicidio, in America, presso uno zio, al fine di evitare le persecuzioni dei nazisti. Con qualche difficoltà Henry, che da oltre 55 anni ha rifiutato di parlare il tedesco, compie le sue ricerche a Stoccarda. Nella sua memoria affiorano con prepotenza i ricordi di quel tempo: con Konradin aveva gli stessi interessi per lo studio degli autori classici, per l'archeologia, per il tiro con l'arco e nutriva lo stesso amore per la natura. I rapporti tra Hans (figlio di un medico, ma di origine contadina) e Konradin erano eccellenti: gite in bicicletta; solidarietà totale; presentazione di Konradin agli Strauss; una visita alla giovane cugina, la contessina Gertrude, già fervida ammiratrice dei membri della Hitlerjugend e antisemita, qualche pugno distribuito in un caffè ad alcuni arroganti nazisti. Un solo dissapore: la mancata presentazione di Hans ai Von Lohenburg nel foyer di una sala da concerto. Ma Konradin aveva fornito di ciò ampia spiegazione: già si sono manifestati i primi allarmanti sintomi della politica antiebraica del Fuhrer e la madre del ragazzo è dichiaratamente antisemita, talchè egli ha, di proposito, voluto che Hans non venisse umiliato. Dopo le vacanze estive, i due amici si ritrovano. Il clima attorno a loro si è fatto anche più cupo; nel ginnasio Hans è schivato dal nuovo professore e dai compagni perchè ebreo; a Stoccarda vi sono i primi e coraggiosi scioperi. Konradin ed Hans si separano e non si vedranno mai più. Il vecchio Henry rivede la sua casa e visita commosso le tombe dei genitori, coperte d'erba ai piedi del muro di cinta di un cimitero, ma vuole anche cercare le tracce del suo nobile compagno. Nella splendida villa che fu dei Lohenburg ora vi è un ufficio statale. Un anziano giardiniere gli dà l'indirizzo della contessa Gertrude, ma la dama si rifiuta di parlare del cugino. Del suo vecchio ginnasio, colpito dalle bombe durante la guerra, non resta che il nome su di un moderno edificio. Il preside indica ad Hans una lapide marmorea, con incisi i nomi della classe del '32: tutti morti in guerra sui vari fronti. E là Hans scopre anche il nome del suo grande amico giustiziato da un Tribunale nazista in quanto partecipe del complotto contro Adolf Hitler.

CRITICA DI L'AMICO RITROVATO

"Tratto da un breve romanzo, che è piuttosto un lungo racconto, di Fred Uhlman e con la solida sceneggiatura di Harold Pinter, il film propone il viaggio, forse meglio il pellegrinaggio che l'anziano Henry Strauss compie nella Patria di origine e più ancora nella memoria. Malgrado i luoghi (in cui mai egli è voluto tornare dopo la guerra, perfino rifiutandosi di parlare tedesco) e nonostante la crudezza di alcuni lampi che si aprono nella sua mente di vecchio ragazzo ebreo ormai inseritosi altrove, tutto è narrato quietamente e senza odio. C'è una realtà agghiacciante (e palpabile), ci sono gli echi attutiti di una tragedia collettiva, ma sembra che il rifiorire improvviso dei ricordi stemperi l'antica violenza, vinta dalla forza e bellezza di questa amicizia. Lo stesso lieve distacco che sempre aveva marcato il comportamento di Konradin, malgrado la sua cordialità schietta e affettuosa - retaggio inevitabile di una nobiltà intrinseca e venata di delicatezza - trova la più degna giustificazione nel destino del giovane, rimasto in Germania, ma pronto a scegliere l'olocausto della propria vita. L'ammirazione di Hans, figlio di ebrei che si dichiarano tali, ma anche fieri di essere tedeschi, si trasforma alla fine in commosso rispetto e riconoscenza davanti ad una lapide che fa tornare vivi i morti comapgni di studi, che la vita e la Storia hanno chiamato ciascuno ad ideali anche diversi. Tutto è raccontato con asciutta semplicità, con sottolineature a volte anche liete, con grande freschezza e levità di tocchi. Certo vi è nel testo letterario una intimità da diario, una intensità ancora più avvertita e sicuramente il film dà prova di una qualche lentezza narrativa. Ma il 'perché' del ritorno di Hans vecchio e il riaffiorare di tutti quei momenti e valori che la sua coscienza aveva 'rimossi' appaiono chiari e toccanti. I rapidi inserti (in bianco e nero) della realtà di oltre un mezzo secolo fa, quelle scorribande chiassose e arroganti delle giovani camicie brune, le prime brutalità, i prodromi di quella follia che nulla e nessuno potrà mai cancellare, conferiscono al film connotati e cornici più che convincenti. Al vecchio ebreo-americano, più che le polverose masserizie e qualche oggetto degli Strauss, custoditi in un magazzino sotterraneo che è da incubo solo a scendervi, resta la medagli donatagli dal nobile amico." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 108, 1990)"Da una solida sceneggiatura di Harold Pinter, un racconto a forma di diario con tanti flash (back) e qualche pagina di rara delicatezza. Una struggente storia d'amicizia con il minimo di retorica e un'ottima squadra di attori, giovani e anziani, che sicuramente commuoverà gli animi più sensibili". (Massimo Bertarelli, 'Il giornale', 11 ottobre 2000)

SOGGETTO DI L'AMICO RITROVATO

DAL ROMANZO OMONIMO DI FRED UHLMAN

INTERPRETI E PERSONAGGI DI L'AMICO RITROVATO

Attore Ruolo
Jason Robards
Henry Strauss
Christien Anholt
Hans Strauss Da Giovane
Samuel West
Conte Konradin Von Lohenburg
Françoise Fabian
Contessa Von Lohenburg
Maureen Kerwin
Lisa
Dorothea Alexander
La Vecchia Contessa Gertrud
Gideon Boulting
Principe Hubertus
Jacques Brunet
Conte Von Lohenburg
Rupert Degas
Muller
Tim Baker
Affittacamere
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming